AFP
Sono già esplose le prime proteste.
MYANMAR
01.02.2021 - 07:460
Aggiornamento : 08:45

Colpo di Stato in Birmania: l'esercito prende il controllo del paese

Aung San Suu Kyi, a capo del Governo, è stata arrestata dalle forze armate

NAYPYIDAW - Colpo di stato a Myanmar: la capo del governo di fatto Aung San Suu Kyi è stata arrestata e tutti i poteri sono stati trasferiti al generale Min Aung Hlaing, capo delle forze armate.

La decisione è stata comunicata la notte scorsa dall'esercito, poco dopo l'annuncio alla tv statale dello stato di emergenza per un anno e della presidenza ad interim affidata al generale Myint Swe, che era uno dei due vicepresidenti in carica.

Il colpo di stato in Birmania ha portato anche alla chiusura di tutte le banche del Paese da oggi fino a nuovo ordine, e al contempo sono sospesi anche i servizi di prelievo automatici - ha annunciato l'associazione birmana degli istituti bancari.

Vi sono inoltre vaste interruzioni sulla rete Internet. «Le interruzioni delle telecomunicazioni - osserva la società Netblocks - sono iniziate circa alle 3:00 di lunedì mattina, ora locale e hanno avuto un impatto il tutto il Paese, compresa la capitale. Probabilmente, per questo motivo, sarà difficile seguire gli eventi che si stanno verificando in queste ore».

Diversi funzionari della Lega nazionale per la democrazia (LND), partito di Aung San Suu Kyi, sono stati arrestati poche ore prima della riunione inaugurale del Parlamento recentemente insediato.

I militari denunciavano da diverse settimane irregolarità avvenute durante le elezioni legislative di novembre, vinte in modo schiacciante Lega nazionale per la democrazia (LND), partito di Aung San Suu Kyi.

Con il pretesto della pandemia di coronavirus, le elezioni «non sono state né libere né eque», ha assicurato in conferenza stampa la scorsa settimana il portavoce dell'esercito, il maggiore generale Zaw Min Tun. I militari affermano di aver identificato milioni di casi di frode, tra cui migliaia di centenari o minori che risulterebbero tra i votanti.

Più di una dozzina di ambasciate, tra cui quella degli Stati Uniti e la delegazione dell'Unione Europea, lo scorso venerdì avevano sollecitato la Birmania ad «aderire a standard democratici», che assieme all'Onu, temevano il colpo di stato.

Il partito di Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991, molto criticato a livello internazionale per la gestione della crisi musulmana Rohingya ma ancora adorato dalla maggioranza della popolazione, ha ottenuto una schiacciante vittoria a novembre. È la seconda vittoria nelle elezioni generali dal 2011, quando la giunta che ha governato il Paese per mezzo secolo è stata sciolta. L'esercito, tuttavia, mantiene un potere molto importante, avendo il controllo su tre ministeri chiave (Interno, Difesa e Confini).

«Non accettate il golpe» - Aung San Suu Kyi ha esortato il popolo birmano a «non accettare il colpo di Stato»: lo ha riferito il partito della leader birmana.

«Esorto la popolazione a non accettarlo, a rispondere e a protestare con tutto il cuore contro il colpo di Stato dei militari»: ha fatto sapere Suu Kyi in una dichiarazione diffusa dal suo partito, la Lega Nazionale per la Democrazia (NLD), secondo quanto riporta la BBC. 

Reuters
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-14 12:16:24 | 91.208.130.87