Keystone
GLOBO
12.12.2020 - 15:560
Aggiornamento : 16:39

Clima: «Il mondo dichiari lo stato d'emergenza»

Lo ha chiesto il Segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres

WASHINGTON - Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha lanciato un appello alla comunità internazionale perché dichiari «lo stato di emergenza» sul fronte dei cambiamenti climatici.

Guterres ha ribadito la necessità di sforzi importanti per raggiungere l'obiettivo di abbattere le emissioni del 45% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2010. Il segretario generale è intervenuto al summit di Londra teso a rilanciare gli accordi di Parigi, tenutosi in forma virtuale.

Parlando all'apertura del vertice sull'ambizione per il clima, tenutosi online per celebrare i cinque anni dall'accordo di Parigi, il segretario generale dell'Onu ha avvertito che gli attuali impegni delle nazioni sono «tutt'altro che sufficienti» per limitare l'aumento della temperatura a 1,5 gradi.

«Se non cambiamo rotta, potremmo essere diretti a un aumento catastrofico della temperatura di oltre 3 gradi in questo secolo», ha aggiunto. «Questo è il motivo per cui oggi invito tutti i leader mondiali a dichiarare lo stato di emergenza climatica nei loro stati fino al raggiungimento della neutralità delle emissioni», ha precisato.

«I paesi del G20 stanno spendendo il 50% in più nei loro pacchetti di salvataggio su settori legati ai combustibili fossili che all'energia a basse emissioni di carbonio - ha sottolineato ancora Guterres - Questo è inaccettabile. Non possiamo usare queste risorse per bloccare politiche che gravano sulle generazioni future con una montagna di debiti su un pianeta distrutto».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 3 mesi fa su tio
Parla da dove quello che tra poco farà le valige che ha sbattuto la porta mollando gli accordi di Parigi. Pare che il successore rientri dalla finestra e credo che in primis siano le grandi Nazioni a fare la loro parte. La Polonia utilizza il carbone per produrre energia e dopo aver dato il veto per la ridistribuzione degli aiuti alle Nazioni che ne fanno parte, gli hanno promesso un pacco di miliardi per convertire il sistema di produzione d'energia. Ha tolto subito il veto avendo raggiunto il suo scopo. UE è formata da Nazioni che ricattano e poi ottengono; faranno così anche con la Svizzera in relazione all'accordo quadro ? Hanno già detto di no e noi con cosa le ricattiamo ? Embargo sulle forme di formaggio Appenzeller ?
Don Quijote 3 mesi fa su tio
Ecco la pastura quotidiana per vendere vaccini e altri tostapane al posto di automobili...
seo56 4 mesi fa su tio
No comment!! Ma chi li paga questi personaggi-:(((((
LucaAstro 4 mesi fa su tio
@seo56 No comment! Ma sul tuo commento
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 22:47:22 | 91.208.130.87