Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (Miguel Gutierrez)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
PERÙ
23 min
Violenta scossa di terremoto in Perù: magnitudo 7.2
La popolazione è scesa in strada temendo scosse di assestamento
STATI UNITI
1 ora
«È morta a 10 anni, cercando di salvare i suoi compagni»
Mentre si ricostruiscono le azioni dell'omicida di Uvalde, il dolore dei famigliari delle vittime rimbomba nel mondo
INDIA
3 ore
Cinque ore bloccati sull'aereo, senza nessuna informazione
L'ira dei passeggeri che ieri dovevano volare con SpiceJet: «Ci hanno detto solo che c'era un server rotto»
ITALIA
4 ore
L'incendio di Stromboli è nato sul set di una fiction Rai
I Vigili del Fuoco hanno domato le fiamme nelle scorse ore, intanto infuria la polemica
FOTO
GIAPPONE
4 ore
Due meloni dell'Hokkaido da quasi 23mila franchi
Prezzi in aumento alla prima asta della stagione rispetto a un anno fa
MONDO
6 ore
Vaiolo delle scimmie, più colpito «chi ha più partner sessuali»
Le valutazioni del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC)
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Il Cremlino: «Kiev accetti le richieste di Mosca, e la realtà»
Nel frattempo, altri due soldati russi si sono dichiarati colpevoli di crimini di guerra. La sentenza il 31 maggio.
STATI UNITI
7 ore
«Ti amo. Vado a sparare in una scuola»
È emerso il contenuto dei messaggi inquietanti inviati dall'autore della strage alla scuola elementare
STATI UNITI
19 ore
«Sto per sparare in una scuola elementare»
I messaggi su Facebook del 18enne di Uvalde. Nella strage sono morti 19 bambini e due insegnanti
FRANCIA
22 ore
Fermato un 18enne, preparava un attentato
Il giovane si era filmato mentre prestava fedeltà all'Isis. Il fermo risale a venerdì scorso
VENEZUELA
07.12.2020 - 17:560

Dall'America del Sud all'Europa: «Elezioni non credibili»

Ue, Usa, e molti altri paesi hanno dichiarato di non riconoscere la legittimità delle elezioni

CARACAS - Sedici Paesi americani hanno firmato una dichiarazione congiunta nella quale non riconoscono la legittimità e condannano le elezioni legislative tenutesi domenica 6 dicembre in Venezuela, vinte dal Gran Polo Patriottico chavista del presidente Nicolas Maduro, con una forte astensione e la mancata partecipazione della parte dell'opposizione fedele all'autoproclamato presidente Juan Guaidò.

Le elezioni «organizzate dal regime illegittimo di Nicolás Maduro mancano di legalità e legittimità perché si sono svolte senza le garanzie minime di un processo democratico, libertà, sicurezza e trasparenza, integrità dei voti, partecipazione di tutte le forze politiche, osservazione internazionale», si legge nel documento.

I firmatari della dichiarazione, riportata dal ministero degli Esteri peruviano, sono Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Guyana, Haiti, Honduras, Panama, Paraguay, Perù, Repubblica Dominicana, Santa Lucia.

«Chiediamo alla comunità internazionale di unirsi alla condanna di queste elezioni fraudolente e di sostenere gli sforzi per il recupero della democrazia, il rispetto dei diritti umani e lo stato di diritto in Venezuela», continua la dichiarazione, che lancia un appello a tutti gli attori venezuelani a «impegnarsi con urgenza in un processo di transizione, definito e promosso dai venezuelani, per trovare una soluzione pacifica e costituzionale che porti il paese a elezioni presidenziali e parlamentari libere, eque e credibili, il prima possibile».

Stati Uniti - Gli Usa continueranno a riconoscere Juan Guaidò come presidente del Venezuela. Lo ha affermato in un comunicato il segretario di stato Usa Mike Pompeo.

«La comunità internazionale non può permettere a Nicolas Maduro di rubare una seconda elezione», ha aggiunto Pompeo, sottolineando come Maduro «detiene illegittimamente il potere avendo rubato le elezioni del 2018».

Unione europea - «I ministri degli esteri dell'UE in modo unanime hanno concordato» che le elezioni venezuelane del 6 dicembre 2020 per l'Assemblea nazionale «non hanno rispettato gli standard internazionali minimi per un processo credibile per mobilitare il popolo venezuelano a partecipare».  Lo ha detto l'Alto rappresentante dell'UE Josep Borrell al termine del consiglio esteri a Bruxelles.

In una nota si precisa che «la mancanza di rispetto per il pluralismo politico e l'avere squalificato i leader dell'opposizione non consentono all'Ue di riconoscere questo processo elettorale come credibile, inclusivo o trasparente e i suoi risultati come rappresentativi della volontà del popolo venezuelano».

Secondo Borrell «il Venezuela ha urgente bisogno di una soluzione politica per uscire dall'impasse e consentire urgentemente la fornitura dell'assistenza umanitaria necessaria alla sua popolazione».

L'Unione europea invita dunque le autorità e i leader venezuelani a dare la "priorità agli interessi del popolo venezuelano e a riunirsi urgentemente per avviare un processo di transizione guidato dai venezuelani, per trovare una soluzione pacifica, inclusiva e sostenibile alla crisi politica, attraverso elezioni presidenziali e legislative inclusive e trasparenti. L'Ue è pronta a sostenere tale processo e continuerà a lavorare con tutti gli attori interessati", conclude la nota.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 15:57:43 | 91.208.130.85