«Quello di Trump non sarà un addio facile»
Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA/AUSTRALIA
8 ore
Sottomarini, Parigi richiama gli ambasciatori
È crisi diplomatica tra Francia e Australia dopo il contratto d'acquisto cancellato
AFGHANISTAN
9 ore
Dieci civili vittime del drone: il Pentagono ammette
L'episodio è avvenuto poco prima del ritiro delle truppe Usa da Kabul
Egitto
12 ore
In progetto una ferrovia lunga 1'800 chilometri per attraversare il deserto
Firmato l'accordo per la costruzione della prima tratta con la multinazionale tedesca Siemens
ITALIA
13 ore
Green Pass per lavorare, boom di prenotazioni per il vaccino in Lombardia
La cifra è più che raddoppiata rispetto all'inizio della settimana
STATI UNITI / CINA
14 ore
ll boom del traffico intercontinentale dei falsi certificati Covid
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
STATI UNITI
14 ore
La Cop26 è «ad alto rischio di fallimento»
Il presidente Usa Biden considera il rapporto sul clima un «codice rosso per l'umanità»
Giappone
15 ore
Un messaggio in bottiglia vince lo spazio e il tempo
Si tratta di uno strumento di studio di un club di scienze naturali del liceo di Choishi
BELGIO
16 ore
Attentati di Bruxelles, Salah Abdeslam rinviato a giudizio
Sei dei 10 imputati sono alla sbarra anche per le stragi di Parigi del 2015
PAESI BASSI
18 ore
Almelo, due morti e un uomo che scaglia frecce sui passanti con una balestra
Il sospetto è stato arrestato dalla polizia, che parla anche di un altro ferito
DANIMARCA
18 ore
Verso una nuova regolamentazione sulla caccia alle balene
Non sono mancate le risposte alle accuse sui social: «È solo che il nostro mattatoio è a cielo aperto»
STATI UNITI
19 ore
Causa da un milione di dollari per... un taglio di capelli
Varie le accuse contro le istituzioni scolastiche, tra cui discriminazione razziale, aggressione e percosse
FOTO
INDIA
19 ore
Crolla ponte in costruzione, feriti 14 operai
Il cedimento di una delle travi sarebbe all'origine dell'incidente a Mumbai
STATI UNITI
06.11.2020 - 22:020
Aggiornamento : 07.11.2020 - 15:29

«Quello di Trump non sarà un addio facile»

Lo afferma la giornalista Manuela Cavalieri in diretta da Washington. Guarda la videointervista.

Joe Biden sarà davvero il nuovo presidente degli USA? E ora cosa accadrà? Tutti i dubbi e le speranze degli americani.

WASHINGTON - «È molto probabile che ci sarà un addio. Ma non sarà un addio facile». Così la giornalista Manuela Cavalieri, ospite di piazzaticino.ch, in diretta live da Washington, descrive la possibile detronizzazione del repubblicano Donald Trump da presidente americano. Al suo posto, e il condizionale resta d'obbligo, dovrebbe subentrare il democratico Joe Biden. «Trump è deciso a non mollare la presa. Ha già messo in campo i suoi avvocati. Ce ne sono dappertutto. Specialmente in Pennsylvania, dove è stato invocato addirittura l'intervento della Corte Suprema. La situazione non è pacifica».

Come sta vivendo l'americano medio questo Election Day infinito?
«C'è grandissima tensione, tutte le più grandi città sono sotto assedio. Washington, dove vivo, sta vivendo questo momento di transizione con timore, in primis per la paura di scontri. Tutte le vetrine del centro sono barricate, non c'è alcuna serenità. Chiunque sarà il vincitore, sarà un vincitore che non ha ottenuto un plebiscito. Siamo di fronte a un Paese spaccato. Per la prima volta, da oltre 100 anni, ha votato quasi il 67% degli elettori. C'è stata una grande partecipazione popolare, hanno votato praticamente tutti. Ecco perché il risultato delle elezioni per entrambi i candidati non sarà facile da accettare». 

Come si spiega questa massiccia partecipazione al voto?
«Gli americani hanno votato non solo per un candidato, ma per un sistema di valori. Chiunque dei due vincerà, cambierà il corso della storia. Si tratta di due filosofie con sistemi di valori inconciliabili. Ed è questo che forse fa più paura adesso. C'è da dire che Biden è una "vecchia volpe" della politica americana, è abituato a dialogare con gli avversari. Adesso gli avversari non sono più tali, sono nemici. Negli ultimi quattro anni, non c'è stato alcun tipo di conciliazione tra repubblicani e democratici. Con Biden probabilmente ci sarà, lui è abituato a interloquire con gli avversari repubblicani, è riuscito a portare a casa spesso successi di mediazione notevoli, probabilmente lo farà anche da presidente». 

Trump sembra non sapere perdere. Che messaggio sta dando al mondo?
«Trump parla in maniera chiara di frodi, di imbrogli. Questi imbrogli non sono stati dimostrati in alcuna sede. È veramente una situazione di grande imbarazzo istituzionale. Va comunque specificato che il testa a testa è notevole. Non si sta parlando di una netta vittoria di Biden. I repubblicani, di conseguenza, non hanno alcuna intenzione di mollare l'osso. Almeno non subito. Si parla, appunto, di Corte Suprema».

Il voto per posta, con tempistiche del genere, è sotto accusa.
«Effettivamente c'è bisogno di riformare il sistema, nelle sue modalità. Non permettendo più di spedire il voto all'ultimo giorno, come è successo. Gli americani, in ogni caso, non rinunceranno mai al voto per posta».

Cosa dovrà fare il prossimo presidente degli Stati Uniti, chiunque esso sia?
«Il prossimo presidente si troverà davanti un Paese spaccato. Dovrà riunificarlo. Non ci sono più avversari politici, ma solo nemici, fazioni. Lo dimostra, come anticipato, il fatto che tutte le grandi città sono state barricate. Il Paese sta vivendo questa elezione con grande fermento. Intanto, Biden sembra essere pronto a parlare alla Nazione».

Qualcuno ipotizza scenari di guerra civile. È un'ipotesi reale?
«No. Entrambi gli schieramenti hanno schiere di estremisti, ma non con numeri tali da fare pensare a una guerra civile. A necessitare una guarigione è l'anima del Paese. Gli Stati Uniti potranno tornare ad avere rilievo sullo scacchiere internazionale soltanto quando riavranno un equilibrio. Negli USA non c'è mai stata una polarizzazione così forte. Ha sempre vinto una posizione di centro. Stavolta non è così, come sapete Biden è anche appoggiato dalla sinistra estrema. Un dubbio che alcuni hanno è che Biden possa dovere qualche favore in più a quest'ala estrema. Penso però che Biden cercherà di essere il presidente di tutti, non solo di chi l'ha votato».      


 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 07:48:59 | 91.208.130.86