keystone-sda.ch / STF (Sunday Alamba)
+12
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Sgomberati tutti i migranti accampati al confine
Non c'è più nessuno sotto il ponte di Del Rio, alla frontiera messicana
STATI UNITI
2 ore
Linda Evangelista chiede 50 milioni di dollari
La top model vuole essere risarcita per il «disagio emotivo» e per le perdite economiche subite
NUOVA ZELANDA
3 ore
Vai al fast food e ricevi il vaccino
È quanto sta pensando di attuare il governo della Nuova Zelanda, in trattative con KFC
GERMANIA
4 ore
Un testa a testa per la Cancelleria
Scholz:«Sento che la gente vuole una svolta». Merkel nell'ultimo dibattito: «Dovrà essere Laschet»
ITALIA
5 ore
Puigdemont può lasciare la Sardegna
Lo ha detto l'avvocato dell'ex presidente della Catalogna. Non ci sarebbero misure cautelari di alcun genere
NORVEGIA
6 ore
L'abbraccio liberatorio: «Torniamo alla vita normale»
Niente più distanziamento sociale, basta limiti agli eventi. Una decisione possibile «grazie alla campagna vaccinale»
FOTO
SPAGNA
7 ore
«Fenomeni esplosivi», le autorità ordinano di non uscire di casa
È prevista «un'intensa emissione di cenere» dal Cumbre Vieja
GERMANIA
7 ore
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
ITALIA
8 ore
Puigdemont torna libero
Resta da prendere una decisione sull'estradizione in Spagna
INDIA
8 ore
Gangster assassinato in tribunale da due killer
Jitender Maan Gogi era comparso in aula per rispondere delle varie accuse a suo carico
PAESI BASSI
10 ore
A 12 anni vince la causa contro il padre No-vax
Il papà non voleva che il figlio si vaccinasse. Il tribunale dà ragione al ragazzo.
NIGERIA
21.10.2020 - 14:090
Aggiornamento : 22.10.2020 - 16:29

La Nigeria precipita nel caos: proteste e spari sui manifestanti

Proseguono le manifestazioni, nonostante il coprifuoco indetto dalle autorità. Il Governo replica: «nessun morto».

La protesta antigovernativa lamenta un cambio al vertice: la Nigeria, primo esportatore di petrolio d'Africa, ha ancora 80 milioni di abitanti senza elettricità

LAGOS - I nigeriani sono oggi sotto shock dopo le notizie riguardanti i manifestanti uccisi durante le proteste pacifiche antigovernative svoltesi ieri nella città di Lagos, e per le quali Amnesty International ha accusato le forze di sicurezza.

Non c'è stato un immediato bilancio per quanto accaduto ieri pomeriggio, quando testimoni hanno riferito che uomini armati hanno aperto il fuoco su una folla di oltre mille persone con l'obiettivo di disperderle dopo il coprifuoco imposto per mettere fine alla spirale di proteste contro le brutalità della polizia.

Il Governo nega - Il governatore dello Stato di Lagos, Babajide Santo-Olu, ha affermato che non ci sono state vittime, ma che sono state ferite 25 persone, di cui due sono in rianimazione. «Ci conforta non aver registrato alcun morto, a differenza di quanto è circolato ampiamente sui social media», ha detto il governatore, aggiungendo che ha ordinato indagini nelle «regole d'ingaggio degli uomini dell'esercito nigeriano schierati la scorsa notte».

«Questa è la notte più difficile delle nostre vite, in quanto forze fuori dal nostro controllo diretto si sono mosse per segnare note oscure nella nostra storia», aveva detto in precedenza il governatore via Twitter, pubblicando fotografie che lo ritraggono in visita negli ospedali alle prime ore di stamattina.

«Riconosco che la responsabilità ultima è la mia e lavorerò con il governo federale per conoscere il resto di questo sfortunato incidente», ha aggiunto. Amnesty ha detto che diversi manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza e che è «al lavoro per verificare» il bilancio dei morti.

Il coprifuoco - Nel frattempo, il coprifuoco indetto al Governatore continua. Nonostante l'annuncio parlava soltanto di 24 ore, un portavoce dell'amministrazione di Lagos ha precisato in seguito all'Afp che si tratta di una misura della durata "indefinita" e riguardante sempre l'intero arco della giornata.

Il provvedimento è stato imposto dal governatore sostenendo che la protesta è degenerata in un «mostro» di eccessive violenze ed è stata infiltrata da «criminali» che hanno solo l'intento di «scatenare il caos»: «non staremo a guardare e non permetteremo l'anarchia», ha ammonito, riferendosi implicitamente alle violenze avvenute ieri in mattinata.

La protesta - Quest'ondata di proteste, la più grande degli ultimi 30 anni, sta scuotendo il paese più popoloso d'Africa (circa 200 milioni di abitanti), con un'età media di soli 17,9 anni e con il più grande numero di poveri al mondo (91 milioni nel 2018 vivevano come meno di due dollari al giorno). Inoltre, Transparency International colloca la Nigeria al 146esimo posto per corruzione fra i 180 paesi presi in esame.

La protesta è partita dalle reti sociali con la richiesta, poi accolta l'11 ottobre dal presidente Muhammadu Buhari, di smantellare la Special Anti-Robbery Squad (Sars), la squadra speciale anti-rapina famigerata per i suoi sequestri, estorsioni, aggressioni ed esecuzioni.

La chiusura non ha però calmato la protesta che, cominciata seguendo l'hashtag #EndSARS, è arrivata a chiedere una riforma delle forze di sicurezza e infine «un miglior governo» del paese: democratico dal 1999, primo esportatore di petrolio d'Africa ma con 80 milioni di persone senza elettricità, secondo una rilevazione della Banca mondiale.

keystone-sda.ch / STF (Sunday Alamba)
Guarda tutte le 16 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Max1971 11 mesi fa su tio
Errata corrige. Circa 200 milioni di abitanti, non 20. Grazie.
Max1971 11 mesi fa su tio
Circa 200 mio I di abitanti. Grazie.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 00:25:58 | 91.208.130.85