keystone-sda.ch / STF (ROMAN PILIPEY)
CINA
02.07.2020 - 10:110

I focolai di Pechino «collegati al sudest asiatico»

È quanto emerge da uno studio effettuato da un gruppo di ricercatori dell'Università di Harvard

PECHINO - Si restringe il cerchio sulla possibile provenienza del coronavirus che ha causato i più recenti focolai a Pechino. Secondo uno studio, in attesa di revisione paritaria, realizzato da un team dell'Università di Harvard i ceppi del virus sarebbero originari dell'Asia meridionale e del sudest asiatico.

Lo studio ha confrontato tre ceppi virali - due prelevati da pazienti di Pechino e il terzo dall'ambiente - messi a disposizione dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive (CDC).

E dai risultati emerge che questi appartengono a un gruppo circolato ampiamente in Europa nei mesi passati ma che in tempi recenti è stato rilevato «quasi solamente» nelle zone tropicali del continente asiatico. «I nuovi casi a Pechino sono stati reintrodotti per trasmissione dal sudest dell'Asia», tra i mesi di aprile e giugno, si legge nel paper.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 13:57:58 | 91.208.130.86