Keystone
La moglie di Rayshard Brooks, Tomika Miller, con in braccio la figlia Memory, 2 anni
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore
Trump nomina Amy Coney Barrett giudice della Corte Suprema
La decisione sposta ancora più a destra la massima istanza giudiziaria statunitense.
BIELORUSSIA
7 ore
In più di 90 in manette dopo le manifestazioni anti Lukashenko
La maggior parte delle persone fermate sono donne. In centinaia hanno preso parte ai raduni a Minsk.
FRANCIA
9 ore
Attacco a Parigi, salgono a nove i fermi
Tutti i cittadini pachistani fermati provengono dalla Val d'Oise
ITALIA
9 ore
Dice di chiamarsi "Julia Roberts" e da un mese dorme nella sala d'attesa dell'ospedale di Vigevano
Nessuno sa chi sia. Fisicamente è sana, ma avrebbe subito un forte shock
REGNO UNITO
10 ore
Proteste anti-confinamento: manifestanti e polizia si scontrano
Almeno tre dimostranti e quattro agenti sono rimasti feriti a Londra.
INDIA
12 ore
Superstite si filma tra le macerie: «Addio mia cara»
L'uomo era rimasto incastrato per più di 10 ore. Nel crollo sono morte almeno 20 persone
ITALIA
13 ore
Torna a trovare la mamma: arrestato
Era ricercato a livello europeo perché ritenuto una persona contigua a elementi dell'area integralista islamica.
STATI UNITI
13 ore
La Florida toglie le restrizioni a bar e ristoranti
Sarà inoltre proibito multare chi non indossa la mascherina o non osserva il distanziamento sociale
FRANCIA
14 ore
Attacco a Parigi, l'aggressore: «Non sopportavo le caricature di Maometto»
Il 18enne pachistano ha «riconosciuto» e «rivendicato» il suo atto. Pensava di attaccare Charlie Hebdo
LIBANO
15 ore
Il premier designato abbandona l'incarico
A pesare sulla decisione il disastro al porto di Beirut ad inizio agosto
STATI UNITI
15.06.2020 - 19:560

«Quante proteste ci vorranno ancora per fermare la polizia violenta?»

A chiederselo è la famiglia di Rayshard Brooks, ucciso con due colpi di pistola alla schiena durante un fermo.

ATLANTA - «Basta, siamo stanchi! Quante proteste ci vorranno ancora per fermare la polizia violenta e per far sì che la prossima vittima non sia vostro cugino, vostro fratello, vostro zio, vostro nipote, il vostro amico o il vostro compagno?». Il grido di dolore della famiglia di Rayshard Brooks, il 27enne afroamericano ucciso da due agenti ad Atlanta, è affidato alle parole della nipote della vittima, Tiara, mentre per le strade della città in migliaia continuano incessantemente a manifestare e a chiedere giustizia per quello che viene considerato a tutti gli effetti un omicidio.

Lo afferma con forza Stacey Abrams, probabile candidata vicepresidente di Joe Biden, la pasionaria che è arrivata a un soffio dal diventare la prima governatrice donna e afroamericana della Georgia. E i risultati dell'autopsia sul corpo di Brooks sembrano rafforzare la tesi dell'omicidio, sposata dai legali della famiglia della vittima: fatali per Rayshard sono stati due colpi di pistola sparati alla schiena, mentre fuggiva. A freddarlo alle spalle sarebbe stato uno degli agenti che lo avevano fermato. Due pallottole che hanno compromesso organi vitali e causato una violenta emorragia. «Un comportamento senza alcuna giustificazione verso una persona che non rappresentava alcuna minaccia», spiegano gli avvocati dei familiari.

Intanto la moglie di Rayshard, Tomika Miller, con in braccio la figlia piange in diretta tv e chiede l'arresto immediato degli agenti coinvolti, ancora a piede libero nonostante il poliziotto che ha sparato sia stato licenziato in tronco e la capa della polizia di Atlanta si sia dimessa. La decisione sugli eventuali capi di accusa dei due agenti è attesa nei prossimi giorni, ha spiegato il procuratore distrettuale della contea di Fulton, Paul Howard, sottolineando come dalle immagini emerga che «Brooks non sembra rappresentare una minaccia per nessuno». E il fatto che l'intervento degli agenti sia il risultato di un'escalation nei toni, ha aggiunto, «è irragionevole».

Intanto altre morti sospette vengono alla luce in varie parti del Paese. A Los Angeles un ragazzo afroamericano di 24 anni è stato trovato impiccato ad un albero e si indaga per appurare se sia trattato di suicidio o omicidio. A New York, nel Bronx, un altro afroamericano è stato trovato carbonizzato con le mani legate: anche qui si indaga per verificare se si tratti di un omicidio a sfondo razziale.

Nel frattempo non solo ad Atlanta, ma in tutta America, si continua a protestare, giorno e notte. Le ultime imponenti manifestazioni a San Francisco, dove il Bay Bridge è stato bloccato da migliaia di persone, e a Washington, dove altre migliaia di persone hanno portato la protesta ancora una volta davanti alla Casa Bianca, contestando il presidente Donald Trump di ritorno dalla sua residenza in New Jersey dove aveva festeggiato il suo compleanno. Strade invase anche a New York e Los Angeles.

Il tycoon appare sempre più assediato dall'ondata di proteste, a cui continua a contrapporre il suo 'law and order' ossessivamente ripetuto su Twitter. Mentre il nuovo picco di contagi da coronavirus in almeno 18 Stati Usa mette fortemente in discussione la ripresa dalla sua campagna elettorale.

Forti le pressioni delle autorità sanitarie perché cancelli o rinvii il comizio di Tulsa, in Oklahoma, fissato per il 20 giugno: troppo pericoloso. La risposta del tycoon, per ora, sempre su Twitter: "Quasi un milione di persone ha chiesto il biglietto per il comizio di sabato sera a Tulsa, in Oklahoma!". Non sembra demordere dunque, mentre la Fda (Food and Drug Administration) ha ritirato l'autorizzazione all'uso di due controversi farmaci contro il coronavirus promossi dal presidente, l'idrossiclorochina e la clorochina: non hanno superato i recenti test clinici e i medici.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 04:13:41 | 91.208.130.89