Keystone
"Togliete fondi alla polizia", recita il cartello di un manifestante
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
Trump nomina Amy Coney Barrett giudice della Corte Suprema
La decisione sposta ancora più a destra la massima istanza giudiziaria statunitense.
BIELORUSSIA
6 ore
In più di 90 in manette dopo le manifestazioni anti Lukashenko
La maggior parte delle persone fermate sono donne. In centinaia hanno preso parte ai raduni a Minsk.
FRANCIA
7 ore
Attacco a Parigi, salgono a nove i fermi
Tutti i cittadini pachistani fermati provengono dalla Val d'Oise
ITALIA
8 ore
Dice di chiamarsi "Julia Roberts" e da un mese dorme nella sala d'attesa dell'ospedale di Vigevano
Nessuno sa chi sia. Fisicamente è sana, ma avrebbe subito un forte shock
REGNO UNITO
9 ore
Proteste anti-confinamento: manifestanti e polizia si scontrano
Almeno tre dimostranti e quattro agenti sono rimasti feriti a Londra.
INDIA
10 ore
Superstite si filma tra le macerie: «Addio mia cara»
L'uomo era rimasto incastrato per più di 10 ore. Nel crollo sono morte almeno 20 persone
ITALIA
11 ore
Torna a trovare la mamma: arrestato
Era ricercato a livello europeo perché ritenuto una persona contigua a elementi dell'area integralista islamica.
STATI UNITI
11 ore
La Florida toglie le restrizioni a bar e ristoranti
Sarà inoltre proibito multare chi non indossa la mascherina o non osserva il distanziamento sociale
FRANCIA
12 ore
Attacco a Parigi, l'aggressore: «Non sopportavo le caricature di Maometto»
Il 18enne pachistano ha «riconosciuto» e «rivendicato» il suo atto. Pensava di attaccare Charlie Hebdo
LIBANO
14 ore
Il premier designato abbandona l'incarico
A pesare sulla decisione il disastro al porto di Beirut ad inizio agosto
REGNO UNITO
16 ore
Londra in allerta per le manifestazioni anti-Covid
La polizia ha fatto sapere che «non tollererà violenze»
FRANCIA
17 ore
Un altro fermo per l'attacco a Parigi
Oltre al diciottenne pachistano, sono 7 le persone ancora detenute
STATI UNITI
17 ore
Trump ha scelto la sostituta del giudice Ginsburg
L'annuncio della Casa Bianca è atteso nelle prossime ore
ITALIA
17 ore
A un mese dal contagio, è ancora Covid-positivo
Il Cavaliere settimana prossima compierà gli anni, ma per lui nessuna super festa
FOTO
UCRAINA
1 gior
Precipita un aereo della scuola d'aviazione militare: almeno 22 i morti
Il velivolo stava rientrando al vicino aeroporto quando qualcosa è andato storto, Zelensky: «È una tragedia»
FRANCIA
1 gior
Parigi, fermate altre 5 persone: «È un atto terroristico islamista»
La dura condanna del ministro degli Interni Gerald Darmanin, arrestati 3 coinquilini del 18enne: «Non era radicalizzato»
STATI UNITI
14.06.2020 - 09:400
Aggiornamento : 10:51

Afroamericano ucciso ad Atlanta: la capa della polizia si dimette

La sindaca: «Dagli agenti uso ingiustificato della forza». Donald Trump rimanda il suo primo comizio.

ATLANTA - In una spirale di sangue che sembra non finire mai, la polizia americana ha ucciso un altro afroamericano, stavolta ad Atlanta, dove è scoppiata la rabbia. «Non ritengo si sia trattato di un uso giustificato della forza», ha affermato la sindaca Keisha lance Bottoms, annunciando che la capa della polizia della città, Erika Shields, ha rassegnato le dimissioni in seguito all'accaduto e mentre migliaia di persone sono già in strada a manifestare.

In piazza da giorni per George Floyd, l'America si ritrova così di fronte a un nuovo fatto di sangue destinato a scuotere le coscienze e sollevare ulteriori polemiche contro le forze dell'ordine. I contorni di quanto accaduto in Georgia sono ancora tutti da definire: le ricostruzioni iniziali non chiariscono i fatti, anzi gettano nuova benzina sul fuoco delle proteste anti-razziste.

Rayshard Brooks, 27 anni, stava dormendo nella sua auto in un parcheggio di uno dei ristoranti della catena Wendy's quando la polizia è arrivata sul posto. Dopo essere risultato positivo al test dell'alcolemia, Brooks si è ribellato all'arresto. A nulla è valso il tentativo di usare il taser: l'uomo è riuscito a divincolarsi dalla presa e, mentre scappava, è stato colpito alla schiena da tre colpi di arma da fuoco sparati dalla polizia. Nonostante l'immediato trasporto in ospedale e l'intervento chirurgico, Brooks è morto.

Sul luogo dell'incidente, dopo i video diffusi dai testimoni che hanno fatto il giro del web, si sono subito radunate decine di persone per chiedere giustizia. «Dormiva in auto e invece di aiutarlo l'hanno ucciso», hanno protestato i manifestanti. In seguito in migliaia hanno invaso pacificamente le strade di Atlanta per esprimere la loro rabbia contro l'uso eccessivo della forza da parte della polizia. I manifestanti hanno anche bloccato l'autostrada intorno alla città.

Le indagini per chiarire l'accaduto sono in corso. L'agente che ha sparato e ucciso Rayshard Brooks è stato licenziato. L'altro poliziotto coinvolto nel caso è stato invece assegnato a lavori d'ufficio. La polizia ha anche pubblicato foto e nomi dei due poliziotti, Devin Brosnan, colui che ha sparato, e Garrett Rolfe.

Le associazioni per i diritti civili chiedono la rimozione della capa della polizia di Atlanta, Erika Shields, ritenuta fino a pochi giorni fa uno dei volti "positivi" delle forze dell'ordine dopo essere scesa in piazza a dialogare con manifestanti per Floyd.

Secondo la polizia, un esame attento dei video ottenuti mostra come Brooks sia stato colpito mentre si allontanava dopo aver strappato il taser agli agenti. Ma la spiegazione difficilmente riuscirà a stemperare le polemiche, anche alla luce del nuovo filmato emerso riguardo a un incidente in South Carolina lo scorso novembre. Anche in questo caso si tratta di un afroamericano: il 28enne Araine Lamont McCree era all'esterno di un grande magazzino Walmart, ammanettato per presunto taccheggio quando è stato ucciso. Inizialmente - riporta Post and Courier - la polizia aveva dichiarato di aver aperto il fuoco per autodifesa perché era McCree era armato e aveva puntato la pistola contro gli agenti.

Intanto, dopo le polemiche dei giorni scorsi, Donald Trump ha cercato di siglare la pace con i militari con un discorso a West Point. E ha fatto marcia indietro sul suo primo comizio post-coronavirus: si terrà il 20 giugno e non più il 19, come precedentemente annunciato. Lo slittamento di un giorno è dovuto alla pioggia di critiche che ha sommerso il presidente per aver inizialmente scelto la data conosciuta come "Juneteenth", ovvero il giorno in cui si celebra la fine della schiavitù negli Stati Uniti. E per aver optato per l'occasione per Tulsa, in Oklahoma, teatro di uno dei più sanguinosi episodi razzisti della storia d'America con almeno 300 morti. Una scelta evidentemente del tutto inopportuna in un momento in cui gli Stati Uniti si trovano di nuovo a fare i conti con il loro passato e la piaga del razzismo.

«Sono il presidente che ha fatto di più per gli afroamericani», ha ripetuto però in questi giorni Trump, arrivando anche a gettare dubbi sull'operato di Abramo Lincoln che, a suo dire, avrebbe ottenuto "risultati discutibili". Nel corso di un'intervista a Fox, il tycoon è intervenuto anche sulla polizia e sulla pratica della stretta al collo durante l'arresto, quella che ha ucciso Floyd. Aprendo alla possibilità che il governi ne raccomandi l'abrogazione, Trump è arrivato però a giustificarla definendola una tattica "innocente e perfetta" quando si è uno contro uno, eccessiva quando gli agenti sono due.

Poi ha difeso la scelta iniziale di tenere il suo primo comizio post-Covid il 19 giugno: «È una celebrazione, come lo sono tutti i miei eventi», ha detto. Per poi però decidere di far slittare il raduno al giorno successivo.

Il posticipo è stato annunciato poco prima dell'intervento di Trump all'accademia militare di West Point. Il presidente ha lodato i cadetti e scherzato con loro: «Il 14 giugno è il compleanno dell'esercito, ma anche il mio. Sarà un caso?», ha chiesto ribadendo la sua passione per i militari, nonostante le tensioni delle ultime settimane con il Pentagono sull'ipotesi di usare le truppe per contenere le proteste.

Ma il presidente ai più è apparso sottotono, forse preoccupato per l'aumento dei casi di coronavirus nel Paese o, più probabilmente, per le difficoltà della sua campagna elettorale che non riesce a decollare.

Wendy's dato alle fiamme - Il ristorante della catena Wendy's di Atlanta fuori dal quale Brooks è stato ucciso è stato dato alla fiamme. I manifestanti hanno infranto i vetri delle finestre e lanciato fuochi d'artificio all'interno del locale.

Almeno 36 persone sono state arrestate durante le manifestazioni scoppiate in città. Gli agenti hanno lanciato lacrimogeni contro i manifestanti e chiuso la strada interstatale che portava a Wendy's.


 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 02:33:21 | 91.208.130.85