keystone-sda.ch / STF (Julio Cortez)
+3
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BRASILE
2 sec
«Il test è risultato positivo»
Il presidente brasiliano ha comunicato l'esito dell'esame pochi minuti fa in diretta televisiva
ITALIA
37 min
Gemelle siamesi separate con successo
Delicatissimo intervento di 18 ore a Roma. Un anno di preparazione per affrontare l'operazione
KENYA
59 min
Alle radici del Covid-19: «Se continuiamo a sfruttare gli animali il problema si ripresenterà»
Il 60% delle infezioni umane ha origine animale. Pratiche agricole non sostenibili favoriscono il passaggio.
VIDEO
SVEZIA
1 ora
Passaporto inutile causa Covid? Al Burger ci si rimedia un panino gratis
Magra (si fa per dire) consolazione per i cittadini del Paese scandinavo. Il documento potrebbe diventare inservibile.
REGNO UNITO
3 ore
Nel Regno Unito pesanti tagli anche nei media
La causa è, ovviamente, l'emergenza coronavirus che per alcune testate è stata un colpo di grazia
GERMANIA
3 ore
Tagli alla dirigenza di Lufthansa: a casa un manager ogni 5
Le misure di ridimensionamento fanno parte della seconda parte del piano di ristrutturazione
ITALIA
4 ore
Insulti omofobi in sala operatoria, accusato un primario
L'episodio sarebbe avvenuto nel mese di marzo in un ospedale in provincia di Varese
ITALIA
5 ore
Ocean Viking, tutti i tamponi sono negativi
I migranti si trovano a bordo della nave-quarantena Moby Zazà
STATI UNITI
6 ore
Gli Stati Uniti vogliono bandire TikTok: «Condivide le informazioni col Partito Comunista cinese»
Lo sostiene Mike Pompeo che dichiara guerra alle app made in China, ma l'azienda nega categoricamente
BRASILE
6 ore
Bolsonaro a rischio Covid-19: su Twitter si fa il tifo per il coronavirus
In Brasile è di tendenza il discutibile hashtag "Forza Covid". Il presidente ha sempre minimizzato l'epidemia.
STATI UNITI
7 ore
Denunciò un'aggressione inesistente, ora rischia fino a un anno di carcere
L'uomo, un afroamericano, le aveva chiesto di mettere il guinzaglio al suo cane e lei aveva chiamato la polizia
BOLIVIA
8 ore
La Procura vuole arrestare Evo Morales per terrorismo
L'ex presidente ha detto che «è una ulteriore prova della persecuzione politica del governo 'de facto' contro di me»
CINA / STATI UNITI
8 ore
Pompeo: «A Hong Kong censura orwelliana»
La legge sulla sicurezza non è una «sventura», ha dichiarato la governatrice Carrie Lam
STATI UNITI
9 ore
Brooks Brothers verso la bancarotta
Ci sono vari gruppi interessati al colosso dell'abbigliamento
PAKISTAN
9 ore
Sei vittime a causa dei monsoni
La pioggia continuerà fino a mercoledì mattina, secondo il dipartimento meteorologico
STATI UNITI
10 ore
La Georgia ha dichiarato lo stato di emergenza
Nel weekend del 4 luglio sono morte cinque persone nel corso di sparatorie
CINA
10 ore
TikTok sta per andarsene da Hong Kong
È una conseguenza della messa in opera della nuova legge sulla sicurezza
FOTO
GIAPPONE
10 ore
50 morti per le alluvioni
Ci sono almeno una dozzina di persone disperse
STATI UNITI
04.06.2020 - 21:070
Aggiornamento : 23:06

In migliaia per Floyd: «Un punto di svolta per l'America»

Parenti, amici e autorità si sono radunati al santuario della North Central University per dare l'ultimo saluto a George

Il reverendo newyorchese Al Sharpton ha ricordato il 46enne in un toccante discorso incentrato su unità e fratellanza. «Ho visto molti americani di razze ed età differenti marciare e alzare la loro voce insieme».

MINNEAPOLIS - Migliaia di persone - famigliari, amici, concittadini e manifestanti, hanno affollato oggi Minneapolis per la prima commemorazione funebre di George Floyd, l'afroamericano di 46 anni che ha sollevato un'ondata di proteste in tutto il Paese per essere stato soffocato brutalmente a terra da quattro agenti bianchi mentre rantolava «non riesco a respirare» durante un arresto per il presunto spaccio di una banconota falsa da 20 dollari.

Unità e fratellanza - «Ho visto molti americani di razze ed età differenti marciare insieme e alzare la loro voce insieme, siamo a un punto di svolta», ha detto il reverendo newyorchese Al Sharpton, noto leader nella lotta per i diritti civili, ricordando la vittima in un discorso emozionante nel grande santuario della North Central University, in cui sono potute entrare solo cinquecento persone a causa delle restrizione dovute alla pandemia. L'eclesiastico afroamericano ha poi ferocemente attaccato il presidente Trump: «Non si può usare la Bibbia come strumento di propaganda. Quello che è successo a George Floyd è quello che accade ogni giorno nelle comunità d'America, è tempo per noi di prendere posizione, di toglierci quel ginocchio dal nostro collo».

«Ucciso dalla pandemia razzismo» - Oggi è emerso che Floyd era positivo al coronavirus ma asintomatico: per crudele ironia della sorte, è sopravvissuto alla malattia ma non è sfuggito alla brutalità della polizia. «A ucciderlo - tuona Benjamin Crump, uno degli avvocati della famiglia, durante la commemorazione - non è stato il virus, ma la pandemia dilagante di razzismo e discriminazione. Quello che abbiamo visto in quel video è inumano, non cooperate con la malvagità, non cooperate con l'ingiustizia, protestate contro, tutti noi meritiamo qualcosa di meglio». Il legale, successivamente, ha denunciato il razzismo, chiesto un'ampia riforma della giustizia e invitato a combattere per tutti i George Floyd sconosciuti del mondo, elencando i nomi di altri afroamericani vittime della brutalità della polizia.

Imputazione aggravata - La cerimonia arriva all'indomani della svolta nelle indagini, con la procura che ha aggravato l'imputazione per l'ex agente Derek Chauvin da omicidio colposo a omicidio volontario e ordinato l'arresto dei suoi tre colleghi accusandoli di complicità. Come chiedevano la famiglia e i manifestanti che hanno infiammato l'America. E che adesso, nonostante i 10 mila arresti eseguiti finora, continuano a scendere in piazza più pacificamente per chiedere riforme contro le iniquità razziali e gli abusi delle forze dell'ordine, mentre il Senato si appresta a votare l'abolizione della stretta al collo e la Virginia a rimuovere la statua del generale sudista Robert E. Lee. I quattro poliziotti devono comparire davanti al tribunale nelle prossime ore.

Quello di oggi non è che il primo omaggio a Floyd, il "gigante buono" figlio del Sud. Domani il suo corpo sarà portato a Raeford, in North Carolina, dove è nato, per una camera ardente e una cerimonia privata per la famiglia. Cerimonia analoga lunedì in Texas a Houston, dove è cresciuto e ha vissuto gran parte della sua vita prima di trasferirsi cinque anni fa in Minnesota. Il giorno dopo infine è in programma nella stessa città un funerale con 500 persone. Seguirà una cerimonia di sepoltura privata. A Houston ci sarà anche Joe Biden.

La sua presenza striderà con l'assenza del presidente Donald Trump, blindato alla Casa Bianca, osteggiato dal capo del Pentagono Mark Esper sull'uso delle truppe contro i manifestanti e accusato duramente dall'ex segretario alla Difesa James Mattis in un intervento su The Atlantic. «Donald Trump è il primo presidente nella mia vita che non tenta di unire il popolo americano, neppure finge di tentare. Invece tenta di dividerci», ha scritto l'ex generale evocando una leadership «immatura» e schierandosi con i manifestanti. Mattis ha condannato l'uso dell'esercito contro le proteste, definendo «abuso di potere esecutivo» lo sgombero della folla davanti alla Casa Bianca per una "bizzarra photo-op" del commander in chief con la Bibbia. E ha invitato a «respingere e a richiamare alle loro responsabilità chi ha cariche pubbliche e deride la nostra costituzione».

Trump ha reagito stizzito su Twitter: «Probabilmente l'unica cosa che io e Barack Obama abbiamo in comune è che entrambi abbiamo avuto l'onore di licenziare Jim Mattis, il generale più sopravvalutato del mondo». In realtà Mattis è un ufficiale molto stimato, non solo nelle forze armate, e non è l'unico ex generale che critica la gestione delle proteste da parte del presidente. Anche tutti i quattro ex presidenti, da Jimmy Carter a Barack Obama, hanno voltato le spalle al tycoon, denunciando il razzismo e schierandosi con i dimostranti. E oggi pure la senatrice Lisa Murkovski ha detto di condividere le parole di Mattis: «Penso che siano vere, oneste, necessarie e tardive», ha osservato, lasciando intendere che potrebbe non sostenere la rielezione di Trump.

Intanto gli Stati Uniti hanno registrato ieri quasi 20 mila nuovi casi di coronavirus. Nell'ultima settimana 19 Stati su 50 hanno una media di nuovi contagi superiore a quella della settimana precedente. E le autorità hanno ammonito che le proteste di massa per la morte di Floyd potrebbero causare una pericolosissima seconda ondata del virus.

keystone-sda.ch / STF (Julio Cortez)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
Accidenti , adesso la pollizia ammerigana si è messa pure a sparare le pallottole di gomma contro il nostro baldo Massimiliano Herber che di sicuro non è un manifestante facinoroso... a dimostrazione che la pollizia è un problema di grosse proporzioni... :-))))
klich69 1 mese fa su tio
Manipolata e pilotata dagli ambigui democratici, i neri negli usa non sono minoranza, la matematica non è un’opinione.
Ben8 1 mese fa su tio
Speriamo che non succeda più, ma le premesse non sono incoraggianti con presidente aggressivo che butta benzina sul fuoco. R.I.P Floyd
red_monster 1 mese fa su tio
Ma scusate un attimo. Se hai torto ti meriti questo e altro a mio parere. Lui stava rubando!! Vi rendete conto chi state difendendo? Nero o non nero non centra assolutamente nulla. Im bianco che faceva una cosa così? Si meritava anche lui la stessa fine e in Svizzera forse dovremmo cominciare ad aumentare le leggi per la criminalità non che dopo 3 anni puoi uscire per buona condotta.
sedelin 1 mese fa su tio
R.I.P. gigante buono
Yeti 64 1 mese fa su tio
In America si usa la pena di morte. E pena di morte sia dopo corretto processo. Aggravante la divisa.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 17:31:46 | 91.208.130.89