keystone-sda.ch (Richard Tsong-Taatarii)
"Non riesco a respirare": le ultime parole di George Floyd
+18
STATI UNITI
27.05.2020 - 14:590

Scontri con la polizia per l'uccisione di George Floyd

In migliaia sono scesi in strada a Minneapolis per protestare per la morte dell'ennesimo afro-americano disarmato.

MINNEAPOLIS - Negli Stati Uniti, la rabbia per la morte di un'altra persona afroamericana uccisa senza motivo durante un fermo di polizia ha portato migliaia di dimostranti in strada a Minneapolis, dove si sono registrati scontri con le forze di sicurezza.

Radunatisi per protestare per l'uccisione del 46enne Goerge Floyd avvenuta lunedì, i manifestanti hanno sfilato pacificamente dal luogo dell'omicidio al Dipartimento di polizia del terzo distretto. Qui, però, la tensione è presto sfociata in violenza. 

Come riporta lo Star Tribune, i dimostranti hanno danneggiato l'edificio e alcune auto di servizio e hanno lanciato pietre e bottiglie alla volta degli agenti in tenuta antisommossa. La polizia ha risposto con l'impiego di gas irritanti, granate stordenti e proiettili di gomma. I manifestanti si sono dispersi poco dopo le 21 (le 4 di mercoledì mattina in Svizzera).

Il video del fermo di Floyd che, disarmato, lamenta di non riuscire a respirare a causa del ginocchio di un agente che gli preme sul collo per tenerlo a terra ha suscitato grande indignazione negli Stati Uniti. Quattro poliziotti sono stati immediatamente licenziati, ma i dimostranti chiedono pene esemplari. Il sindaco di Minneapolis, Jacob Frey, ha affermato che il fatto di essere afro-americano «non dovrebbe equivalere a una condanna a morte».

keystone-sda.ch (CRAIG LASSIG)
Guarda tutte le 22 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 20:06:10 | 91.208.130.86