Keystone
Manifestanti denunciano la situazione rilevata dal rapporto
AUSTRALIA
03.08.2017 - 09:540

Molestie sessuali in università: il 50% degli studenti ne è vittima

In Australia sono considerate molestie anche gli sguardi troppo intensi, le battute allusive e le richieste di appuntamenti

CANBERRA - È di poco superiore alla metà la proporzione di studenti nelle università australiane che hanno subito molestie o abusi sessuali nel 2016. I dati allarmanti sono contenuti da una ricerca condotta su circa 31 mila studenti in 39 università dalla Commissione Diritti Umani.

Le molestie sessuali sono state registrate nel percorso da casa all'ateneo, nei campus, in particolare nei collegi residenziali, e durante eventi. Sono considerate molestie gli sguardi troppo intensi, le battute allusive, domande insistenti sul privato, richieste di appuntamenti, pressioni per compiere atti sessuali, atti di esibizionismo e regali. La ricerca sottolinea che le donne sono vittime di molestie sessuali in misura sproporzionatamente superiore agli uomini.

In base al documento non è stato denunciato il 94% delle molestie subite, e l'84% degli gli abusi sessuali, che includono stupro e ogni altra forma di coercizione a compiere atti sessuali contro la propria volontà. Il rapporto contiene 18 raccomandazioni, fra cui lo sviluppo di politiche di risposta che definiscano chiaramente le condotte che costituiscono aggressione e molestie sessuali, meccanismi di sostegno per ottenere un coinvolgimento sostanziale degli studenti, la creazione di servizi integrati di supporto nei campus in cui ci siano medici, consultori e servizi di supporto alle vittime di violenze sessuali.

Kate Jenkins, commissario antidiscriminazione sessuale, ha definito i dati «inquietanti e allarmanti», aggiungendo che «le università devono fare di più per prevenire abusi e per costruire una cultura di rispetto». La presidente del gruppo di rappresentanza 'Universities Australia' che ha commissionato il rapporto, Margaret Gardner, ha presentato scuse formali alle vittime. «Siamo veramente dispiaciuti per ciò che vi è accaduto; gli abusi sessuali sono un reato e devono essere puniti», ha detto.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
rojo22 3 anni fa su tio
Sono Australiani. Abituati ai canguri: una saltata e via...
Equalizer 3 anni fa su tio
Conoscendo personalmente gli elementi, finché le serate vanno avanti a cartoni di XXXX o VB non c'è speranza.
Equalizer 3 anni fa su tio
@Equalizer Personalmentee gli elementi, intendevo gli australiani :)
rojo22 3 anni fa su tio
Che paese... meglio la Corea del Nord
MIM 3 anni fa su tio
Chiedere un appuntamento è una molestia sessuale?
ayrton61 3 anni fa su tio
richieste di appuntamenti e regali considerati abusi sessuali ? siete sicuri di aver colto correttamente le informazionI ?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-06 11:28:31 | 91.208.130.89