Cerca e trova immobili

CANTONEUna petizione contro la nuova agenda scolastica

19.08.23 - 18:27
L'iniziativa dell'UDF Ticino vuole evitare che l'agenda venga distribuita nelle classi di quinta elementare.
Foto lettore
Fonte Edo Pellegrini, UDF Ticino
Una petizione contro la nuova agenda scolastica
L'iniziativa dell'UDF Ticino vuole evitare che l'agenda venga distribuita nelle classi di quinta elementare.

BELLINZONA - Non si placa il polverone attorno alla nuova agenda scolastica cantonale del DECS. L'UDF Ticino ha lanciato una petizione contro la scelta del DECS di distribuire, già in quinta elementare la discussa agenda. «Poche parole non sono lo strumento con il quale si possono educare i nostri figli sulle questioni relative alla sessualità. È evidente l’intento del DECS di propagandare l’agenda LGBT e di promuovere la sessualizzazione precoce dell’infanzia», si legge in un comunicato stampa.

«Proporremo e faremo inoltrare anche delle interpellanze a livello comunale affinché i Municipi blocchino la distribuzione dell’agenda nelle quinte elementari».

 

 

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Marcello detto Marcello 10 mesi fa su tio
XX XY

Yarkin17 10 mesi fa su tio
Vi impuntate per due pagine di un diario su cui non sapete neanche cosa c'è scritto. Parla di accettazione della propria persona e della diversità, un tema che tocca sopratutto i più giovani che possono vivere questa situazione in un momento di estrema vulnerabilità, che non conoscono e che potrebbero interpretare come una cosa sbagliata, quando semplicemente basterebbe fare un po' di sensibilizzazione per far capire che può succedere avere una disforia e non c'è nulla di male. Queste petizioni sono lanciate da persone che vivono ancora nella loro epoca, un passato dove di questo non si parlava e per ciò per loro il problema non esiste, anzi va represso, così da creare e ricreare all'infinito quel disagio nei ragazzi che si può trasformare in malessere o peggio o trauma per il resto della loro vita.

Voilà 10 mesi fa su tio
Risposta a Yarkin17
Io il diario l'ho letto. Dici bene quando parlidi periodo di estrema vulnerabilità, infatti il consolidamento dell'identità di genere avviene nell'adolescenza, quindi con certi discorsi a partire dalla quinta elementare si vuole creare confusione anche alla stragrande maggioranza dei ragazzi che identifica la propria identità di genere nella morfologia del proprio corpo.

fulmine_verde 10 mesi fa su tio
Risposta a Yarkin17
Per fortuna TIO non mi lascia commentare... ma sappi che la censura può filtrare le parole... ma non le mazzate!

La Fenice 10 mesi fa su tio
Verrete fermati, state invadendo confini che non vi appartengono ne competono. Voi e la vostra nuova normalità che tutto è salvo che sano e normale. Sarete fermati!

Andy 82 10 mesi fa su tio
saremo obbligati ad accettare e farci piacere queste .....e poi già alle medie...INACCETTABILE...

Voilà 10 mesi fa su tio
La lega si opporrebbe a qualsiasi iniziativa che arrivi dal dipartimento diretto da una socialista, però in questo caso gli do ragione. Questa associazione Imbarco immediato so io dove la imbarcherei.

Voilà 10 mesi fa su tio
Ho sentito più volte, ad es. nei casi di bullismo o violenza, la scuola dire che non è compito suo affrontare questi problemi, in particolare per fatti che si svolgono fuori dalla porta della scuola, ora invece ecco che, sull'onda di una "moda" e delle pressioni di associazioni di categoria, questo è diventato, non un problema, ma "il problema", da affrontare con urgenza a partire dalla scuola elementare. Abbiamo una violenza giovanile, abbiamo sempre più giovani con problemi psicologici, abbiamo un'incertezza nel futuro e chi più ne ha più ne metta, ma per il DECS il problema da affrontare immediatamente è l'LGBT. L'omosessualità non è più un problema, lo dimostrano le ultime votazioni sull'argomento, e per l'identità di genere serve eventualmente una preparazione che non può essere data al momento della consegna di un diario.

TIA84 10 mesi fa su tio
Tutto bello e giusto nel nome dell'uguaglianza.. Ma, è giusto parlarne in 5. Elementare per mezzo di immagini propagandistiche?! Posso capire alle medie, durante le ore di educazione civica e sensuale, ok.. ma alle elementari?! Un argomento sul quale, oltretutto, la stragrande maggioranza è ignorante? E chi dovrebbe spiegarglielo? Un docente di scuola elementare?! Io piuttosto cercherei di insegnargli la tolleranza e rispetto nei confronti di chiunque, non solo della comunità LGBTQ+ (vedi commenti ad articoli sulla street parade ad esempio).. Consiglio alla redazione: Signori e signore, se nel titolo o nell'articolo parlate di petizione, abbiate la decenza di mettere il link per firmarlo, forse non farà piacere ai "left", ma se non altro fareste meno la figura dei "gratac..."

Marecalmo 10 mesi fa su tio
Risposta a TIA84
Dovresti rivedere il significato di educazione civica, poco centra con la questione. Inoltre non esiste l'educazione sensuale, come hai più volte scritto in vari tuoi interventi, bensì l'educazione sessuale. Detto ciò, non vedo alcun problema a iniziare a parlarne in 5. elementare, i giovani di oggi sono decisamente più informati rispetto a quelli delle generazioni passate. Inoltre non è possibile influenzare l'orientamento sessuale, iniziare presto con l'educazione su questa tematica non porterà a un maggior numero di omosessuali, ma solo a una tolleranza forse un po' meno di facciata...

Pele 10 mesi fa su tio
⚠️ 𝐏𝐎𝐓𝐄𝐓𝐄 𝐅𝐈𝐑𝐌𝐀𝐑𝐄 𝐐𝐔𝐀! 𝐅𝐢𝐫𝐦𝐚𝐭𝐞 𝐞 𝐂𝐎𝐍𝐃𝐈𝐕𝐈𝐃𝐄𝐓𝐄! Grazie [url rimossa] (copiate)

Pele 10 mesi fa su tio
Risposta a Pele
⚠️ Buongiorno. Sono Edo Pellegrini, già Granconsigliere. Sono io che ho lanciato la petizione. Purtroppo qui no si può mettere il link per poter firmare. Ma se accedete ai miei profili social (FB e Twitter) avete la possibilità di firmare. Grazie e buona domenica.

Pati 10 mesi fa su tio
Ci sono trattande mooolto più importanti rispetto a questa agenda all’interno della scuola .

Pele 10 mesi fa su tio
Risposta a Pati
Certo che ci sono altre questioni importanti, ma qui ne va dell'educazione dei nostri figli, cioè delle generazioni future.

fulmine_verde 10 mesi fa su tio
Risposta a Pati
No non c'è niente di più importante della battaglia culturale nell'educazione. Chi non ci arriva da solo andrebbe usato come concime ecologico.

UnaVoceFuoriDalCoro 10 mesi fa su tio
L’ideologia del gender afferma che si possa decidere se essere maschi o femmine indipendentemente dalla biologia. Di conseguenza afferma che l’identità sessuale di maschio e di femmina non sia determinata dalla biologia, anche la figura di padre e di madre siano solo invenzioni culturali (e quindi sostituibili ed eliminabili, da indicare come “genitore 1” e “genitore 2”, anche se anche questi termini sarebbero discriminatori, perché i partner non necessariamente hanno anche generato personalmente e sottratto il bambino alla madre naturale con la pratica disumana dell’utero in affitto). Vogliamo avere bagni "neutri" nelle scuole? Vogliamo che non si scriva più in maschile o femminile ma usando un neutro * e via discorrendo? Purtroppo questa piattaforma non informa bene a quali livelli siamo arrivati nel mondo anglosassone e quindi la gente pensa, ma si che c'è di male... riflettete bene, quale futuro per i nostri figli

Lula14 10 mesi fa su tio
Risposta a UnaVoceFuoriDalCoro
appunto

TIA84 10 mesi fa su tio
Risposta a UnaVoceFuoriDalCoro
Il sesso è biologicamente determinato dai cromosomi, e fin qui spero siamo tutti d'accordo. L'orientamento sensuale e il genere di appartenenza sono definiti dalla psiche del singolo e non dovrebbe essere contestato ne discriminato. Il fatto di usare articoli neutri (che in italiano nemmeno esistono se non usando caratteri inesistenti) francamente lo trovo ridicolo.. Sentire chiamare una donna "medico" o "avvocato" o "giudice" non toglie niente alla donna in questione, anzi.

cle72 10 mesi fa su tio
Io mi scansalizzo e preoccupo quando vedo minorenni alle elementari con gli smartphone o quando leggo di ragazzini di 14 anni in giro alle quattro di mattina a fare danni o a menare botte. Su questo bisogna indignarsi. Questi in quinta elementare sanno già tutto e forse troppo del sesso e delle sue sfacettature. Il problema sono i genitori, che non hanno più il polzo per saper dire di NO! Lo smartphone apre un mondo e pensare che mettere un controllo genitori vi salva, è ridicolo. I vostri figli gli smartphone li girano e rigirano, ridendo di voi è dei vostri tentativi inutili. Per finire, non sarà sicuramente questa agenda che farà cambiare l'orientamento sessuale ai vostri figli. Abbiate paura di come li state crescendo voi.

Maverik 10 mesi fa su tio
Avete tutti ragione …. Ma io resto del parere che spetti ai genitori questo tipo di educazione …. Non buttare tutto sulle spalle della scuola perché anche noi diventeremo degli “scaricabile”…. Non ci penso più io genitore tanto qualcun’altro ci penserà ….. È così che si diventa genitori assenti

TIA84 10 mesi fa su tio
Risposta a Maverik
Io credo che se ne possa parlare a scuola, ma non alle elementari...

Core_88 10 mesi fa su tio
Madó ma che vecchi! O meglio egoisti. È giusto che vengano spiegate situazioni che potrebbe dever vivere vostro figlio

TIA84 10 mesi fa su tio
Risposta a Core_88
Vero, ma con altri mezzi, in altri contesti e da persone bene informate ed istruite ad hoc per poterle spiegare queste cose.. Così come lo stanno facendo non è ne il giusto sistema ne tanto meno il giusto momento nella crescita di un bimbo.. Sanno già? Sicuro, anch'io a 10 anni sapevo che esistevano, ma da li a discuterne in classe.. ne corre.. Questi sono argomenti che vanno affrontati, certo, ma a educazione civica ed educazione sensuale, quindi a tempo debito! Se no tanto vale, in 5. Ementare introduciamo anche le lezioni di educazione sensuale, no?

Killian12 10 mesi fa su tio
Risposta a TIA84
Quali sono gli altri mezzi e gli altri contesti e le altre persone ben informate? La chiesa? Un medico? Una nuova istanza ancora da inventare ?

Zwieback 10 mesi fa su tio
una m i n k i a t a in salsa rossa!

PincoPalla 10 mesi fa su tio
Sul serio? Mio figlio che va alle scuole elementari, un paio di anni fa mi ha raccontato di un bambino che con il suo telefono mostrava filmati non adatti ai minori ai suoi compagni prima dell'inizio delle lezioni, e noi ci preoccupiamo di una pagina che a confronto è praticamente nulla. Ho dovuto spiegare a mio figlio quello che ha visto, ma sono certo che molti bambini non lo hanno raccontato ai loro genitori. In questi casi è meglio avere un pretesto per parlarne piuttosto che far finta che non esistono, lasciando molti di loro essere educati prima di scuola con video ben più "impegnativi". La polemica che sta generando tutto questo invoglierà molti bambini ad approfondire questa discussione, ma di nascosto dai genitori e docenti.

Boh! 10 mesi fa su tio
Tutti scandalizzati (magari anche a ragione) per la presunta agenda LGBT in quinta elementare…. Poi però gli stessi ragazzini vengono lasciati girare con smartphone di ultimissima generazione…. Per non parlare di ciò che quotidianamente sentono dire dagli adulti e di ciò che vedono in televisione…🤣

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Boh!
Proprio per queste ragioni almeno la scuola dovrebbe evitare di contribuire alla confusione…

Core_88 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
O magari piu che confusione è una spiegazione?

Paolin’ 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Io quando andavo alle elementari ho avuto la fortuna di essere educato a non discriminare una persona in base a etnia, religione o orientamento sessuale. E poiché ho imparato la parola “f rocio” molto presto (visto che era un insulto divulgato da altri bambini), qualcuno ha dovuto spiegarmi cosa volesse dire. E se questa parola si sentiva regolarmente a ricreazione, vuol dire non solo che noi bambini sapevamo che a non tutti i maschietti piacciono le femminucce (e viceversa), ma in più si discriminava a prescindere l’omosessualità. Ora, il fatto che in tenera età, degli adulti mi abbiano spiegato che non è sbagliato amare chi ci piace, non ha fatto di me un omosessuale. Non capisco come nel 2023 si possa credere che l’identità sessuale sia una scelta o una moda. Qualcosa da cui proteggere i nostri figli, qualcosa su cui poterli influenzare. No! Al massimo li possiamo forzare a reprimere i propri sentimenti. E questo porta a conseguenze psicologiche importanti.

Dox 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
La confusione l’avete solo voi in testa

Mar 10 mesi fa su tio
Ma poi dove si firma ?

Dantissimo 10 mesi fa su tio
Ahah quanto bigottismo

Mar 10 mesi fa su tio
Ma chi comanda qui ?

Vincenzo 1960 10 mesi fa su tio
Lasciamo i bambini liberi di crescere e maturare, teniamoli fuori da queste paranoie pseudo progressiste! La scuola ha un ruolo la famiglia un’altro. Poi questi illuminati pensano che le famiglie sono tutte bigotte, e che certi argomenti non vengano discussi, ma che piaccia o no ogni famiglia ha la sua opinione e va rispettata. La scuola non può sostituire la famiglia.

Maverik 10 mesi fa su tio
Risposta a Vincenzo 1960
Oohhh meno male un commento sensato. La scuola si impegni di più a insegnare le nozioni scolastiche… che non è che i nostri giovani brillano

TIA84 10 mesi fa su tio
Risposta a Vincenzo 1960
Che le scuole insegnino a capire, non a ripetere a memoria.. in questo senso ci sta di spiegare i differenti orientamenti sessuali, ma non venga fatto in 5. elementare, c'è un tempo per tutto, e di sesso io non parlerei fino ad una certa.. poi, oh, figli vostri, i miei le elementari le hanno finite da un pezzo 😘

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Maverik
Concordo!

Paolin’ 10 mesi fa su tio
Risposta a Maverik
Il nozionismo non fa brillare. La scuola dovrebbe anche riappropriarsi del suo ruolo educativo.

Evry 10 mesi fa su tio
Che vergogna !!!!!!! Fuori i nomi !!!!

Kryo70 10 mesi fa su tio
Buttando giù qualche considerazione: 1) si vuole sdoganare un argomento che al 90% dei bambini/e e dei ragazzi/e non interessa proprio; 2) si vorrebbero dare ai giovani degli strumenti da adulti per risolvere le paranoie mentali che si fanno gli adulti, non i ragazzi; 3) si aumentano la confusione e l’incertezza in un momento delicato dove ognuno dovrebbe iniziare a scoprire e scoprirsi, a capire e capirsi; 4) si fa un gran baccano per portare un maldestro sostegno a quel 2% o 3% di popolazione scolastica che potrebbe trovarsi in difficoltà e non troverà alcun giovamento; 5) chi ha fatto questa pensata geniale? Fuori nome e faccia, basta nascondersi dietro 4 lettere (DECS);

Androidiano666 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
K ry o sei in f or ma st a mat Tina :-)

Killian12 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Ma di cosa hai paura?

Paolin’ 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Ma un bambino lo si può influenzare su tante cose, ma non sull’identità sessuale. Tuttalpiù lo si può influenzare a reprimerla, e questo presuppone che sia sbagliata. E poiché nella società esistono ancora genitori che la pensano così, allora ben venga la scuola che ci mette lo zampino.

Kirilu 10 mesi fa su tio
Risposta a Paolin’
Concordo. Bravo!

Kirilu 10 mesi fa su tio
Risposta a Paolin’
A Paolin: Concordo. Bravo!

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Paolin’
Ha parlato lo psicologo infantile…

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Killian12
Killian12 paura di nulla.

Think10 10 mesi fa su tio
Difficile che si possa chiedere di arrivare al rispetto su una questione di genere se non si riesce nemmeno avere rispetto per L opinione altrui su di un portale di informazione 🤷🏻‍♂️ Ma meglio mai rinunciare….

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Think10
Il fatto che sia giusto rispettare l’opinione altrui non da la libertà ad ognuno di scrivere qualunque sciocchezzuola (ci sarebbero altri termini più appropriati ma gli standard di TIO non li sopportano).

TIA84 10 mesi fa su tio
Risposta a Think10
Un opinione va sempre rispettata finché non è imposta..

Dox 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
sei la dimostrazione di quello che stai dicendo. Dal momento che non fai altro che scriverne

Dox 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Ovviamente in risposta a Kryo70

Dox 10 mesi fa su tio
Mi chiedo se la gente qui nei commenti venga pagata per dire cose senza senso e vivere nel medioevo. Mi fa paura questa chiusura mentale e questa arretratezza ingiustificata. Provo vergogna a sapere di respirare la stessa aria di certa gente. I vostri figli non meritano il futuro triste e scuro che volete dar loro. Ripigliatevi e aprite la mente, guardate oltre al vostro naso e provate a capire perché siete una zavorra per questa società. Invece di chiedere “dove si firma?” fatevi un giro nel mondo reale. Perché il vostro sembra stia andando proprio a male

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Dox
Dovrebbe farti paura il fatto che ci sia gente che è stata pagata per partorire i contenuti dell’agenda scolastica 2023/2024. Hanno usato anche i tuoi soldi!

Dox 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Mi fate più paura voi

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Dox
Noi chi?

Kirilu 10 mesi fa su tio
Trovo che il testo non sia sconvolgente per un bambino di 5a e non lede nessuno, anzi... apre la porta al dialogo intorno alla tematica in modo corretto. Poi ognuno ha le sue opinioni e punti di vista.

Blue Jack 10 mesi fa su tio
E poi ci domandiamo perché cadiamo a picco! Mentalità chiusa, politica sterile e ticinesi sempre più con il sedere a terra.

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Blue Jack
Vedrai come si infiamma la politica su certi argomenti… tutti a caccia di voti e visibilità. Esclusi quelli che hanno combinato questo Kas-ino!

Paolin’ 10 mesi fa su tio
Ma quanti bigotti su tio. In cosa l’identità sessuale vi fa paura? La stragrande maggioranza di marmocchi in età scolare hanno uno smartphone, non capisco dove sia lo scandalo a promuovere l’uguaglianza. Un bambino a 10 anni è ben capace di imparare a non discriminare. E se credete sia sbagliato insegnarlo anche sull’identità sessuale, allora per tanto così continuiamo anche a fare discriminazioni razziali, di genere, di religione e cultura. Anzi, quest’inverno mandiamoli alla settimana bianca Balilla! Ma pene (con la c, però).

Lore55 10 mesi fa su tio
A me piacerebbe anche sfogliarla prima di prendere posizione. Comunque i bambini/e e ragazzini/e sono ben informati e ne sanno più di quanto ci raccontano.

Marco2023 10 mesi fa su tio
ok..firmo ma dove? Ma perche' non fanno mai agende istruttive ... ?

Nilo221 10 mesi fa su tio
Quasta robaccia non va distribuita ne in quinta elementare ne alle medie punto! Fermare questa m già sul nascere prima di arrivare al livello sucessivo

Kryo70 10 mesi fa su tio
Dove si firma?

Lore55 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Sul foglio ... e poi fuori nuovi soldi dei contribuenti. Poi tutti a mettere la testa nella sabbia e non vedere-accettare la realtà.

Nilo221 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
[url rimossa]

Blue Jack 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Sui muri.

Killian12 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
In testa

OrsoTI 10 mesi fa su tio
Ancora con questa storia:) ma siamo nel Medio evo. Mica gli fanno vedere un film a luci rosse. Ma pensate che i bambini sono arretrati? I miei figli di 6 e 8 sanno già tutto dei vari generi e sono molto easy.

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a OrsoTI
Non hai capito un razzo (con la “c”)!

Buonsenso? 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Concordo con kryo

Andy 82 10 mesi fa su tio
Risposta a Buonsenso?
anche io concordo con kryo

Nico66 10 mesi fa su tio
che fatica questo Ticino

Livio 10 mesi fa su tio
Basta pagliacciate , in più gente pagata dai contribuenti, vergognatevi

Hammer 10 mesi fa su tio
Anche i paracarri hanno finito le lacrime...

Mgbc 10 mesi fa su tio
in quinta elementare hanno il cellulare e pensate che queste cose non le sappiano già? se non loro direttamente dai loro compagno.....per favore basta polemiche x ogni cosa che il cantone decide!

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Mgbc
Sinistroidi e genoria a caccia di posti di lavoro facili… Para k uli e ruf fiani che pur di accaparrarsi il cardreghino si venderebbero il Kümin lo.

Blue Jack 10 mesi fa su tio
Risposta a Mgbc
Concordo. Preoccupato anche dal fatto che in Ticino ci sia molta gente così chiusa e cattiva.

Paolin’ 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Kryo70 parla come mangi, che forse qualcosa si capisce. Comunque ruffiani lo sono tutti i politici (con poche eccezioni), mica solo i “sinistroidi”.

Andy 82 10 mesi fa su tio
continuamo a confondere i nostri ragazzi COMPLIMENTONI al genio che si è inventato questa mi. ..chiata

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Andy 82
Concordo su tutti i livelli!!

Buonsenso? 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Ebbravo andy

Andy 82 10 mesi fa su tio
Risposta a Buonsenso?
GRAZIE ..E se sapessi dove firmare x far ritirare IMMEDIATAMENTE questa "cosa" firmerei con il sa . ng .ue....

Gus 10 mesi fa su tio
e la famiglia di Lumino, responsabile del DECS, non si espone?

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a Gus
Fanno gli struzzi. Testa nella sabbia e, guarda caso in sintonia con gli argomenti proposti nella tristemente famosa agenda, lasciano fuori il k ü L o!!

Suissefarmer 10 mesi fa su tio
io sono d'accordo. spiegherò io a mia figlia a tempo debito la questione. ognuno è libero di fare ciò che vuole, sempre se non si nuoce ad altri. più che sensibilizzare sul tema bisogna prendere bulli e compagnia che in qualsiasi altro tema compreso questo devono capire che prima di tutto siamo persone.

MioPensiero 10 mesi fa su tio
Risposta a Suissefarmer
condivido completamente il tuo pensiero

OrsoTI 10 mesi fa su tio
Risposta a Suissefarmer
Certo puoi approfondire con loro. Io l’ho fatto. Ma già sapevano tutto. Ma non tutti lo fanno. Mi hanno detto che loro amici hanno i gentori che gli dicono che è una mallatia. Poveri noi

Kryo70 10 mesi fa su tio
Risposta a OrsoTI
Dove si firma??

LoveYourCountry 10 mesi fa su tio
Risposta a OrsoTI
Chiamarla malattia è sbagliato. L’omosessualità è un orientamento sessuale che va accettato e trattato con rispetto. D’altra parte però, bisogna spiegare ai bambini che l’essere umano è prevalentemente eterosessuale e che la disposizione naturale per la riproduzione della nostra specie è uomo-donna.

TIA84 10 mesi fa su tio
Risposta a LoveYourCountry
Giusto, fa parte dell'essere umano avere orientamenti non etero, come dimostrato dai greci e dai romani 2000 anni fa, qui non sono in disaccordo.. ma proporre questi temi alle elementari (anche se solo in 5.), per quanto mi riguarda, è esagerato..

TIA84 10 mesi fa su tio
Risposta a TIA84
Però poi aggiungiamo che non erano nemmeno monogami..

Yarkin17 10 mesi fa su tio
Risposta a TIA84
E invece sarebbe l'ideale riuscire a normalizzare questa cosa hai più piccoli, così da prevenire disagio se si dovesse presentare in loro la disforia di genere o prevenire il bullismo da parte di ragazzi che non comprendono questo tema. Può succedere a bambini molto giovani!

Blue Jack 10 mesi fa su tio
Risposta a Kryo70
Continua a grigliare.
NOTIZIE PIÙ LETTE