Immobili
Veicoli

CANTONEConvivenza con il lupo, quali responsabilità ha il Cantone?

29.04.22 - 06:00
Il Consiglio di Stato viene chiamato a prendere posizione e ad agire dopo i recenti fatti di cronaca.
Ti Press
CANTONE
29.04.22 - 06:00
Convivenza con il lupo, quali responsabilità ha il Cantone?
Il Consiglio di Stato viene chiamato a prendere posizione e ad agire dopo i recenti fatti di cronaca.
«La convivenza fra lupo e allevatori non può essere lasciata sulle spalle di questi ultimi», sottolineano Lea Ferrari e Massimiliano Ay in un'interpellanza.

BELLINZONA - «La convivenza tra allevamento e il lupo non può essere lasciata totalmente sulle spalle delle allevatrici e degli allevatori». È con questa convinzione che i deputati del Partito comunista Lea Ferrari e Massimiliano Ay (assieme ai cofirmatari Sem Genini, Giacomo Garzoli, Sabrina Gendotti, Aron Piezzi) chiedono che anche il Cantone faccia la sua parte.

In particolare, nei punti cruciali della comunicazione, del monitoraggio e della prevenzione, «che deve portare anche a una regolazione degli individui minacciosi e troppo aggressivi», cioè quelli che predano un numero elevato di animali in poco tempo e nella stessa regione. «Finora non sono state dimostrate delle misure d'intervento efficaci per prevenire la possibile predazione», lamentano i deputati, che hanno deciso di presentare un'interpellanza.

A sostegno dell'atto parlamentare viene portato l'esempio di quanto accaduto il 2 aprile in Val Malvaglia, quando era stato rinvenuto un capriolo sbranato: il guardiacaccia era sì stato avvisato, ma la segnalazione agli allevatori e alle allevatrici della regione è giunta solamente 10 giorni più tardi. «Questo è solo uno degli esempi dei molteplici selvatici predati. Come intende il governo accelerare e rendere più immediata la trasmissione di allerte e la loro revoca verso le aziende agricola, i cui animali sono in un territorio di predazione del lupo?», si chiedono i granconsiglieri.

 

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO