Ti Press
La masseria come appare oggi
CASTEL SAN PIETRO
21.07.2021 - 15:000
Aggiornamento : 15:48

La masseria di Vigino e l'immobilismo del Cantone

I deputati momò del PPD chiedono se la situazione attuale dello stabile sia conforme alla legge sui beni culturali.

Ma si spingono anche più in là, chiedendo una sensibilità diversa nei confronti del Mendrisiotto.

CASTEL SAN PIETRO - Nonostante sia un bene culturale d'interesse cantonale, la masseria di Vigino si trova ormai in uno stato fatiscente. Da anni l'antica fattoria è in attesa di essere ristrutturata. Proprio con questo obiettivo erano state intavolate delle trattative fra il Cantone - proprietario dello stabile - e un privato, pronto a mettere sul piatto otto milioni di franchi. Il tutto con l'Ente Regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio e il Comune di Castel San Pietro a fare da mediatori (e quindi pure da garanti).

Trattative che però sono fallite, a quanto è da a sapere, a causa del prezzo di vendita dell'immobile nel frattempo aumentato. E pure per via di «un atteggiamento di rigidità e di chiusura da parte del Cantone nei confronti di tutti gli interlocutori», spiegano i deputati momò del PPD Luca Pagani, Giorgio Fonio e Maurizio Agustoni. I quali hanno quindi deciso di interrogare il Consiglio di Stato. Anche perché la Legge cantonale sulla protezione dei beni culturali prevede che «il proprietario di un bene culturale protetto ha l'obbligo di conservarlo nella sua sostanza, provvedendo alla manutenzione regolare». Cosa che evidentemente non avviene con la masseria di Vigino.

Per questo i tre granconsiglieri sottopongono al Governo le seguenti domande:

  • Vi è un interesse concreto da parte del Cantone a voler salvaguardare la masseria di Vigino, dando un segnale concreto a tutto il Mendrisiotto?
  • La situazione attuale dello stabile è conforme alla legge sui beni culturali?
  • In caso di risposta negativa, come intende il Consiglio di Stato intervenire affinché la legge sia rispettata?
  • Quale futuro vede oggi il Consiglio di Stato per la masseria di Vigino alla luce del fallimento delle trattative?
  • È immaginabile una ripresa delle stesse, mostrando una sensibilità diversa a favore di un’intera regione?
  • Negli ultimi anni si sta cercando di promuovere il territorio e il suo potenziale turistico. Non ritiene il Consiglio di Stato che la masseria di Vigino possa costituire un elemento di particolare attrattiva per il Mendrisiotto e per l’intero Cantone?

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 2 mesi fa su tio
Naturalmente qui si consentono i commenti. Sotto l'articolo dell'ennesima perdita del tram (dopo quella del Locarnese) da parte di Zali, invece no. Tio evidentemente di parte!
centauro 2 mesi fa su tio
@Gus Ma è il mio perenne interrogativo, perché solo alcuni articoli si possono commentare e altri no? io desidero una risposta.
T-34 2 mesi fa su tio
@centauro Ottima domanda. Non penso avrai una risposta. Su Tio una buona quantità di articoli postati non vedono mai il giorno. Soprattutto se si parla male dei padroni dei padroni della stampa libera... La cosa odora di censura, ma non ho nessuna prova. Consoliamoci con Ticinonline, che con coraggio pubblica ogni commento senza preventiva approvazione della Santa Inquisizione..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 19:16:14 | 91.208.130.86