Ti-Press (Francesca Agosta)
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
1 ora
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
2 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CONFINE
2 ore
Menaggio, ritrovata viva in una conduttura di cemento una donna dispersa
Si era allontanata da casa, ma poi non era più rientrata
CANTONE
4 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
4 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
CANTONE
6 ore
Clean-up-day a Faido con la madrina Christa Rigozzi
Non sono mancate le polemiche: il movimento eXtinction Rebellion Ticino ha manifestato contro l'organizzatore McDonald's
MANNO
8 ore
Inaugurata la nuova ala del Centro Diurno Terapeutico
Maggior sostegno sarà dato anche ai famigliari degli ospiti, grazie ad una maggiore flessibilità oraria
FOTO
CANTONE
8 ore
Consegnati i diplomi del Centro Studi Villa Negroni
Nel 2020 l’attività del CSVN ha incluso 21 certificazioni, 135 corsi e 63 convegni.
LUGANO
11 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
11 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
11 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
11 ore
Posteggi occupati per un uso più sostenibile
Il Park(ing) Day è stato organizzato dall'ATA e dai giovani dello sciopero per il clima
LUGANO
22 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
MAGADINO
1 gior
Cinque nuovi allievi piloti
A Magadino si sono svolte le selezioni finali. Tra 14 finalisti è stato scelto anche un ticinese
FOTO
LUGANO
1 gior
Incidente in via Brentani a Lugano
Scontro tra due auto. Una è finita contro un palo della luce
CANTONE
1 gior
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
BELLINZONA
1 gior
Un altro passo verso il nuovo ospedale
In pubblicazione a Bellinzona la variante di PR “Infocentro-Saleggi”
Attualità
1 gior
Come ci ha cambiati la pandemia?
Una campagna fotografica racconta i ticinesi al tempo del Covid. La mostra al Centro di dialettologia
CANTONE
1 gior
Una giornata tutta dedicata al Pedibus
Si è svolta oggi, anche in Ticino. A Torricella-Taverne i bambini hanno avuto degli ospiti d'eccezione
LUGANO
30.05.2021 - 19:340
Aggiornamento : 31.05.2021 - 09:42

«La notte luganese che verrà ricordata nell’infamia»

Arriva l’interpellanza del PS-PC di Lugano in merito allo sgombero e alla demolizione dell’ex Macello.

Messa in dubbio la legalità dell’abbattimento del centro sociale. Preoccupazione anche per i possibili ulteriori disordini.

LUGANO - Una giornata calda, quella di oggi. A infuocarla ulteriormente, gli avvenimenti della notte scorsa, che hanno messo fine all’esistenza del centro autogestito Molino. La sinistra, sbigottita, vuole far luce sulla vicenda.

Chi sapeva, chi non sapeva - Titolo dell'interpellanza: «La notte luganese che verrà ricordata nell'infamia». Ben tredici le domande formulate al suo interno dal gruppo formato da socialisti e comunisti della città sul Ceresio. Una di queste è volta a chiarire se «il Municipio intero era informato» di quello che stava per accadere «o solo certi municipali», mentre un secondo quesito chiede il motivo della presenza sul posto di forze di polizia d’oltralpe, e il loro costo. Preoccupano inoltre le possibili ripercussioni che «potrebbero dare avvio a una serie di manifestazioni pubbliche nelle vie cittadine». 

Il fattore legalità - L’interpellanza contiene poi alcune domande relative all’iter decisionale dietro l’operazione di demolizione, nonché alla legalità di procedere in tal modo senza una licenza edilizia. PS e PC si interrogano infine sul ruolo della polizia, a livello decisionale, nell’intera vicenda, chiedendo ora «che credibilità e legittimità crede di avere il Municipio nel portare avanti una comunicazione costruttiva» con i molinari. 

Qui di seguito le tredici domande formulate dal PS-PC luganese: 

1. Corrisponde al vero che il Municipio ha chiesto alla polizia cantonale d’intervenire per sostenere la polizia comunale nella gestione dello sgombero? Il Municipio intero ne era informato o solo certi municipali erano al corrente di quanto sarebbe successo? In che forma e quando il Municipio ha deciso di agire in tal senso e con quale esito interno? I servizi comunali erano stati informati di quanto sarebbe successo? 

2. Il Municipio ha considerato che con lo sgombero e la parziale demolizione dell’ex Macello potrebbe dare avvio a una serie di manifestazioni pubbliche per le vie cittadine? E se sì, come intende affrontarle qualora esse si concretizzassero? Perché durante la manifestazione NoVax al Tassino e l’occupazione con fumogeni a Loreto da parte dei tifosi dello Zurigo della strada cantonale le forze di polizia non sono intervenute per far rispettare la legge? 

3. Il Consiglio di Stato per intero è stato preventivamente informato di questa azione? Se sì, quando e sotto che forma? Il CdS in che forma e quando ha preso la decisione di assegnare alla polizia cantonale i compiti che sono stati svolti? Perché il Municipio non ha seguito i principi di gestione del tema volto a evitare controproduttive escalation come proposto dal CdS?

4. Chi ha chiesto l’intervento delle forze di polizia da altri cantoni? Quanto costerà la presenza di poliziotti d’oltr’Alpe? Quando la polizia d’oltralpe è stata allertata? Quanti agenti extra cantone erano presenti a Lugano la notte di sabato 29 maggio? 

5. Quando è stato deciso di considerare la demolizione quale parte dello sgombero? Le forze di polizia hanno imposto il piano al Municipio o quest’ultimo ha dovuto prendere atto della decisione? Quando è stata avvertita la ditta in questione? A che ora i mezzi meccanici della ditta atti alla demolizione in questione sono giunti sul posto? Quanto costerà l’intervento di demolizione? Qual’era la posizione dei capidicasteri responsabili del dossier e dei servizi competenti in merito alla demolizione 

6. Qual è stato l’iter per la presa di decisione della demolizione d’urgenza? È stata una decisione della polizia o politica? Per la demolizione della parte in questione, è stata rilasciata una licenza edilizia regolarmente cresciuta in giudicato? Se no, perché? Con che legittimità e giustificazione il Municipio intende legittimare tramite sanatoria la demolizione d’urgenza? 

7. Per la demolizione della parte dell’ex Macello non considerata un bene culturale protetta è stata rilasciata una regolare licenza edilizia cresciuta in giudicato? Se no, perché? I confinanti sono stati avvertiti come da prassi? 

8. a) Prima della demolizione, è stata verificata la presenza di materiali pericolosi nella struttura (come amianto o altre sostanze)? C’era un piano di demolizione dei servizi comunali in tal senso? È stato rispettato? b) È stata presa in considerazione la presenza di una scuola (Lambertenghi) e delle possibili ripercussioni della demolizione su questa e sul quartiere? 

9. a) Quali parti dello stabile sono stati demoliti o hanno subito danneggiamenti durante l’intervento? b) La parte protetta quale bene culturale ha subito danni? Prima dell’avvio della demolizione è stata messa in sicurezza per garantirne la protezione? Il numero di personale e la procedura 3 di demolizione erano adeguate come se si trattasse di una demolizione normale? In che modo le autorità volte a tutelare e informare su cosa stesse succedendo ha agito per orientare e rassicurare la popolazione locale comprensibilmente confusa dai fatti in che modo? 

10. Prima di procedere con la demolizione è stato permesso di raccogliere materiale presente nello stabile? 

11. Per la demolizione della parte in questione, è stata rilasciata una licenza edilizia regolarmente cresciuta in giudicato? Se no, perché? In che modo intende il Municipio apporre correttivi legali per giustificare il suo operato di demolizione d’urgenza a scopo di ordine di polizia? 

12. La manifestazione avvenuta durante il pomeriggio in maniera pacifica ha dimostrato il fatto che ci sia una domanda sociale da parte della popolazione di avere spazi liberi. Il Municipio come si posizione su questo tema? Vuole dare risposta in tempi brevi a questa richiesta mettendo a disposizione degli spazi? C’è una lista di potenziali luoghi da mettere a disposizione? 

13. Dopo gli incresciosi fatti di sabato notte e l’enorme violenza simbolica e culturale dovuta alla demolizione del Molino, che credibilità e legittimità crede di avere il Municipio nel portare avanti una “comunicazione costruttiva” con chi chiede di poter disporre di spazi culturali autonomi nel territorio comunale?

Nel frattempo altre domande vengono poste anche dall'avvocato Paolo Bernasconi

1.Chi ha dato l’incarico alla ditta incaricata di demolire il macello?
2. In che giorno e a che ora è stato dato questo incarico di demolizione del macello?
3. Perché è stato dato l’incarico di procedere alla demolizione durante la notte?
4. Perché non è stata presentata la licenza edilizia unitamente alla comunicazione obbligatoria riguardo al deposito delle macerie?
5. Perché non è stata avviata la procedura di sfratto con domanda alla pretura di sgombero e con ordine di intervento alla polizia, come previsto dal diritto e dalla procedura civile?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 21:36:49 | 91.208.130.85