Immobili
Veicoli
Ti-press (Samuel Golay)
Il comparto di Cornaredo, in cui sorgerà il futuro Polo sportivo degli eventi (PSE) di Lugano.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
14 sec
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
PARADISO
43 min
Più gente in Paradiso
I residenti nel Comune luganese sono aumentati di 190, arrivando a toccare quota 4'531.
CANTONE
1 ora
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
6 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CANTONE
6 ore
La pandemia del narcisismo
Vivono sui social. Raccontano qualsiasi cosa della propria vita. Un bisogno che nasconde diversi problemi.
BELLINZONA
13 ore
Una mozione per il rifacimento della parte alta del viale Stazione
Il settore del famoso viale si presenta oggi come «anonimo e poco curato» secondo il Gruppo PLR in Consiglio Comunale
CONFINE
18 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
21 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
21 ore
Lanciata una petizione a sostegno dei driver di Divoora
Le richieste: riconoscimento del tempo di lavoro e remunerazione di ogni ora lavorata
MENDRISIO
23 ore
A.A.A, asini cercansi
Servono a mantenere viva la tradizione del Palio che quest'anno festeggia i quarant'anni.
CANTONE
23 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
1 gior
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
MASSAGNO
1 gior
Nuova vettura di servizio per la Polizia Ceresio Nord
L'auto va ad ammodernare il parco veicoli ora composto da 8 vetture, 2 moto e 3 scooter.
LUGANO
05.04.2021 - 09:320

«Quanto successo è il risultato di un clima di intimidazione»

L'MPS scrive al sindaco di Lugano, Marco Borradori, dopo le pressioni subite nella raccolta firme contro il PSE

LUGANO - «Egregio signor sindaco...». Armati di carta e penna, gli esponenti del Movimento per il socialismo hanno scritto una lunga lettera aperta al sindaco di Lugano, Marco Borradori, denunciando un certo «clima di intimidazione» a seguito delle pressioni subite sabato scorso da alcuni militanti, ostacolati dall'intervento di due persone durante la raccolta firme per il referendum contro il futuro Polo sportivo e degli eventi (PSE).

Riportiamo di seguito l'intera missiva.

Lettera aperta al sindaco Borradori che, speriamo, “presente” non solo per lo sport, ma anche per la difesa dei diritti democratici

Egregio signor sindaco,

come lei saprà alcuni energumeni, appartenenti agli ultras del FC Lugano (qualificatisi come tali e “amici di Renzetti”), hanno disturbato e tentato di impedire la raccolta di firme da parte di alcune militanti dell’MPS sabato pomeriggio in via Pessina: bancarella autorizzata dal suo Municipio. Le hanno inoltre gravemente insultate e minacciate (“avreste già dovuto finire nel lago”). Tutte attestazioni che, se necessario, potranno essere dimostrate.

Mai in passato (e abbiamo fatto tante bancarelle in molti centri del Cantone) ci era capitato di avere a che fare con personaggi del genere pronti ad impedire la raccolta di firme per un referendum o un’iniziativa. Certo, possono esserci persone che passano davanti dalla bancarella, dicono di non voler firmare, fanno qualche commento (anche sgradevole); ma poi se ne vanno e non si sognano nemmeno per un attimo di impedire o disturbare una pratica democratica. Lugano, dobbiamo constatarlo, ci offre ora questa triste primizia.

Quanto successo oggi è il risultato di un clima di intimidazione condotto dal FC Lugano e dai suoi tifosi più scalmanati. Esistono ampie prove (mail di vario genere e chat) che mostrano come vi sia una vicinanza tra questi ambienti e il FC Lugano, con il responsabile della comunicazione del club che a più riprese “dialoga” con loro.

D’altronde il fatto stesso che il FC Lugano non si sia sentito in dovere, dopo questo episodio, di distanziarsi da simili atteggiamenti e si sia preoccupato di comunicare a destra e manca che “denuncerà” l’MPS per averlo collegato a questi energumeni (che tale collegamento hanno apertamente rivendicato), la dice lunga su come simili atteggiamenti siano ormai tollerati in ambito sportivo.

Anche il silenzio delle autorità, in particolare suo e del Municipio, sugli incivili attacchi (all’MPS e ad altri) delle ultime settimane, ha sicuramente favorito il formarsi di questo clima e ha, indirettamente, incoraggiato simili gesti e atteggiamenti.

Sabato, dopo che questi energumeni si sono piazzati davanti alla nostra bancarella disturbando ed impedendo la raccolta delle firme, abbiamo chiesto l’intervento della polizia comunale. La quale, appena giunta, si è guardata bene dall’invitare i due ad andarsene, chiamandoli “ragazzi”. Anzi, alla loro presenza, ha invece cominciato ad ammannirci una lezione di tolleranza: sarebbe spettato a noi non reagire agli insulti, alle minacce, ai tentativi di impedire la raccolta delle firme; perché una nostra reazione sarebbe stata considerata una provocazione. Il mondo all’incontrario!

Un atteggiamento grave da parte delle “forze dell’ordine” che denota o una certa accondiscendenza nei confronti dei “ragazzi” e della loro azione illegale oppure una crassa ignoranza del Codice penale svizzero (art. 279 e 280). In entrambi casi, un atteggiamento grave.

Tutto questo, sia il comportamento degli energumeni sia l’atteggiamento benevolo nei loro confronti dei due agenti della polizia comunale, è documentabile e lo faremo in sede opportuna. Alleghiamo, a titolo puramente esemplificativo, una foto dei due: mostrata ad uno degli agenti intervenuti sul posto, costui ha candidamente affermato che non trovava nulla di provocatorio nell’atteggiamento dei due energumeni…

Quello che sta accadendo a Lugano non riguarda solo una discussione politica su un progetto controverso; in ballo vi è molto di più, la difesa dei diritti democratici e del loro esercizio.

Il Municipio di una città è responsabile in primis di garantire l’esercizio dei diritti democratici, prendendo tutte le misure necessarie. Ci pare che, finora, il Municipio che lei guida non lo abbia fatto. L’atteggiamento della polizia che abbiamo descritto è altamente significativo e testimonia di un clima democratico malato, che non rappresenta certo un bel biglietto da visita per una città che si vuole “accogliente”.

Confidiamo quindi in un intervento suo e di tutto il Municipio affinché tali episodi non si ripetano, prendendo tutte le misure necessarie e istruendo in modo adeguato coloro che tali misure dovranno applicare.

Un cordiale saluto.

Il segretariato MPS

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 12:00:14 | 91.208.130.86