TiPress - foto d'archivio
CANTONE
07.05.2020 - 14:180

Un banco alimentare e buoni spesa per i ticinesi

Lo propone una mozione del Partito comunista per evitare lo spreco alimentare e alleviare la situazione di crisi

BELLINZONA - Un banco alimentare pubblico e buoni pasto spendibili in piccoli commerci e ristorazione locale. È quando viene chiesto di istituire al Governo dal Partito comunista. Un modo per aiutare la popolazione più debole a uscire dalla crisi, ma anche le aziende locali.

La mozione - firmata da Lea Ferrari e Massimiliano Ay - prevede che il banco alimentare pubblico «dia manforte ad altre iniziative private (ad esempio il Tavolino Magico) potendo anche fungere da coordinamento su tutto il territorio con l’obiettivo di ridurre lo spreco alimentare presso le aziende agricole, la ristorazione, le mense ticinesi».

Queste soluzioni - scrivono i comunisti - potrebbero essere applicate in collaborazione con il CCAT (Centro di Competenze Agroalimentari Ticinese).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 13:30:23 | 91.208.130.89