Tipress
LOSONE
10.03.2020 - 23:210

Ex Caserma: «Spesi più di 4 milioni per un sedime non edificabile?»

Orlando Guidetti attacca ferocemente il Municipio in un'interpellanza.

Secondo il consigliere comunale l'esecutivo avrebbe «mentito» alla popolazione venendo poi sbugiardato dal Consiglio di Stato: «La Confederazione era disposta a vendere a un prezzo simbolico».

LOSONE - Quello dell’edificabilità del comparto ex Caserma è un tema particolarmente caro a Orlando Guidetti. Tanto che è finito - negli scorsi anni - in diverse sue interrogazioni. Questa volta è invece terminato in un'interpellanza. «Rilevo che il Municipio - scrive il consigliere comunale leghista - ha sempre ribadito che il mappale sul quale sono situati gli edifici dell’ex Caserma si trova in zona edificabile».

E questa era una delle ragioni per cui era stato concordato con la Confederazione un prezzo di compravendita di 4'450'000 franchi. «Nei mesi seguenti la firma del contratto di compravendita - precisa però Guidetti - mi sono giunte voci del fatto che la Confederazione sarebbe stata pronta a vendere i sedimi dell’ex Caserma a un prezzo simbolico, di molto inferiore a quello pagato dal Comune».

«Ma se un sedime è edificabile, perché mai la Confederazione sarebbe stata pronta a cederlo a un prezzo simbolico?», si arrovella Guidetti.

Il fatto non si spiegava. «Poi però il Municipio di Losone ha richiesto una licenza edilizia per creare sul sedime un’area di deposito per i cantieri stradali di Losone. Licenza che è stata negata dal Consiglio di Stato, a seguito di un ricorso poiché il sedime era fuori dalla zona edificabile comunale». E qui casca l'asino. Secondo Guidetti il Municipio avrebbe infatti «mentito» alla popolazione. «Il Comune di Losone ha pagato la cifra esorbitante di 4'450'000 franchi per un terreno che non è neppure edificabile e che vale poco». 

Guidetti pone quindi al Municipio le seguenti domande: 

Quali membri del Municipio, oltre al Sindaco, hanno condotto le trattative con la Confederazione per la definizione del prezzo di compravendita dei sedimi dell’ex Caserma?

Alla luce del fatto che i sedimi dell’ex Caserma sono fuori zona edificabile, il Municipio conferma la validità del contratto di compravendita o intende invalidarlo?

Il Municipio intende ora rinegoziare il prezzo di compravendita con la Confederazione? Se no, perché?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 7 mesi fa su tio
Scusatemi : si capisce nulla per dire niente. Il terreno o comparto é stato comperato o no. Che prezzo simbolico ha fatto la confederazione é stato comunicato alla popolazione. Se si sapeva che non trattasi di terreno edificabile o cose non dette, non votare più nessun municipale e consiglieri comunali.
Evry 7 mesi fa su tio
E allora, non si deve solo CEMENTARE ma sfruttare l'occasione per fare una bella zona di svago a pochi metri dalle Città di Locarno e Ascona, Gli Otrtici potrebbero aiutare i governatori miopi. auguri
Ragnarok 7 mesi fa su tio
Se la vendita non è valida, il comune non è proprietario e allora ciao ciao Base Camp
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-30 00:06:27 | 91.208.130.86