ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
«La TV "sfrutta" le donne? Preoccupatevi dei social»
Luca Tiraboschi, ex direttore di Italia 1, ospite di Piazza Ticino. Guarda la video intervista. 
CANTONE
10 ore
«Non sapendo chi è vaccinato dobbiamo indossarla ancora»
Negli Stati Uniti gli immunizzati possono nuovamente circolare a viso scoperto. Il tema sta tenendo banco.
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Fiducia riconfermata a Massimo Suter
Durante la 130esima assemblea il ticinese è stato brillantemente rieletto alla vice-presidenza di GastroSuisse.
FOTO
MASSAGNO
12 ore
Prima seduta per il nuovo Legislativo di Massagno
Nella serata di ieri i neo-eletti Consiglieri comunali hanno sottoscritto la dichiarazione di fedeltà alla Costituzione.
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Una panchina anti Covid fatta... ad arte
Si tratta del progetto “Point of View” di Patrizia Pfenninger presentato oggi davanti alla stazione FFS di Bellinzona
LOCARNO
14 ore
Soppressa per un giorno la fermata di Piazza Castello
I passeggeri dovranno usufruire delle fermate vicine da giovedì alle 19 a venerdì alle 5 a causa di un cantiere.
MUZZANO
14 ore
Posa di asfalto fonoassorbente
Il cantiere notturno è previsto lungo via Piodella dal 25 maggio al 19 giugno
CANTONE
14 ore
La Scuola che verrà... secondo l'Udc
I democentristi presentano cinque decreti legislativi per rinnovare la scuola dell'obbligo
CANTONE
16 ore
Delitto alla pensione La Santa: chiesti diciassette anni
Si è aperto questa mattina il processo nei confronti dell'austriaco accusato di assassinio
TERRE DI PEDEMONTE
17 ore
Cade da un albero: ferite gravi per una trentenne
L'incidente si è verificato questa mattina nelle vicinanze del pozzo di Tegna
CANTONE
18 ore
Servono 27 milioni per il Mendrisiotto
Il governo propone un credito per una serie di opere sul fronte della mobilità sostenibile
CANTONE
01.02.2013 - 12:280
Aggiornamento : 23.11.2014 - 08:47

La pillola uccide ancora? "Tutte hanno effetti collaterali gravi"

Dopo l'ennesima morte legata all’assunzione di una pillola contraccettiva, il farmacista cantonale spiega: "Deve essere prescritta da un ginecologo che farà una valutazione in base alle caratteristiche della donna"

LUGANO - Il dibattito circa la pericolosità della pillola contraccettiva è in pieno svolgimento. L'ultimo colpo di scena è recente: l'Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti per la salute ha annunciato mercoledì il divieto di vendita del farmaco "Diane 35" e del suo generico.

Due settimane fa, infatti, una donna, a Olten (SO), è morta dopo aver assunto questo tipo di pillola. "La donna è morta dopo una grave embolia polmonare. Diversi i fattori di rischio che hanno causato la sua morte. La vittima ha preso, tra le altre cose, il generico Diane 35", ha confermato durante la trasmissione "10 vor 10" Stefano Basetti, primario presso l'ospedale cantonale di Olten.

Il Svizzera si tratta del quarto decesso a causa di Diane 35 o del suo generico e si va ad aggiungere al caso di Celine, giovane sciaffusana che, alcuni anni fa aveva subito un'embolia polmonare e un arresto cardiaco che aveva causato danni irreversibili.

Anche se in Francia Diane 35 è stato vietato, Swissmedic non intende agire immediatamente: "Per ora, le donne possono ancora prendere Diane 35 e il suo generico", afferma Rudolf Stoller, responsabile della sicurezza dei prodotti farmaceutici. Swissmedic dovrebbe prima condurre una serie di analisi, prima di stabilire se agire o meno.

Intervistato nel programma televisivo "10 vor 10", il laboratorio di Bayer, che commercializza Diane 35, riferisce di avere molto a cuore la sicurezza dei propri clienti e si è impegnato per lavorare a stretto contatto con le autorità.

"Che in Francia questo farmaco sia stato tolto dal commercio e in Svizzera no è essenzialmente dovuto al fatto che la situazione di partenza è estremamente diversa - ci spiega il dott. Giovan Maria Zanini, farmacista cantonale -. In Francia Diane 35 non viene considerata come una pillola contraccettiva, ma come farmaco per l'acne. In questa circostanza il rapporto benefici-rischi è nettamente diverso rispetto che da noi, dove viene invece considerato un farmaco contraccettivo. Ecco che un farmaco con effetti indesiderati potenzialmente anche gravi, se ha come beneficio esclusivamente la cura dell'acne viene rimosso dal mercato, se invece viene venduto come pillola no. In quest'ultimo caso il rischio è accettabile. Per questo motivo non è detto che la decisione francese verrà adottata anche da noi".

Zanini spiega come sia inutile pensare che smettere di distribuire questo farmaco possa risolvere il problema: "È vero che di pillole contraccettive ce ne sono tante altre, ma il rischio di trombosi ce l'hanno tutte. Non esiste in questo momento una pillola che non abbia effetti collaterali gravi - sottolinea -. Se si dovessero togliere dal mercato i farmaci con effetti collaterali, anche gravi, non venderemmo più nessun medicamento".

Un rischio, quello delle pillole contraccettive che le donne dovrebbero conoscere bene, spiega il farmacista: "Del rischio di trombosi, negli ultimi anni, se ne è parlato tantissimo su tutti i media. Credo che ci sia una consapevolezza diffusa. Il punto di partenza deve essere quello che la pillola deve essere prescritta da un medico, fondamentalmente da un ginecologo. Questo vale sia per le ragazzine che per le donne più mature. Il ginecologo deve fare una valutazione in base alle caratteristiche della donna. Se per esempio si tratta di una fumatrice, le possibilità di trombosi sono già alte in partenza. La pillola in questo caso non fa altro che aumentare ulteriormente il rischio. Non vuol dire che questa donna non dovrà assumere la pillola, ma che il medico dovrà scegliere una tipologia di farmaco idoneo per questi casi. Proprio per questo, una cosa che non si deve assolutamente fare, e che accade sovente tra le ragazzine, è scambiarsi le pillole tra amiche. Non sono caramelle".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-19 05:20:48 | 91.208.130.87