Cerca e trova immobili

MESOLCINAZone alluvionate, troppi curiosi: «La polizia potrà prendere provvedimenti»

08.07.24 - 11:02
Lo Stato Maggiore di Condotta Regione Moesa: «Così si ostacolano i lavori di ripristino, oltre che mettere in pericolo gli operai»
Foto TiPress
Fonte Stato Maggiore di condotta
Zone alluvionate, troppi curiosi: «La polizia potrà prendere provvedimenti»
Lo Stato Maggiore di Condotta Regione Moesa: «Così si ostacolano i lavori di ripristino, oltre che mettere in pericolo gli operai»

LOSTALLO - Lo vanno ripetendo da giorni ma sembra che gli appelli a tenersi distanti dai luoghi del disastro procurato dal maltempo continuano a cadere nel vuoto: gli uomini al comando della struttura che sta operando per riportare alla normalità le terre martoriate dall'alluvione dei giorni scorsi, rilanciano l'invito a non recarsi nelle località interessate dal nubifragio.

«Purtroppo - affermano dallo Stato Maggiore di Condotta Regione Moesa - si continuano a trovare curiosi e turisti nelle zone colpite dall'alluvione, i quali in modo particolare mettono in difficoltà i lavori di ripristino, oltre che mettere in pericolo se stessi e gli operai sui cantieri. La Polizia Cantonale - annunciano - sarà presente nelle aree colpite e avrà la possibilità di prendere provvedimenti». Quindi ribadiscono l'appello a «rimanere a distanza delle aree colpite»

I responsabili dello Stato Maggiore rendono noto che da oggi (lunedì 8 luglio) «si ritorna in un regime ordinario di condotta. Non c'è nessun organo di condotta attivo e si attiverà solo in caso di necessità. Per questa settimana - specificano - è attivato il nucleo di condotta ristretto, il quale è a disposizione».

Poi il punto sulla situazione. «Per quel che riguarda la viabilità sulla A13 e H13, il traffico è fluido, non vi sono cambiamenti e problemi sulle strade. Rimane l'interruzione a lungo termine tra Lostallo e Piani di Verdabbio e si invita, nuovamente, la popolazione a volersi attenere alle disposizioni emanate in relazione al traffico e al transito sulle strade regionali».

Quanto alle centrali colpite dall'alluvione si sta lavorando al loro «ripristino e la messa in funzione. I bacini - spiegano - sono sotto controllo e funzionanti»

L'ultimo fine settimana, in stato di allerta, «non ha registrato problemi di entità importante - rassicurano - e si è potuto operare in tranquillità e ripristinare velocemente i pochi avvenimenti occorsi».

Sul fronte delle ricerche della persona ancora dispersa, lo Stato Maggiore di Condotta della Regione Moesa fa sapere che «la Polizia Cantonale riprenderà questa settimana la ricerca».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE