Cerca e trova immobili

BELLINZONATruffe telefoniche agli anziani: un arresto nel Bellinzonese

04.12.23 - 11:05
La donna è stata fermata in flagranza di reato. Stava tentando di portare via soldi a una signora con la tecnica della truffa telefonica.
Ti Press archivio
Fonte Polizia cantonale
Truffe telefoniche agli anziani: un arresto nel Bellinzonese
La donna è stata fermata in flagranza di reato. Stava tentando di portare via soldi a una signora con la tecnica della truffa telefonica.

BELLINZONA - È stata arrestata una 42enne cittadina slovacca, residente in Slovacchia, sospettata di aver preso parte a tre truffe agli anziani "chiamate shock" nel Bellinzonese e nel Luganese.

Stando a quanto dichiarato dalla Polizia cantonale, la donna è stata fermata in flagranza di reato verso le 16 del 30 novembre in via Franco Zorzi a Bellinzona dopo aver appena recuperato la refurtiva a casa di un'anziana della zona. L'arresto è stato reso possibile grazie all'intensa attività investigativa messa in atto dalla Polizia cantonale, che ha portato alla sua identificazione, nonché al conseguente dispositivo di ricerca.

Il modus operandi ricalca quello evidenziato a più riprese in passato nelle sue numerose varianti. Negli ultimi casi segnalati gli autori, spacciandosi per una persona attiva in campo medico o per un agente di polizia, chiedono con insistenza un'importante somma di denaro necessaria a coprire le cure di un congiunto stretto affetto da una grave malattia o incorso in un incidente della circolazione. Facendo leva sullo scarso tempo a disposizione, poche ore vista la paventata serietà della situazione, mettono pressione sulla vittima e la spronano a immediatamente consegnare il denaro a disposizione o gli averi custoditi in casa.

L'ipotesi di reato a carico della donna è di ripetuta truffa aggravata. La misura restrittiva della libertà è già stata confermata dal Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC). L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

NOTIZIE PIÙ LETTE