tipress (archivio)
CANTONE
19.10.2020 - 19:320

Gli ospedali chiedono l'aiuto della Protezione Civile

Dei militi sono già operativi presso la clinica Moncucco, il San Giovanni di Bellinzona e La Carità di Locarno.

Il loro compito: il triage dell'utenza, l'accoglienza e l'informazione laddove necessario.

LUGANO - I positivi al covid aumentano e le strutture dell'ente ospedaliero non restano a guardare. Anzi, alcuni ospedali hanno già ottenuto il supporto della Protezione Civile.

«In alcuni casi sono stati effettuati dei primi sopralluoghi e in tre di questi, due militi per struttura sono già operativi», spiega ai microfoni di Radio Ticino il collaboratore scientifico della sezione militare e della protezione della popolazione, Federico Chiesa.

Gli ospedali che hanno già ottenuto supporto sono la clinica Moncucco, il San Giovanni di Bellinzona e La Carità di Locarno. Per altre strutture, ad esempio del Mendrisiotto e del Luganese, «sono già stati effettuati dei sopralluoghi e, a breve, anche qui verranno implementati dei militi».

Il loro ruolo? «Uno dei due si occuperà di quello che è il triage dell'utenza all'arrivo. Dopo una breve domanda questi sarà indirizzato correttamente. Il secondo milite - conclude il collaboratore scientifico - avrà principalmente un ruolo di accoglienza. Si occuperà della disinfezione delle mani e della distribuzione della mascherina protettiva, oltre che dell'informazione all'utenza, qualora ve ne fosse bisogno».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:54:03 | 91.208.130.85