tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
BRISSAGO
8 ore
Brissago festeggia la sua fedeltà alla Svizzera
La cerimonia ha avuto luogo oggi presso l'ex Fabbrica Tabacchi
FOTO
CALANCA (GR)
8 ore
Un riconoscimento per la cava che mantiene la biodiversità
La Alfredo Polti SA di Arvigo ha ricevuto la certificazione dalla Fondazione Natura & Economia
MENDRISIO
10 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
11 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CONFINE
11 ore
Menaggio, ritrovata viva in una conduttura di cemento una donna dispersa
Si era allontanata da casa, ma poi non era più rientrata
CANTONE
13 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
13 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
CANTONE
15 ore
Clean-up-day a Faido con la madrina Christa Rigozzi
Non sono mancate le polemiche: il movimento eXtinction Rebellion Ticino ha manifestato contro l'organizzatore McDonald's
MANNO
17 ore
Inaugurata la nuova ala del Centro Diurno Terapeutico
Maggior sostegno sarà dato anche ai famigliari degli ospiti, grazie ad una maggiore flessibilità oraria
FOTO
CANTONE
17 ore
Consegnati i diplomi del Centro Studi Villa Negroni
Nel 2020 l’attività del CSVN ha incluso 21 certificazioni, 135 corsi e 63 convegni.
LUGANO
20 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
CANTONE
10.09.2019 - 19:350
Aggiornamento : 16.09.2019 - 14:56

Oro di dubbia provenienza raffinato presso la Argor Heraeus di Mendrisio?

La denuncia dell'associazione Sacrificio Quaresimale: «Come possono garantire il rispetto dei diritti umani se acquistano da una fonte dubbia, i cui dirigenti sono stati arrestati?»

LUGANO – Riciclaggio, arricchimento illegale e formazione di un'organizzazione criminale: queste le accuse formulate dal governo colombiano contro il fornitore d'oro C.I.J. Gutiérrez, che hanno portato all'arresto di alti dirigenti dell’azienda. Ancora più sconcertante, però, è il fatto che - stando all'associazione Sacrificio Quaresimale ( Organizzazione di Cooperazione internazionale dei cattolici della Svizzera) e il Gruppo di lavoro Svizzera-Colombia (ask!) - la Argor Heraeus di Mendrisio (società attiva nella raffineria dell'oro)  avrebbe acquistato fra 5 e 9 tonnellate all’anno di oro dal 2009 al 2018 dalla ditta C.I.J. Gutiérrez. 

Fra il 2009 e il 2018 - sostengono le due associazioni in una nota stampa - la raffineria svizzera avrebbe acquistato da 5 a 9 tonnellate d'oro all'anno dal commerciante colombiano. «Un'ulteriore prova dell'urgenza dell'Iniziativa per multinazionali responsabili, sulla quale il Consiglio degli Stati deciderà nuovamente alla fine di settembre», sottolineano.

L'oro "ripulito" - Secondo il comunicato diffuso dalle due associazioni il ministero pubblico colombiano accusa il più importante esportatore di oro del paese, di aver lavato e commercializzato illegalmente l'oro estratto e scambiato attraverso una rete di fornitori di facciata e di averlo esportato come oro legale.

Uso di nomi di persone decedute - A tale scopo la società C.I.J.J. Gutiérrez si sarebbe servita di cercatori artigianali: avrebbe usurpato l’identità di alcuni di loro (compresa quella di persone decedute), e avrebbe utilizzato nomi fittizi. Ciò avrebbe permesso all'impresa di dichiarare l'oro estratto illegalmente con attrezzature pesanti, come legalmente prodotto da cercatori artigianali.

Estrazione distruttiva - L'estrazione dell'oro con draghe ed escavatori distrugge vaste aree di foreste e interi corsi d'acqua, portando all'erosione e alla sedimentazione dei fiumi. Il mercurio necessario per l'estrazione dell'oro avvelena fiumi e terreni, distruggendo i mezzi di sussistenza delle persone che vi abitano. Gran parte di questo oro viene utilizzato per riciclare i profitti del traffico di droga o per finanziare gruppi armati illegali.

Gli arresti - Le accuse pesano a tal punto che in aprile l'amministratore delegato, altri dirigenti e fornitori sono stati arrestati, la sede centrale dell'azienda a Medellín è stata posta sotto amministrazione controllata e gli inventari di metalli preziosi confiscati.

Oro destinato a Mendrisio - A causa di irregolarità nell'indicazione della provenienza, le autorità doganali e fiscali colombiane hanno annullato con effetto retroattivo, già a inizio 2019, l'autorizzazione per quattro consegne di oro da parte di C.I.J. Gutiérrez effettuate nel 2016. Due di queste avevano come destinatario la raffineria Argor Heraeus a Mendrisio.

Acquisto da fonti dubbie? - Stando al proprio codice di condotta, Argor Heraeus, attribuisce molta importanza alla lotta contro la concorrenza sleale, la corruzione, il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo; inoltre la tutela dell'ambiente e l'uso attento delle risorse naturali fanno parte dei loro principi. Il loro sito web afferma poi che il rispetto dei diritti umani universali è uno dei loro valori fondamentali. «Ma come possono i responsabili di Argor Heraeus garantire di non importare oro illegale se lo acquistano da una fonte dubbia, i cui dirigenti sono stati arrestati?», si domandano Sacrificio Quaresimale e il Gruppo di lavoro Svizzera-Colombia (ask!).

L'associazione invita Argor Heraeus ad «effettuare controlli minuziosi sulle sue relazioni commerciali, a renderle trasparenti e ad adottare misure efficaci per prevenire le violazioni dei diritti umani e la distruzione dell'ambiente».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 06:43:36 | 91.208.130.87