ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
10 min
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
39 min
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
1 ora
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
ITALIA / CANTONE
2 ore
Scomparso in Italia, è ricoverato in un ospedale di Berna
LUGANO
3 ore
Advanced Studies Supsi, ecco i diplomati
CANTONE
4 ore
Borse di studio più generose, ma resta il prestito per il master
CAMORINO
4 ore
La torrida giornata degli asilanti: «Non ne possiamo più»
CANTONE
5 ore
Tram-Treno, sì al credito e all'emendamento socialista
CANTONE
5 ore
Chiusure dei negozi, la trattativa s'inceppa
LUGANO
5 ore
Ex Macello: il Molino è pronto a scendere in piazza
CANTONE
5 ore
Conquista il podio "estremo": «Il mio team ha commesso errori, altrimenti...»
MURALTO
5 ore
Morte della 22enne inglese: la polizia torna in hotel
CAMORINO
7 ore
Asilanti in sciopero, il DSS: «Lo facciamo per loro»
CANTONE
7 ore
Ricercato in assistenza in Ticino: «Non ha ricevuto qua il permesso»
ITALIA / CANTONE
7 ore
Scomparso dalla Provincia di Asti, potrebbe essere in Ticino
LUGANO
21.02.2014 - 16:250
Aggiornamento : 24.11.2014 - 18:27

Ritrovati nuovi manoscritti di Qumran

Il ritrovamento è stato presentato nel corso del Seminario di Ricerca internazionale "The History of the Caves of Qumran"

LUGANO - Nel corso del Seminario di Ricerca internazionale "The History of the Caves of Qumran", organizzato dall'Istituto di Cultura e Archeologia delle terre Bibliche della Facoltà di Teologia di Lugano (presieduto dal prof. dr. Giorgio Paximadi), è stato annunciato il ritrovamento di nuovi manoscritti di Qumran.

 

Lavorando sui materiali degli scavi archeologici degli anni '50, l'archeologo Yonatan Adler ha ritrovato alcuni filatteri (gli astucci - usati dai religiosi ebrei - che contengono piccoli rotoli manoscritti con un testo biblico) ancora intatti. È stato possibile individuare al loro interno i manoscritti grazie a speciali fotografie (multispectral imaging) realizzate dall'Israel Antiquities Authority.

 

I filatteri provengono dalle grotte 4 e 5 di Qumran, scavate nel 1952 dall'archeologo Roland de Vaux. Tra il materiale trattato dal laboratorio per la conservazione dei rotoli dell'Israel Antiquities Authority, sono stati rinvenuti tre astucci contenenti nove piccoli rotoli manoscritti.

 

"Non capita ogni giorno di poter scoprire nuovi manoscritti. E' stata veramente una grande emozione", ha dichiarato Yonatan Adler, Ariel University. "Sono molto orgogliosa che nel nostro laboratorio, impiegando le tecnologie più avanzate, possiamo ricostruire la storia di duemila anni fa", ha aggiunto Pnina Shor, direttrice laboratorio per la conservazione dei rotoli dell'Israel Antiquities Authority.

 

Il seminario curato dal prof. Marcello Fidanzio, direttore del settore ambiente biblico dell'ISCAB, Facoltà di Teologia di Lugano, ha radunato 65 tra i più importanti studiosi mondiali di Qumran, tra cui Emanuel Tov (Hebrew University of Jerusalem), Jodi Magness (University of North Carolina), E. Puech (École Biblique et Archéologique Franҫaise, Jerusalem), Sidnie White Crawford (University of Nebrasca-Lincoln), J. Taylor (King's College London), Jurgen Zangenberg (Leiden University).

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 22:36:42 | 91.208.130.86