Cerca e trova immobili

CANTONEIn Val Bavona si apre la stagione turistica della funivia San Carlo-Robiei

14.06.24 - 10:15
Il via è previsto per il 15 giugno. E si andrà avanti fino al 6 ottobre.
Officine Idroelettriche della Maggia SA
Fonte Officine Idroelettriche della Maggia SA
In Val Bavona si apre la stagione turistica della funivia San Carlo-Robiei
Il via è previsto per il 15 giugno. E si andrà avanti fino al 6 ottobre.

Sabato, 15 giugno 2024, verrà riaperta al pubblico la Funivia San Carlo-Robiei (Val Bavona), che rimarrà in funzione giornalmente fino al 6 ottobre 2024. Da San Carlo a Robiei in soli 15 minuti, grazie alla funivia più lunga del cantone, si arriva ai piedi del ghiacciaio del Basodino.

Tra i numerosi sentieri alpini a disposizione degli escursionisti vi è anche il Sentiero glaciologico del Basodino, un sentiero lungo quasi 10 km, che con il supporto di alcuni pannelli permette di conoscere meglio l'interessantissima regione del ghiacciaio del Basodino, un ambiente geologico e geomorfologico esclusivo.

Oltre ai sentieri alpini è anche possibile visitare l’interno della diga di Robiei. Grazie al percorso didattico, il quale si sviluppa nei cunicoli all’interno della diga, si apprende in maniera semplice e chiara il funzionamento degli impianti di produzione di energia idroelettrica dell'Ofima. La chiave per accedere al percorso didattico può essere ritirata alla ricezione dell'Albergo Robiei.

Dal 15 giugno 2024 inoltre riapre pure l’Albergo e il Ristorante Robiei. Acquistando il biglietto combinato comprendente il viaggio in teleferica ed il pranzo al ristorante dell’Albergo Robiei (fr. 39.- per adulti e fr. 27.- per bambini) potrete gustare un ottimo piatto di cucina locale. Per gruppi che intendono pernottare all’Albergo Robiei vengono inoltre concesse agevolazioni sul trasporto con la teleferica.

Per maggiori informazioni relative alla funivia, all’albergo, al ristornate e sulle condizioni meteo in tempo reale vi consigliamo di consultare il sito web www.robiei.ch.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE