Cerca e trova immobili

MENDRISIOMendrisio premia tre aziende virtuose

28.11.23 - 09:36
Il premio "Familiari Curanti: Sosteniamoli" è stato consegnato ieri all'Hupac Intermodal, alla SAR Recycling e allo Studio medico Donati.
Città di Mendrisio
Fonte Città di Mendrisio
Mendrisio premia tre aziende virtuose
Il premio "Familiari Curanti: Sosteniamoli" è stato consegnato ieri all'Hupac Intermodal, alla SAR Recycling e allo Studio medico Donati.

MENDRISIO - Fare conoscere e promuovere le buone pratiche attraverso esempi virtuosi sul territorio. È quanto ha fatto la Città di Mendrisio che lunedì 27 novembre ha conferito un riconoscimento a tre aziende della regione per aver introdotto delle misure che agevolano i dipendenti che svolgono anche l’importante ruolo di familiari curanti.

«Un impegno che sfiora i 4 miliardi» - «I familiari curanti - viene precisato in una nota del Comune - sono un pilastro imprescindibile nell’assistenza svizzera. L’impegno volontario e informale è in aumento fra le persone che vivono in Svizzera e assume valori economici che sfiorano i 4 miliardi di franchi l’anno».  È perciò «importante» - precisa la Città - valorizzare il ruolo del familiare curante e rendere omaggio a quelle realtà che favoriscono la possibilità di conciliare famiglia e lavoro.

I premiati - Durante la cerimonia il Presidente del Consiglio di Stato Raffaele De Rosa, la Vice Sindaca Francesca Luisoni e la Municipale Françoise Gehring, responsabile del Dicastero Politiche sociali e Politiche di genere, hanno conferito il riconoscimento alla Hupac Intermodal SA di Chiasso, alla SAR Recycling SA di Riva San Vitale e allo Studio Medico Dottor Donati di Mendrisio. Diversi responsabili delle Risorse umane di aziende di tutto il Mendrisiotto hanno poi potuto ascoltare le interessanti e toccanti testimonianze delle persone direttamente coinvolte, apprezzando le misure implementate dalle tre aziende.

Una mano tesa verso la parità - Durante la cerimonia – coordinata da Vanessa Ghielmetti di Equi-Lab, partner dell’iniziativa - è stato inoltre fatto notare che le misure che promuovono una maggiore compatibilità tra vita professionale e vita familiare possono «contribuire al raggiungimento della parità di genere». «Queste misure - precisa la Città di Mendrisio - Incoraggiano uomini e donne a condividere equamente le responsabilità di cura e facilitano l'ingresso o il ritorno al lavoro retribuito dopo un periodo di congedo per motivi familiari».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE