Cerca e trova immobili
La tragedia concretizza il sogno: Casa Marta è realtà

BELLINZONALa tragedia concretizza il sogno: Casa Marta è realtà

11.11.23 - 16:25
È stata inaugurata oggi a Bellinzona la struttura d'accoglienza per senzatetto. «Il nome? In ricordo di quella donna morta di freddo».
Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
La tragedia concretizza il sogno: Casa Marta è realtà
È stata inaugurata oggi a Bellinzona la struttura d'accoglienza per senzatetto. «Il nome? In ricordo di quella donna morta di freddo».

BELLINZONA - Dieci anni di battaglie, anche aspre. Ma alla fine Casa Marta di Bellinzona è divenuta realtà. La struttura d'accoglienza dedicata alle persone senza tetto o in difficoltà - sita in Via Guisan nello stabile ex Ostini che prima dei lavori di riattazione era rimasto disabitato per quasi cinquant'anni - è stata infatti ufficialmente inaugurata oggi - sabato undici novembre 2023 - alla presenza delle autorità comunali e cantonali.

I servizi offerti - Nello specifico Casa Marta dispone di 32 posti letto distribuiti in 15 camere e due piccoli appartamenti. La terza struttura di questo genere in Ticino - dopo Casa Astra a Mendrisio e Casa Martini a Locarno - vuole offrire una prima accoglienza (vitto, alloggio, abiti, doccia, lavanderia e soprattutto ascolto) e un sostegno a lungo termine (aiuto per problemi medici, giuridici, psicologici, finanziari, riabilitazione tramite il lavoro all’interno della struttura, ricerca di lavoro e casa) alle persone in difficoltà, attivando i contatti con i servizi sociali statali e assicurando loro gli aiuti cui hanno diritto.

Tanti residenti bisognosi - Per fare questo Casa Marta potrà contare su uno staff formato e competente. E sarà aperta per 365 giorni all'anno. Sia di giorno che di notte. «Si pensa sempre che siano solo gli stranieri di passaggio ad avere bisogno di una mano», ci confidava qualche mese fa il presidente della fondazione Casa Marta Renato Minoli. «Non è così. Le statistiche indicano che ad avere necessità di aiuto da parte di strutture come la nostra sono per circa il 75% residenti. Una struttura del genere è più necessaria che mai, anche nel Bellinzonese». 

Un simbolo - Casa Marta è un sogno portato avanti anche da Luca Buzzi. Un sogno che purtroppo il consigliere comunale ed ex docente di fisica al Liceo cittadino - scomparso ormai da quasi due anni - non ha potuto veder realizzato. A rappresentarlo oggi c'era però la sua famiglia che ha continuato la sua lotta. Una battaglia che era partita da un fatto tragico: la morte per asfissia di due ecuadoriani - Marta ed Enrique - in un furgone avvenuta il 30 dicembre 2008 nell'area di servizio di Monte Carasso. «Abbiamo scelto il nome di Marta per ricordare quella tragedia», ci aveva confidato Silvana, vice presidente della fondazione e vedova di Luca Buzzi. «Per noi è diventata un po' il simbolo di chi si trova in un periodo delicato». 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Sinned azzaip 6 mesi fa su tio
50 anni disabitata. Ora finalmente serve a qualcosa, anche altre casa sfitte dovrebbero essere cedute a persone in cerca di aiuto.👍👍👍👍

Mgrazia60 6 mesi fa su tio
👏👏👏

gufo 6 mesi fa su tio
bene, sono felice per quelle persone che ne hanno bisogno...bravi bella iniziativa

Mamy 6 mesi fa su tio
Queste belle iniziative fanno bene al cuore.

Mao76 6 mesi fa su tio
Decisamente una bella cosa , riscalda il cuore leggere queste notizie .

F/A-19 6 mesi fa su tio
Bellissima iniziativa.

bobifurgo 6 mesi fa su tio
Risposta a F/A-19
Mancava una struttura del genere nel bellinzonese, in grado di accogliere persone in difficoltà ed in cerca di sostegno. Un' ottima iniziativa che speriamo abbia un seguito in altri distretti del Cantone in cui non ne sono ancora dotati
NOTIZIE PIÙ LETTE