Cerca e trova immobili

BELLINZONA«Quello delle Officine sia il primo quartiere senza auto del Ticino»

08.03.23 - 15:02
La proposta proviene dall'ATA che sottolinea come essa sia il «frutto di un'analisi oggettiva» e non di una mera «ideologia ambientalista».
nuovoquartiereofficine.ch
«Quello delle Officine sia il primo quartiere senza auto del Ticino»
La proposta proviene dall'ATA che sottolinea come essa sia il «frutto di un'analisi oggettiva» e non di una mera «ideologia ambientalista».

BELLINZONA - Il nuovo Quartiere delle Officine a Bellinzona ha tutti i crismi necessari per diventare il primo quartiere senza auto del Ticino. La proposta arriva dall'Associazione traffico e ambiente (ATA) che la scorsa settimana ha inoltrato le proprie osservazioni sul Piano Particolareggiato del quartiere alle Commissioni della gestione e del piano regolatore, ambiente ed energia (che stanno discutendo del messaggio municipale inerente al comparto). «Siamo preoccupati - precisa l'ATA - per la creazione dei posteggi previsti, troppi anche se fossero 488 cioè il minimo calcolato».

Secondo l'Associazione «l'ubicazione della zona» (a due passi dalla stazione FFS) si presta infatti benissimo per la creazione di un quartiere senza auto. «Soluzione - fa presente l'ATA - avvalorata dai risultati della valutazione di fattibilità fatta sulla base di una matrice utilizzata per analizzare l’idoneità di progetti in Germania e nel resto della Svizzera».

«Non capita spesso di pianificare da zero»
Anche il fatto che il quartiere verrà pianificato da zero è un punto da sfruttare. «Non capita spesso una cosa del genere», far presente l'Associazione, precisando che la proposta è «frutto di un'analisi oggettiva» che, sulla base di una matrice di valutazione, sviluppata grazie alle esperienze fatte negli ultimi decenni in Germania e nel resto della Svizzera, ha valutato la fattibilità tecnica di questa soluzione e non di una mera «ideologia ambientalista».

I quattro criteri
Sì, perché il risultato dell'analisi del quartiere delle Officine - che si basa essenzialmente su quattro parametri (estensione, allacciamento con i trasporti pubblici, rete ciclabile e prossimità con infrastrutture e attrezzature) - ha dato esiti «molto incoraggianti» raggiungendo ben 169 punti su un massimo di 200. «Per Bellinzona - conclude l'Associazione - questa scelta porterebbe una gran visibilità e il Comune avrebbe un ruolo pionieristico nell’ambito dei progetti che contribuiscono ad aumentare la qualità della vita e al raggiungimento della società a duemila watt». 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE