Cerca e trova immobili

LuganoTreni Ponte Tresa-Lugano, fine dei disagi il 26 settembre

21.09.22 - 08:22
«Un leggero movimento di un ponte in zona Crespera ha richiesto l'immediata interruzione della linea».
Foto TiPress
Treni Ponte Tresa-Lugano, fine dei disagi il 26 settembre
«Un leggero movimento di un ponte in zona Crespera ha richiesto l'immediata interruzione della linea».

LUGANO - I disagi stanno per finire, così almeno stando all'ultimo comunicato diramato da FLP: da lunedì 26 settembre si torna alla normalità. E per i viaggiatori della linea Ponte-Tresa Lugano dovrebbe finire un periodo dove tra interruzioni, ritardi e corse a trovare un posto sui bus sostitutivi la loro pazienza è stata messa a dura prova. «Il traffico ferroviario sarà presto ristabilito» annunciano le Ferrovie Luganesi SA, riconoscendo che «nonostante l’impegno per mettere a disposizione dei passeggeri dei bus navetta sostitutivi, in questi giorni si sono verificati ritardi lungo la linea».

Una oscillazione sospetta rilevata dagli strumenti di misurazione su un ponte in zona Crespera è all'origine della decisione di interrompere (accade dal 15 settembre) la circolazione dei treni tra le fermate di Bioggio e Cappella-Agnuzzo: «con i lavori di manutenzione straordinaria effettuati sono stati apportati i correttivi necessari - spiegano - volti a garantire la sicurezza dei viaggiatori».

FLP annuncia quindi il programma stilato per arrivare alla riapertura regolare della circolazione che avverrà lunedì 26 settembre: «Tra giovedì 22 e venerdì 23 settembre (ultima corsa) l’esercizio dei treni riprenderà senza interruzioni. - spiegano - poi tra sabato 24 e domenica 25 settembre ci sarà nuovamente l'interruzione dei treni tra le fermate di Bioggio e Cappella-Agnuzzo per la ripresa dei lavori di manutenzione. Saranno comunque disponibili - ricordano - dei bus sostitutivi secondo l'orario ufficiale».

La fine dei disagi è confermata per lunedì 26 settembre, quando tutti i treni riprenderanno a circolare regolarmente su tutta la linea.

 

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE