Immobili
Veicoli
Ti-Press (archivio)
Dai centri d'asilo ai banchi di scuola.
CANTONE
26.03.2022 - 13:430

Nelle aule ticinesi ci sono già 160 allievi ucraini

Il loro numero è però destinato ad aumentare vertiginosamente. Il DECS: «A settembre saranno un migliaio».

BELLINZONA - Tra i banchi delle aule ticinesi hanno già trovato spazio almeno 160 allievi ucraini. E il loro numero è destinato ad aumentare vertiginosamente in vista del prossimo anno scolastico. Secondo quanto riferito dal DECS alla RSI si prevede infatti che entro settembre saranno circa un migliaio i bambini e i ragazzi in fuga dalla guerra che dovranno essere accolti nelle scuole ticinesi.

Un afflusso importante che dovrà essere assorbito dai vari istituti scolastici ticinesi sparsi sul territorio per evitare un sovraccarico del sistema. Come spiegato dal direttore del Dipartimento dell'Educazione Manuele Bertoli a settembre dovrà infatti «essere garantita una scolarizzazione ordinaria» che potrà avvenire solo se i profughi verranno distribuiti «in maniera proporzionale» negli alloggi dei nuclei familiari dei vari circondari e comuni.

Dei centosessanta allievi che attualmente stanno iniziando il loro percorso di scolarizzazione in Ticino, una trentina frequenta la scuola dell'infanzia, una sessantina quella elementare, una sessantina va alle medie, mentre una decina frequenta le scuole post-obbligatorie.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 12:48:24 | 91.208.130.85