Immobili
Veicoli
Ti Press (archivio)
Un'ondata di chiamate allo 0800 144 144
ULTIME NOTIZIE Ticino
AGNO
3 ore
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
6 ore
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
8 ore
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
9 ore
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
CANTONE
10 ore
Divoora: 1.400 firme in meno di 48 ore
La popolazione sta dimostrando solidarietà sostenendo le rivendicazioni dei fattorini
RIVERA
10 ore
Un altro weekend di tamponi
Riapre domenica il centro della Protezione civile di Rivera. Ecco dove farsi testare il 28 e 29 gennaio
CANTONE
13 ore
Don Tamagni, proposti sei mesi da scontare, altri 27 sospesi
Tra appropriazione indebita e truffa, il parroco ha estorto oltre 900mila franchi.
CANTONE
13 ore
«L’atto d’accusa è un pasticcio»
Chiesto (e negato) il rinvio del processo nei confronti dell’ex comandante delle guardie di confine Antonini.
CANTONE
13 ore
Tilo ripristina (quasi) tutte le linee
I treni per Malpensa e per Como tornano in piena attività
BODIO
14 ore
Ringraziamenti e celebrazioni tra meritevoli e neo maggiorenni
Una serata in forma ristretta che ha sostituito la tradizionale festa
CANTONE
15 ore
Covid: quattro nuove vittime
Si registrano inoltre 1'384 positivi nelle ultime 24 ore.
CONFINE
16 ore
Niente più tamponi per l'Italia
Dal primo di febbraio basterà il certificato Covid. La decisione di Roma
VAL POSCHIAVO
16 ore
Due strade grigionesi si rifanno il look
Nuovi cantieri a Silvapiana e Poschiavo. I progetti del governo di Coira
CANTONE
19 ore
La 'ndrangheta chiede permesso
Un frontaliere 59enne sarebbe prestanome del clan Raso-Gullace-Albanese. In Ticino ha ottenuto un prestito Covid
LOCARNO
19 ore
Lascia tutto e se ne va
Storia di Renato Molo, classe 1980: via dalle certezze, in piena pandemia parte verso l'ignoto. Oggi abita in Colombia.
CANTONE
1 gior
Due mozioni in tema di giustizia
Maddalena Ermotti-Lepori si è concentrata sul tema della mediazione, mentre Roberta Soldati sulla conciliazione
CANTONE
1 gior
Scuole medie, bocciata la sperimentazione
Il Gran Consiglio ha affossato il credito di 237'000 franchi richiesto dal Governo.
CANTONE
03.12.2021 - 08:010
Aggiornamento : 12:40

«In meno di un'ora le telefonate che prima ricevevamo in un giorno»

L’hotline cantonale è sommersa dalle telefonate. Ne arrivano a raffica e per i motivi più disparati.

«Siamo ritornati in un periodo in cui c'è tanta confusione e incertezza», spiega il responsabile Roberto Cianella. Le risorse sono parecchio limitate, ma aumentarle non cambierebbe la situazione.

LUGANO - Una coda di 50 telefonate al primo tentativo. Di 27 al secondo (qualche ora dopo) e di 30 al terzo (il giorno dopo). Chi in questi giorni sta tentando di contattare l’hotline cantonale non trova la linea sovraccarica. Di più. «Effettivamente negli ultimi giorni abbiamo assistito a un’esplosione del numero di chiamate», conferma Roberto Cianella, direttore della Federazione dei servizi autoambulanze (FCTSA) che gestisce lo 0800 144 144.

Dieci collaboratori possono bastare - Il servizio impiega contemporaneamente cinque persone (i collaboratori in tutto sono dieci): quattro operatori telefonici e uno per le richieste via mail e social media (Whatsapp e Messenger). Troppo pochi? Non secondo Cianella, per il quale è l'offerta a generare la domanda: «Le richieste che ci vengono fatte non hanno un’urgenza tale da avere un impatto sulla prognosi di vita, come invece è il caso per il 144. Purtroppo è un effetto domino: agli utenti che normalmente fanno capo all’hotline per ottenere informazioni di carattere generale sul Covid-19 o sulle relative ordinanze si aggiungono tutti quelli che non riescono a prendere la linea al numero verde per gli appuntamenti. Potremmo anche trovare altre persone, ma andrebbero formate (non è un lavoro adatto a tutti, visto che serve pure una certa empatia) e magari una volta pronte non ci sarebbe più bisogno di loro».

Più di 500 chiamate al giorno - Già, perché il servizio è soggetto a importanti fluttuazioni. «Quest’estate avevamo una cinquantina di telefonate al giorno. Adesso che è iniziata la somministrazione della terza dose agli over 65, poco avvezzi alle nuove tecnologie, le stesse telefonate le riceviamo in meno di un’ora», illustra il nostro interlocutore. Per l’esattezza, circa 550 chiamate al giorno durante i giorni feriali (dalle 9 alle 17) e 300 durante i fine settimana (negli stessi orari).

Una richiesta d'aiuto non si rifiuta mai - Non sono infatti pochi coloro che chiamano per l'appuntamento per la vaccinazione, nonostante il numero da comporre sia lo 0800 128 128. «La nostra attività sarebbe prevalentemente di consulenza - spiega Cianella, ma come facciamo a rifiutare la richiesta di aiuto di un 70enne che non riesce a prendere un appuntamento?» E così c’è un travaso da un numero verde a un altro. Entrambi vittime di una situazione che, invece di diventare più chiara, resta avvolta dalla nebbia. Visti i lunghi tempi d’attesa, molte persone potrebbero tuttavia scoraggiarsi e riagganciare, rinunciando a chiedere le informazioni di cui necessitano. «In questo caso invitiamo a contattarci via mail. Non a caso ne riceviamo almeno 100 al giorno, tante quanti i contatti via social.

Consulenze individuali e specializzate - L’ondata di chiamate è comunque dovuta a svariati motivi, come spiega lo stesso Cianella. Innanzitutto ci sono ancora i “postumi” della settimana di vaccinazione lanciata a livello nazionale, una campagna informativa che in Ticino è stata organizzata in modo diverso: nessun concerto, ma consulenze individuali e personalizzate da parte di un medico e che si protrarranno fino alla fine di questa settimana. «Per quanto ci riguarda hanno avuto un buon successo: abbiamo superato le 320 richieste (dato aggiornato a martedì)», illustra il direttore della FCTSA. 

Da Berna troppe informazioni (e confuse) - Ma ad aumentare in modo massiccio la mole di lavoro dei centralinisti è pure la confusione delle informazioni date a livello nazionale, secondo Cianella: «Sono sempre più incomprensibili, numerose e cambiano dopo pochi giorni, se non ore. Fatichiamo noi a starci dietro, figuriamoci la gente normale». Se ci aggiungiamo che la gente telefona anche per chiedere informazioni sui viaggi all’estero e sulla variante Omicron, ecco spiegato il perché dei lunghi tempi d’attesa. 

Zone a rischio e quarantena - Proprio a questo proposito, dopo la decisione dell’UFSP di inserire nella lista delle zone a rischio diversi Paesi europei frequentati dai ticinesi, negli ultimi giorni si sono moltiplicate le richieste di informazioni sulle conseguenze nella vita pratica. All'inizio della settimana si poteva ad esempio rientrare tranquillamente dal Portogallo, oggi si deve sottostare a una quarantena obbligatoria di 10 giorni ed effettuare un test PCR. Anche se vaccinati o guariti.

Incertezza booster - Infine, un altro tema ricorrente fra chi telefona è quello relativo alla terza dose: «Alcune persone hanno già superato i sei mesi dalla seconda dose, ma non hanno ancora diritto al booster, secondo le direttive dell’UFSP. Altre chiedono se vale la pena farla o se è meglio aspettare che arrivi un preparato che copra anche Omicron. Diciamo che siamo ripartiti con le incertezze», conclude Cianella.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 1 mese fa su tio
L'avete creata voi incertezza e malinformazione
laloca 1 mese fa su tio
E prendere le persone che servono dalla disoccupazione invece di mandarle a fare programmi occupazionali che non hanno nessun senso??
Yoebar 1 mese fa su tio
È una vergogna, in una situazione simile, non riuscire a parlare con qualcuno dopo 2 ore di attesa al telefono.
Coerenza 1 mese fa su tio
@Yoebar E una vergogna l informazione che crea insicurezza e paura.. Queste sono una parte tangibile delle conseguenze..
Bibo 1 mese fa su tio
@Coerenza Lascia il tuo numero di telefono che così possono chiamare te che sicuramente potrai informare tutti quanti vista la tua enorme conoscenza del tema...
Coerenza 1 mese fa su tio
@Bibo ah perché non c'è insicurezza e paura secondo te? certo che quando si legge senza leggere ma solo per leggere quello che si vuole leggere...
Bibo 1 mese fa su tio
@Coerenza Ma appunto, è un consiglio per permetterti di aiutare la gente e non sempre solo criticare tutto e tutti quello e quelli che devono decidere per tutti noi...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-28 01:35:48 | 91.208.130.86