Immobili
Veicoli
Bellissimo, ma cos'è?

GIUBIASCOBellissimo, ma cos'è?

25.07.21 - 10:40
Curioso avvistamento nei giorni scorsi sul piano di Magadino. Birdlife: «È una buona notizia»
screenshot lettore
Bellissimo, ma cos'è?
Curioso avvistamento nei giorni scorsi sul piano di Magadino. Birdlife: «È una buona notizia»

GIUBIASCO - Ha attirato l'attenzione dei curiosi, nei giorni scorsi, sul Piano di Magadino. Un uccello dall'aspetto tropicale, ma che in realtà non è nuovo alle nostre latitudini ed è scampato di recente all'estinzione. Diverse le segnalazioni di lettori che a tio.ch/20minuti hanno chiesto di quale specie si trattasse, e cosa ci facesse qui. 

In particolare, gli avvistamenti sono avvenuti tra giovedì e venerdì a Giubiasco. Abbiamo girato domande e foto all'associazione Birdlife Svizzera, che si occupa di promuovere la protezione degli uccelli e delle specie a rischio. 

La risposta: il simpatico pennuto dal becco adunco non è fuggito da uno zoo, ma rientra in un importante progetto di ripopolamento patrocinato dall'Unione Europea. Si tratta dell'Ibis eremita, una specie considerata a rischio estinzione. In Europa se ne contano un migliaio di esemplari in colonie semi-selvatiche o in cattività.

Tipico delle scogliere e delle zone rocciose del Mediterraneo, cosa ci fa nel Sopraceneri? «Il Ticino è tornato ad essere negli ultimi anni una tappa nella rotta migratoria di questi uccelli dall'Austria al Mediterraneo» spiega Chiara Scandolara di Birdlife Svizzera. «Un tempo erano molto rari, praticamente estinti come specie nidificante. Di recente abbiamo avuto più osservazioni, ma resta una specie poco comune». 

Nel 2016 aveva fatto parlare molto di sé un esemplare, soprannominato Hannibal: aveva preso casa al Lido di Locarno, e mostrava «molta confidenza» con gli uomini. Fin troppa. L'animale non è pericoloso, e comunque questa volta si tratta di un altro individuo, anzi due: Gipsy e Akuma, maschio e femmina. Entrambi sono dotati di segnalatore Gps, e tramite il sito Waldrapp.eu è possibile seguirne i movimenti. Non resta che augurare loro buona permanenza in Ticino, e buona continuazione. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO