I Verdi
Il grande acero saccarino su via Besso verrà salvato?
LUGANO
01.07.2021 - 08:220
Aggiornamento : 13:38

Alberi (sani) da salvare

I Verdi interrogano il Municipio sul destino che si prospetta per i diversi alberi presenti ai giardinetti di Besso.

Si tratta di una decina di piante sane, tra cui tre splendide magnolie, un ginkgo e due faggi penduli di una grandezza considerevole, che hanno impiegato decenni per raggiungere la loro grandezza

LUGANO - I giardinetti di Besso come li conoscevamo, presto, non esisteranno più. Il cantiere - iniziato questa primavera - cambierà infatti totalmente volto al comparto dietro alla stazione FFS di Lugano, dove è previsto un nuovo sottopassaggio e una nuova piazza. «La popolazione - precisa il gruppo dei Verdi in Consiglio comunale in un'interrogazione - inizia a rendersi conto che dovrà convivere con i disagi che i cantieri presso la stazione di Lugano provocheranno nei prossimi anni, in vista dell’apertura del tunnel del tram-treno».

Una decina di alberi sani - Disagi che provocheranno la sparizione degli amati giardinetti - per salvarli l'Associazione Besso Pulita! aveva raccolto ben 1'826 firme nel novembre del 2020 - e il probabile abbattimento, stando ai fotomontaggi dei progetti, di diverse piante. «Si tratta di una decina di alberi sani - elencano Nicola Schoenenberger, Marisa Mengotti, Melitta Jalkanen, Niccolò Castelli e Deborah Meili - tra cui tre splendide magnolie, un ginkgo e due faggi penduli di una grandezza considerevole, che hanno impiegato decenni per raggiungere la loro grandezza e offrire refrigerio agli utenti del parco».

Alternative all'abbattimento - Proprio per salvare questi alberi e per tutelare «un luogo d'incontro privilegiato per cittadini e turisti», i Verdi chiedono lumi al Municipio domandando se sia previsto (e quando) l’abbattimento degli alberi dell'area e se tra le vittime vi sia anche il grande acero saccarino su via Besso (vedi foto). In caso contrario, gli ecologisti chiedono se la pianta sia «sufficientemente protetta dal cantiere» per sopravvivere. Infine il Gruppo dei Verdi in Consiglio comunale domanda se la Città non abbia valutato un trapianto in un altro luogo (ad esempio il Tassino) per gli alberi presenti sul sedime. «Valutare una possibile alternativa all'abbattimento sarebbe un atto dovuto nei confronti dei cittadini», concludono gli ecologisti, precisando che «in internet si trovano varie ditte specializzate in trapianti di grandi alberi, come per esempio la ditta Opitz in Baviera della quale alleghiamo un’offerta per una perizia dettagliata».

I Verdi
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
occhiodiairolo 2 mesi fa su tio
Ho letto con interesse l'articolo... E per una volta vedo una proposta alternativa formulata in maniera misurata all'evento. Resto del parere che possiamo spendere la cifra del trapianto in maniera più sicura ( acquisto di nuovi alberi della stessa specie e conseguente posa in luoghi consoni): nessuna ditta assicura che la pianta non muoia durante la fase di trapianto...
Ro 2 mesi fa su tio
Alberi stipendi che piange il cuore vederli abbattere ma per la sicurezza lo si deve fare, visto anche gli eventi meteorologici estremi. Forse bisognerebbe prevenire e piantare dopo un certo numero di anni dei nuovi in modo d’aver sempre un sostituto non più giovane. Grosso modo mi sarò spiegato ?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 13:51:40 | 91.208.130.86