Lugano ha il suo nuovo punto di incontro, non solo per universitari
Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
+18
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
ONSERNONE
5 ore
Fiamme al Centro servizi di Berzona
Sono intervenuti i pompieri di Locarno che hanno spento il fuoco
LUGANO
8 ore
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
9 ore
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
11 ore
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
CANTONE
11 ore
Nella Valle del Sole baciati dal sole
Dopo un anno di pausa, si è svolta ieri la Giornata cantonale dei Sentieri.
CADENAZZO
11 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
VERZASCA
11 ore
Chiusa per una notte parte della cantonale Gordola-Sonogno
La strada in zona Lavertezzo chiesa sarà chiusa da giovedì 30 settembre alle 20 al primo ottobre alle 5.30.
MENDRISIO
13 ore
Maltempo in arrivo: domenica il treno del Generoso si ferma
Per questioni di sicurezza, i convogli non circoleranno e il Fiore di pietra resterà chiuso
FOTO
LOCARNO
15 ore
Pompieri in via Bustelli, incendio in una lavanderia
La strada è stata chiusa. Sul posto sono accorsi i pompieri, un'ambulanza e alcuni agenti di polizia
CANTONE
15 ore
Entrata in Svizzera: ecco il modulo per notificare il secondo test
Dallo scorso 20 settembre all'ingresso nel nostro paese per i non vaccinati vale la regola del doppio test
FOTO
CANTONE
16 ore
In trecento per “Ti ho raccolto”
La scorsa domenica l'evento ha avuto successo nonostante la pioggia
CANTONE
16 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
LUGANO
22.03.2021 - 13:300
Aggiornamento : 16:11

Lugano ha il suo nuovo punto di incontro, non solo per universitari

È stato inaugurato questa mattina il Campus Est Usi-Supsi, alla presenza (anche) di Guy Parmelin

LUGANO - Dopo oltre dieci anni di lavoro è stato presentato oggi il nuovo Campus Est Usi-Supsi di Lugano-Viganello. «Una delle opere edilizie più importanti del nostro cantone, che rappresenta il futuro», stando alle parole di Franco Gervasoni, direttore generale della Supsi. Un'inaugurazione nello spirito della «speranza e della positività in attesa della vita che porteranno gli studenti», ha detto Monica Duca Widmer, presidente del Consiglio dell’Usi.

Questa mattina era presente anche un ospite speciale: il presidente della Confederazione Guy Parmelin. «Sono orgoglioso di essere con voi oggi. Questo Campus è il risultato tangibile di una collaborazione che ha ben funzionato - ha dichiarato -. L'inaugurazione ha un significato particolare in questo momento particolare. Rendo omaggio alla forza e alla perseveranza proverbiale del Ticino. Il nostro paese ha bisogno di una tale energia». Il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) ha lodato il lavoro svolto e il futuro della formazione. «Rendiamo omaggio alle istituzioni formidabili. Il Ticino non è solo terra di artisti, ma di architetti, di innovazione e di formazione». 

Il Campus rafforzerà le sinergie tra USI e SUPSI. «Sarà un luogo di incontro, di istruzione, trasmissione del sapere e produzione di nuovo sapere a beneficio di tutti - ha aggiunto Duca Widmer -. È la sfida, vinta, di chi ha voluto che anche la Svizzera italiana diventasse protagonista dell'evoluzione culturale ed economica del paese».

L'idea iniziale, rivoluzionaria, la ebbe Mauro Dell'Ambrogio del 2004: mettere sotto lo stesso tetto Usi e Supsi. «Abbiamo impiegato 17 anni, ma ce l'abbiamo fatta», ha spiegato nel suo intervento Alberto Petruzzella, presidente del Consiglio della Supsi e del Comitato di pilotaggio del progetto campus. «Abbiamo ancora qualche problemino da risolvere prima di chiudere i due dossier - ha aggiunto -, ma la missione è quasi compiuta. Siamo riusciti a costruire quanto previsto con i soldi che ci sono stati dati».

Boas Erez, rettore dell’Usi, ha voluto sottolineare la relazione con il territorio. «Questo è un campus che ha una grandissima piazza al suo interno, ha quattro grandi porte. È un campus che si vuole aperto sulla città - ha spiegato -. È nostra speranza che la cittadinanza venga a trovarci». Il sindaco di Lugano, Marco Borradori, ha dato seguito all'invito: «Il 2 ottobre 2017 c'è stata la posa della prima pietra - ha ricordato -. C'era un vuoto e ora c'è un pieno, con tante aspettative e speranze. Il campus è un polo di eccellenza in cui Usi e Supsi sono riuscite a collaborare in modo proficuo ed efficace fatto di dialogo e ascolto. La città universitaria cresce e fiorisce nel centro di Lugano». Per il sindaco «il campus sarà centro di collegamento e il fiume diventerà il punto focale, quasi la cerniera della città. La corte è un nuovo spazio, un simbolo di Lugano». 

Anche Manuele Bertoli, direttore del DECS, era presente all'inaugurazione. «L'apertura di questo luogo è un segno importante che il Ticino ha deciso di lasciare sul suo territorio, uno spazio pubblico rilevante votato al futuro e alla formazione - ha detto dal canto suo -. Che sia polo di formazione, ricerca, sviluppo e trasferimento di sapere».

Il consigliere federale non ha risparmiato qualche parola anche sul momento particolare: «Sono cosciente che la situazione attuale è molto pesante per tutti voi. Purtroppo la situazione straordinaria che stiamo vivendo richiede misure altrettanto straordinarie e le autorità sono obbligate a prendere decisioni a volte difficili da accettare. Avete tutta la mia comprensione - ha aggiunto -. Se da un lato possiamo considerarci privilegiati perché disponiamo di tecnologie moderne e mezzi all'avanguardia, capisco che tutto ciò non può sostituire i contatti personali, le discussioni nelle aule di lezioni, i laboratori e lo scambio di opinioni. Tutte cose che fanno parte della vita di studenti e ricercatori. Questo nuovo campus vi aspetta, per permettervi di imparare, confrontarvi e crescere».

Parmelin ha infine firmato il "libro d'onore", prima di recarsi all'esterno per il consueto taglio del nastro.

Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
Guarda tutte le 22 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 02:38:01 | 91.208.130.85