Cerca e trova immobili
Aveva dato fuoco alla pensione La Santa: al via il processo

CANTONEAveva dato fuoco alla pensione La Santa: al via il processo

09.03.21 - 09:54
La responsabile dell’incendio doloso è accusata di tentato omicidio e incendio intenzionale
Rescue Media
Le fiamme alla pensione La Santa la mattina (attorno alle 6.30) del 28 dicembre 2019.
Le fiamme alla pensione La Santa la mattina (attorno alle 6.30) del 28 dicembre 2019.
Aveva dato fuoco alla pensione La Santa: al via il processo
La responsabile dell’incendio doloso è accusata di tentato omicidio e incendio intenzionale

LUGANO - Il 17 dicembre del 2019 in una stanza della pensione La Santa di Viganello era stato ritrovato il corpo di un 35enne del Bellinzonese: era stato vittima di un violento pestaggio. In seguito erano finite in manette due persone (una nel frattempo deceduta).

Pochi giorni dopo, il 28 dicembre, nella pensione è poi scoppiato un incendio. Un incendio doloso causato da una giovane che era entrata in un bagno della struttura per dare fuoco a degli asciugamani. Nello stabile c’erano sette persone.

La donna - che era stata arrestata poche ore dopo i fatti ed è difesa dall’avvocato Alessia Angelinetta - oggi compare davanti a una Corte delle assise criminali di Lugano presieduta dal giudice Mauro Ermani per rispondere di tentato omicidio e incendio intenzionale. In aula l’accusa è rappresentata dal procuratore pubblico Pablo Fäh.

Lei conosceva il 35enne ucciso nella pensione. Ma quel giorno - come emerso successivamente nell’ambito dell’inchiesta - non avrebbe agito per vendetta: la sua sarebbe stata una reazione dovuta alla brutalità della morte dell’uomo.

In aula si tratta di discutere una misura nei suoi confronti, in quanto l’imputata non è penalmente imputabile.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE