tipress
CANTONE
24.02.2021 - 17:560

Affitti abusivi: «Il Parlamento ha perso un'occasione»

L'ASI punta il dito contro il Granconsiglio, dopo la bocciatura dell'iniziativa popolare. E guarda alle urne

BELLINZONA - Bocciata dal Granconsiglio, la ricetta dell'Associazione inquilini contro gli affitti abusivi passerà dal voto popolare. In un comunicato odierno, l'Asi protesta per «l'occasione persa» lunedì dal Parlamento, che ha respinto a maggioranza la proposta di introdurre un formulario "anti-abuso" nei contratti d'affitto. 

L'iniziativa sostenuta da Ps, Verdi, Comunisti, Montagna Viva e Forum Alternativo sarà oggetto di una votazione popolare, per cui l'Asi - assieme anche al sindacato Ocst e all'Unione sindacale svizzera - ha depositato 7606 firme nel 2018. 

La richiesta: rendere obbligatoria, per ogni nuovo contratto d'affitto, la compilazione di un formulario in cui il padrone di casa indica l'importo della pigione pagata dall'inquilino precedente. Questo per «porre un freno agli aumenti di pigione praticati senza nessuna giustificazione legata a migliorie o lavori vari» e «contenere il costo delle pigioni degli appartamenti attraverso un atto di trasparenza».

Pur respingendo l'iniziativa - ricorda l'Asi nella nota - il Parlamento ha approvato un testo conforme che «benché non rispecchi appieno i nostri desideri», rappresenta «comunque un primo passo verso l'introduzione del formulario ufficiale» sottolinea l'associazione. Su questo testo dovranno esprimersi i cittadini alle urne. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-27 04:49:14 | 91.208.130.86