La "bella vita" dei magnaccia in Ticino
foto Tik Tok
ULTIME NOTIZIE Ticino
STABIO
33 min
Andiamo a pulire i boschi di Stabio
Il Comune propone un pomeriggio dedicato alla lotta contro il littering
MENDRISIO
45 min
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
BELLINZONA
53 min
«Non toccate le settimane bianche»
A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Boom dei camping TCS, anche in Ticino
Nonostante il tempo poco favorevole e il Coronavirus l'affluenza è aumentata del 30% rispetto al 2020.
CANTONE
3 ore
Coronavirus in Ticino: 18 positivi e ricoverati stabili
Nelle strutture ospedaliere rimangono 7 le persone affette dalla malattia.
BREGGIA
3 ore
A Breggia si posa l'asfalto
Lavori previsti dal 25 ottobre al 19 novembre a Morbio Superiore
BELLINZONA
4 ore
Li richiami e il loro numero "non esiste"
Telefonate che arrivano da normalissimi 079, 078 o 076. Boom di recapiti "fantasma". Cosa c'è dietro?
CONFINE
6 ore
Intercettati oltre 256mila euro non dichiarati
È il bilancio delle ultime settimane stilato dalla Guardia di Finanza che opera a Ponte Chiasso.
CANTONE / GINEVRA
7 ore
Vegana in ospedale: «Mi hanno portato dal salmone alla polenta col formaggio»
Un'esperienza da dimenticare quella di P., ricoverata per quattro giorni a Ginevra.
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Merlot ticinesi sugli scudi al Grand Prix du Vin Suisse
Nella categoria legata a questo vitigno si sono imposti il Quattromani 2018 davanti alla Tenuta San Rocco - Porza 2018.
CANTONE
01.12.2020 - 08:000
Aggiornamento : 10:30

La "bella vita" dei magnaccia in Ticino

Auto di lusso, shopping sfrenato. Sui social i protettori delle prostitute si esibiscono. E intanto scattano le manette

Due 38enni accusati di sfruttamento della prostituzione nel Bellinzonese. Ma il fenomeno resta ampio e visibile. Lo dicono le testimonianze e le segnalazioni in polizia

LUGANO - Porsche, Lamborghini, vestiti griffati, shopping nelle boutique di via Nassa. E le prostitute pagano il conto. Anche in Ticino i protettori si arricchiscono sfruttando le ragazze nei postriboli o negli appartamenti a luci rosse, e non fanno niente per nasconderlo.

Le foto di auto lussuose e pose "da nababbi" parlano da sole, postate sui social dai diretti interessati o inviate in redazione dai lettori indignati. Ma qualche volta finiscono male. È il caso ad esempio di due 38enni rumeni, entrambi residenti nel Bellinzonese, arrestati per ordine del Ministero Pubblico nei giorni scorsi.

Attraverso «un sistema di controllo e sfruttamento» avrebbero gestito un giro di prostituzione. I due prendevano una quota su ogni prestazione, e in più si facevano pagare affitti esorbitanti dalle ragazze. L'inchiesta è coordinata dal procuratore Nicola Respini, le misure sono state convalidate dal giudice dei provvedimenti coercitivi. 

Ma i "magnaccia" in circolazione sono tanti, e il fenomeno non è certo nato ieri. In passato abbiamo raccontato il problema attraverso la testimonianza di chi in quel mondo ci lavora, nei postriboli o in associazioni come l'antenna MayDay, che fornisce sostegno e consulenza alle prostitute. Anche in Gran Consiglio la questione "protettori" è stata sollevata nelle discussioni sulla nuova legge sulla prostituzione.

Tutti concordano su un punto: «Le ragazze hanno paura di denunciare». In compenso gli stessi sfruttatori - o presunti tali, fino a sentenza - non sembrano preoccuparsi di nascondere la propria attività. Le segnalazioni inviate a tio.ch/20minuti dai lettori si sprecano. Mostrano auto di grossa cilindrata - Mercedes, Bmw, anche una Bentley e una Lamborghini - regolarmente con vetri oscurati, avvistate nei dintorni della zona a luci rosse di Grancia-Pazzallo. 

In un caso un testimone racconta di avere visto scendere da una di queste auto - una Bentley con targa rumena - due ragazze straniere, accompagnate dall'autista all'interno dell'ufficio postale di Grancia. «Le ho viste entrare e depositare denaro, il tutto sotto gli occhi di questo minaccioso accompagnatore» racconta il lettore. «E non è la prima volta. Vengono continuamente dai postriboli qui attorno». 

Anche sui social i protettori non si nascondono. Su Tik Tok circolano video di auto sempre diverse, sempre con targhe rumene, con sullo sfondo scorci di Lugano e del distretto di Grancia-Pazzallo. In un filmato un 30enne rumeno entra con una ragazza discinta in un negozio di via Nassa, appoggia sul bancone 700 franchi in banconote, davanti a un commesso sorridente. Un altro mostra una Mercedes che sfreccia a 230 km all'ora su un'autostrada del Nord-Italia. 

Lo stesso personaggio è stato segnalato alla Polizia comunale di Lugano e alla Teseu: per alcune settimane avrebbe sfruttato una prostituta all'interno di un appartamento di vacanze in via La Roggia a Cassarate. Secondo i vicini di casa «andava e veniva continuamente» in mezzo al via vai dei clienti. «Abbiamo anche il sospetto che picchiasse la ragazza - raccontano - la sentivamo spesso lamentarsi».

Situazioni alla luce del sole, per cui - nel caso dei due 38enni arrestati - la Procura ha ipotizzato persino il reato di tratta di esseri umani. I due arrestati negano ogni addebito. Ma qualche vittima evidentemente ha iniziato a denunciare. Chissà che, con la nuova legge sulla prostituzione, anche i video su Tik Tok diventeranno meno spavaldi. 

foto Tik Tok
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 13:23:04 | 91.208.130.86