ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
27 min
Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto
LUGANO
2 ore
In manette un ex direttore di banca
CONFINE
2 ore
Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo
CANTONE
2 ore
Veicolo contromano sull'A2
CANTONE
3 ore
Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»
CANTONE
4 ore
Rivista Corner, un nuovo angolo di sport in Ticino
CANTONE
4 ore
A2-A13: Claudio Zali incontra l'USTRA
CANTONE
5 ore
Si voterà sulla legittima difesa
CANTONE
5 ore
Un giudice in più per il Tribunale penale cantonale
LUGANO
5 ore
«Già 3'000 firme per l'aeroporto»
LUGANO
5 ore
Barzaghi con i molinari: «Ha cantato anche lei “Borradori a testa in giù”?»
CENTOVALLI
6 ore
Una mattina di pausa per la Funivia Intragna-Pila Costa
LUGANO
6 ore
Presunto abuso edilizio a Caprino, scatta l'interrogazione al Governo
CANTONE
6 ore
Elicotteri militari, prosciolto l'imprenditore di Cresciano
ASTANO
6 ore
Moltiplicatore al 130% per evitare il tracollo finanziario
PAZZALLO
23.11.2017 - 08:000
Aggiornamento : 10:24

«I papponi? Arrivano qui tutte le notti»

Luci rosse: la legge dichiara guerra ai protettori. Ma le prostitute non denunciano. Il racconto di chi lavora nel settore

LUGANO - L'Audi nera con i vetri oscurati è lì, in bella vista: aspetta davanti a uno dei postriboli di Pazzallo. Chiediamo di chi è: lo staff del locale non si sbottona. Ci scaccia in malo modo, strattonando. «Papponi? Qui non ce ne sono». Ma le segnalazioni arrivate alla Teseu, la sezione della Polizia cantonale che si occupa di prostituzione, dicono diversamente.

L'incasso della serata - Le auto nere con i vetri oscurati, le targhe dell'Est Europa, sono una costante nel "distretto del sesso" alla periferia di Lugano. «Le ragazze si avvicinano e consegnano al conducente parte dell'incasso della serata» ammette un addetto alla sorveglianza. Porsche, Audi, Bmw. Il rito si ripete ogni sera: i "papponi" si aggirano per i posteggi, ritirano i soldi dalle ragazze e ripartono.

«Mani legate» - I protettori delle prostitute sono un problema per la Polizia cantonale ma anche per il Gran Consiglio: ieri la sottocommissione coordinata dal Plr Giorgio Galusero ha proposto una modifica ad hoc alla legge sul settore, per contrastare il fenomeno. «La polizia al momento ha le mani legate: le prostitute hanno paura di denunciare» spiega Galusero. «Il fenomeno però è sotto gli occhi di tutti».

Via vai fino a notte fonda - I macchinoni scuri «arrivano puntuali attorno all'orario di chiusura, ogni notte» osserva chi frequenta i locali di Pazzallo. I postriboli vietano loro l'ingresso «perché spaventerebbero i clienti» spiega a tio.ch/20minuti un dipendente, ma il business continua dietro l'angolo e nessuno lo nega. Le prostitute vengono minacciate di violenze e ritorsioni, magari sulle famiglie nei paesi d'origine: anche le associazioni no profit che lavorano nel campo ne sono al corrente.

L'associazione - «Le ragazze li chiamano "fidanzati" o "mariti", in realtà sono i loro aguzzini. Di rado ne parlano, ma a volte capita» spiega Monica Marcionetti dell'antenna MayDay, che in Ticino offre assistenza sanitaria e burocratica alle professioniste del sesso. «Difficilmente le vittime riferiscono direttamente dei propri casi personali».

Protezioni a chi denuncia - Per contrastare l'omertà, la proposta di legge approvata ieri in Gran Consiglio introduce un permesso di soggiorno «temporaneo» per le prostitute che denunceranno i protettori. Il Cantone dovrebbe fornire anche un appartamento protetto e un sostengo finanziario, per la durata delle indagini e del processo.

«Le cose non cambieranno» - Non è detto, però, che tenutari di bordelli e affittacamere siano disposti a collaborare. Secondo uno di loro, intervistato sotto anonimato, «devono essere le vittime a denunciare». Ma al riguardo si dice poco fiducioso. «Non potrebbero più tornare nel paese d'origine. A noi raccontano di botte e violenze indicibili. Una protezione temporanea da parte del Cantone? Non basterà a cambiare le cose».

Commenti
 
Fani Riccardo 1 anno fa su fb
mi hanno detto che i papponi abitano a campione d'italia,stanno li fanno la bella vita alla faccia di chi paga le tasse,e anche le ragazze pagano solo 500 CHF al mese di avs e tutto il resto lo danno ai papponi,e si parla minimo di 15.000CHF al mese!esentasse!ma la svizzera permette tutto questo?
Selma Caselli Verga 1 anno fa su fb
Qui a Chiasso non capita mai.
Serena Robba 1 anno fa su fb
Carlito Brigante 1 anno fa su fb
Scoperta l acqua calda ??
Alberto Bianchi 1 anno fa su fb
come è possibile, per un paese "evoluto" (??), favorire e sfruttare "legalmente" la prostituzione ... non mi riferisco ai papponi, sono solo una conseguenza ...
Laura LR 1 anno fa su fb
Non capisco, forse mi sfugge qualcosa perché dici che il paese sfrutta la prostituzione? In Svizzera la prostituzione è legalizzata pagano solo le tasse come chiunque altro lavoratore. Queste donne hanno gli stessi dirittti di chiunque vive e lavora in Svizzera... in Italia il mio paese la prostituzione non è legale, niente tasse ma nemmeno diritti, è dunque più facile essere oggetto di abusi e sfruttamento cosa che appunto succede, per non parlare dei rischi.
F/A-18 1 anno fa su tio
Penso che non ci sono solo pappino rumeni, ci sono anche ticinesi doc.....
Grace Rota 1 anno fa su fb
Ho appena letto che a Quartino apre un’altro postribolo devo dire che il traffico di esseri umani è fatto con l’accordo dello Stato che vuole mangiare su queste povere ragazze, parlano di protettori che incassano ma il primo colpevole chi è ??? Quello che accetta tutto per l’unico scoppio sfruttare pure lui ? le povere ragazze ?
Corina Nicolae 1 anno fa su fb
Povere ragazze? Povere di spirito.
Cipriano Roberto 1 anno fa su fb
Miris Gregori 1 anno fa su fb
Scommetto che i clienti sono tutti politici,avvocati e polizziotti
Julie Dubois 1 anno fa su fb
Soprattutto quelli con due "z"... ?
Miris Gregori 1 anno fa su fb
Hai ragione ma non scarterei i primi però?
Laura LR 1 anno fa su fb
E il problema qual’è chi sia il cliente? Fino a quando pagano..
Larry Montana 1 anno fa su fb
Emanuele Vides mio padre
Alex Binsacca 1 anno fa su fb
Le donne che paghi sono quelle che costano meno
Marco Catania 1 anno fa su fb
Che vuol dire?
Mario Cocorullo 1 anno fa su fb
Marco Catania che vuol dire che vuol dire?
Marco Catania 1 anno fa su fb
Che vuol dire che vuol dire che vuol dire?
Mario Cocorullo 1 anno fa su fb
Quello che dico pureio
Tommaso Berletti 1 anno fa su fb
Sarebbe ora cominciare a cambiare la legge acciocché questi “signori” siano perseguiti d’ufficio visto che comprensibilmente le vittime sono restie a denunciare. Ma per fottere il mercato nessuno dovrebbe più frequentare questi posti visto che lo sfruttamento di queste povere ragazze è palese.
Enrico Campana 1 anno fa su fb
Ho letto l'articolo sul 20 minuti e mi fa un po' ridere. Le autorità non possono fare niente anche se la cosa è chiara anche ai paracarri. Però la polizia può fermare un cittadino e rompergli gli zebedei solo con una segnalazione , che potrebbe essere fatta solo per cattiveria! Dove andremo a finire?
Bruno Peixoto 1 anno fa su fb
Claudio Peixoto
Piera Mazzei 1 anno fa su fb
Mi sa che è L unico lavoro sicuro,e nn ti viene fatto mobbing...ah ah ah
Fortuna Michele 1 anno fa su fb
I magnacci
Junior Davies J Mills 1 anno fa su fb
Devid Capoferri la devi smettere di farle lavorare lì ?
Devid Capoferri 1 anno fa su fb
Hahaha
Fortuna Michele 1 anno fa su fb
L avevo detto anche qua ci saranno gli aguzxini di prostitute
Prisca Sveva Gandola 1 anno fa su fb
Stefania Capellari
Stefania Capellari 1 anno fa su fb
??
Edy Schiapacassa 1 anno fa su fb
Ma ormai siamo immersi da personaggi che delinquono ogni giorno. Ha ragione L`on. Quadri Lorenzo, questo paese èl`isola del tesoro, ma solo per gli stranieri che vengono qui e fanno tutti i loro porci comodi. CHE SCHIFO. La bella Svizzera dove a veduta degli altri tutto è pulito e tutto funziona!!!!!! Imparare dall`Australia che non passi la dogana se solo hai della frutta o del cibo che loro ritengono nocivo per il loro paese e ci sono dei controlli a tappeto per quelli che vogliono entrare nel loro paese e fanno bene!! IMPARARE , non sempre dire non si può fare niente, è un caso isolato ecc. CAMBIARE LE LEGGI NOO!!!!!!!! già ma anche qui la burocrazia non è che sia più veloce dell`Italia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ale Lazzari 1 anno fa su fb
Attenzione all'inganno! Quadri ha sempre appoggiato queste pratiche, assieme agli ambienti liberali. E non parliamo della promozione di donnine dal suo giornale domenicale... http://gas.social/2017/11/quadri-primo-no-scherzavamo/
Edy Schiapacassa 1 anno fa su fb
Ale Lazzari, che tipo d`inganno ? Illuminami grazie!
Reddy Red 1 anno fa su fb
Beh... dato che i frontalieri sono ovunque mi sa che questo potrebbe essere il futuro dei svizzeri disoccupati.... i papponi hahahahahahahahJah
Julie Dubois 1 anno fa su fb
Paranoie e ossessioni si possono curare eh... riusciresti a parlare di frontalieri anche sotto ad un articolo che parla delle varie tecniche di coltivazione degli ortaggi...
Bruna Bralla 1 anno fa su fb
Se non riescono a monitorarle adesso cosa succederà quando apriranno i nuovi bordelli ? Fate ridere i polli !
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 23:05:33 | 91.208.130.89