Immobili
Veicoli

CANTONELa "rivoluzione" AutoPostale: 6 nuove linee e potenziamento delle corse

30.11.20 - 09:34
L'azienda ha acquistato 50 nuovi veicoli. Nuove assunzioni: 150 conducenti in più. Bus anche nelle zone finora scoperte
AutoPostale
La "rivoluzione" AutoPostale: 6 nuove linee e potenziamento delle corse
L'azienda ha acquistato 50 nuovi veicoli. Nuove assunzioni: 150 conducenti in più. Bus anche nelle zone finora scoperte

"Il più grande ampliamento effettuato dall’azienda in Ticino negli ultimi decenni". Si presenta così AutoPostale annunciando le importanti novità che prederanno il via a metà dicembre con il cambio di orario. Un cambiamento che è stato preparato già negli scorsi mesi quando l'azienda ha acquistato 50 nuovi veicoli e assumendo nuovi conducenti: in futuro saranno 150 guidatori in più che scarrozzeranno gli utenti per tutto il Ticino. "La priorità per i nuovi assunti - viene precisato in un comunicato stampa - è stata data ai domiciliati nel Cantone Ticino e 80 di loro, attraverso una collaborazione con gli Uffici Regionali di Collocamento, hanno potuto riqualificarsi e uscire dalla disoccupazione".

Le novità - Ma veniamo alle novità. Innanzitutto verranno intensificate le corse in orario e verranno adeguate le linee per includere zone finora scoperte.  In futuro, tra le 6.00 e le
20.00 i veicoli transiteranno sulle linee principali di AutoPostale con cadenza semioraria, con autopostali che circoleranno fino a mezzanotte. Per le altre linee è previsto un potenziamento a seconda delle necessità. Da ogni località servita da una linea di AutoPostale sarà possibile raggiungere ogni mattino il principale centro più vicino entro le ore 6.00 e gli altri agglomerati del Cantone entro le ore 7.00. Alla sera tutti i collegamenti di AutoPostale verso le zone più periferiche saranno attivi almeno fino alle ore 20.00; per molte linee persino fino a mezzanotte.

Sei nuove linee - La novità più importante è sicuramente l'attivazione di sei nuove linee in zone finora non accessibili con i trasporti pubblici. Tra queste rientrano ad esempio il centro del paese di Cadenazzo, Camorino/Vigana, Sant’Antonino/ Paiardi, il Monte Ceneri e la zona industriale di Muzzano. Inoltre, i passeggeri avranno a disposizione nuove linee che permetteranno loro di arrivare a destinazione più rapidamente grazie a collegamenti più diretti: ad esempio dalla Valle del Vedeggio alla Capriasca o dal Malcantone a Cornaredo attraverso la galleria Vedeggio-Cassarate. Si assiste, infine, alla fusione di alcune linee per ottenere collegamenti più diretti (ad es. tra Medio Malcantone, Malcantone Ovest e Ponte Tresa).

Le nuove linee
Linea 208 - Castione FFS–Claro Scubiago: gli autopostali saranno in servizio su questa linea undici volte al giorno nei giorni feriali e sei volte nel fine settimana. Questa linea ha come funzione principale quella di servire il quartiere di Claro.

Linea 213 - Giubiasco–Vigana Paiardi–S. Antonino: grazie a questa linea in futuro le regioni di Vigana e Paiardi saranno collegate con le stazioni ferroviarie di S. Antonino e Giubiasco. Finora queste aree erano escluse dal trasporto pubblico.

Linea 420 - Bioggio Molinazzo–Manno Suglio–Lugano Cornaredo: questa linea collega la zona industriale di Manno-Bioggio con Lugano Cornaredo attraverso la galleria Vedeggio-Cassarate.

Linea 421 - Bioggio–Gaggio–Cimo–Vernate–Agno: la nuova linea collega le aree di Gaggio e Cimo sia con la fermata FLP di Bioggio Molinazzo sia con la fermata di Agno.

Linea 435 - Lugano–Sorengo–Cappella-Agnuzzo: la linea 435 collega il centro di Lugano alla fermata FLP di Cappella-Agnuzzo creando, insieme alla linea 433, un percorso circolare.

Linea 455 - Rivera–Bironico FFS–Monte Ceneri: grazie alla nuova linea 455, il Monte Ceneri sarà raggiungibile con i mezzi pubblici.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO