Il Natale è a rischio? «Faremo di tutto per salvarlo»
tipress
Il mercatino in piazza Riforma, l'anno scorso.
ULTIME NOTIZIE Ticino
RIAZZINO
57 min
Il Vanilla chiude dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
FOTO
CAMPIONE D'ITALIA
4 ore
Il Casinò di Campione riaccende le luci
La facciata dell'edificio è tornata a illuminarsi dopo oltre tre anni dal suo spegnimento.
LUGANO
5 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
6 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
6 ore
Ventiquattro finestrelle sullo sviluppo sostenibile
Torna il Calendario dell'Avvento sostenibile 2021
Porza
6 ore
Pranzo gratuito di Natale organizzato dagli Amici del Grott
Durante il 2021 il gruppo è riuscito a raccogliere 15'000 franchi che verranno devoluti in beneficenza
CANTONE
7 ore
Al casinò di Mendrisio si giocherà anche a poker
La novità, disponibile a partire dal nuovo anno, è stata presentata questa mattina.
CANTONE
8 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
CANTONE
8 ore
Michela Trisconi nuova Delegata cantonale all’integrazione degli stranieri
È stata nominata dal Consiglio di Stato, succede ad Attilio Cometta
LOCARNO
8 ore
Legnanesi e Brachetti, ci vuole la mascherina
La richiesta degli organizzatori degli spettacoli di questo fine settimana al Palexpo Fevi
LUGANO
9 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
11 ore
Un altro sciopero italiano potrebbe bloccare i Tilo al confine
La limitazione ferroviaria oltre confine è prevista per venerdì 3 dicembre
LUGANO
11 ore
Ecco le vincitrici del Premio Lions Club Ceresio
Consegnato il riconoscimento per i migliori Lavori di diploma del Dipartimento formazione e apprendimento della SUPSI.
CANTONE
12 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
LUGANO
19.10.2020 - 06:030
Aggiornamento : 11:04

Il Natale è a rischio? «Faremo di tutto per salvarlo»

Si avvicina il primo Natale di pandemia. E potrebbe essere molto triste. La Città di Lugano e Ticino Turismo reagiscono

LUGANO - Il primo Natale col Covid sembra, da lontano, un Natale di guerra. Niente abbracci, niente cene, lo shopping a rischio. Come saranno le Feste al tempo del coronavirus? Genitori, commercianti e istituzioni non possono permettersi di aspettare dicembre per pensarci. 

Secondo il direttore di Ticino Turismo Angelo Trotta sarà un Natale «degli svizzeri in Svizzera», come l'estate. «È presto per fare delle previsioni, tutto dipenderà dall'andamento epidemico». La stagione estiva tuttavia «è andata molto meglio del previsto» con «una crescita degli arrivi svizzeri del 50 per cento, in particolare nel mese di luglio».

Non tutto è perduto quindi: tanto che l'agenzia turistica ha già preparato delle campagne di promozione. «Siamo pronti a lanciarle, ma prima di attivarle occorre capire quale sarà l'atteggiamento delle autorità federali e cantonali» spiega Trotta. «Speriamo che la situazione si stabilizzi». 

I commercianti - che nel Natale credono, per rifarsi dei mesi perduti - si giocano il tutto per tutto. Il Municipio di Lugano ha elaborato in anticipo un "piano di battaglia" assieme alle associazioni di categoria. «Vogliamo salvare a tutti i costi il Natale» assicura il titolare del Dicastero cultura, sport ed eventi Roberto Badaracco. L'idea è di «ricalcare il format degli eventi estivi» e del contenitore Longlake «attraverso un'animazione diffusa nel centro cittadino con diversi luoghi, palchi e target».  

La Città guarda a dicembre con positività (non quella del tampone, si spera). La ricetta è: eventi diffusi e ben distanziati. «Abbiamo elaborato diverse ipotesi nei giorni scorsi, condividendole con le associazioni di categoria, in modo di essere pronti a cogliere le possibili opportunità nel caso si potesse agire in sicurezza. Stiamo lavorando con gli esercenti per promuovere le loro offerte gastronomiche e creare comunque indotto economico e movimento».

E si sa, non c'è Natale senza i mercatini. La buona notizia è che - per ora - le bancarelle si faranno, almeno a Lugano, ma saranno un po' diverse. Nel centro città verranno posizionati - a debita distanza - 51 chalet natalizi «con delle pedane antistanti in modo da evitare assembramenti». Ci sarà un turno unico, dal 5 al 24 dicembre. Dal LAC al Parco Ciani saranno collocate installazioni e decorazioni luminose. 

Le note dolenti riguardano la Città del Natale, che salta, assieme ai baretti che «creerebbero assembramenti incontrollabili» avverte Badaracco. «Ci dispiace molto, ma non potevamo fare altrimenti. A malincuore dobbiamo rinunciare anche alla festa di Capodanno e altre manifestazioni e concerti». Insomma sarà un Natale «sicuramente in tono minore e più contenuto per rapporto alle scorse edizioni - conclude il municipale - ma comunque un momento di festa importante». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Quello che cita l’articolo é solo business e se ne può fare anche a meno. Il vero Natale é tutt’altra cosa é quest’anno sarà un po’ più vero.
seo56 1 anno fa su tio
L’ultimo pensiero delle persone responsabili sono le festività natalizie fatte di bagordi, assembramenti e corsa alle spese folli. Che sia un vero Natale, sobrio e in famiglia con i propri cari. Un ritorno al vero significato di questa festività
Heinz 1 anno fa su tio
Il titolo giusto è : il covid rischia di salvare il natale e far riscoprire perchè lo celebriamo.
SSG 1 anno fa su tio
Magari è anche l'occasione di riassaporare il vero valore del Natale traviato ormai dal consumismo... giusto per la cronaca hanno già (purtroppo!) iniziato ad addobbare i negozi ancor prima dei giorni dedicati ai defunti.
Pongo 1 anno fa su tio
è a rischio il dio danaro mica il gesù bambino
sedelin 1 anno fa su tio
buon natale in maschera
Swissabroad 1 anno fa su tio
@sedelin Continua pure a ironizzare che fra poco tutti gli ospedali saranno di nuovo pieni. Spera di non doverne fruire...
jakob 1 anno fa su tio
„Il Natale“ di cui si parla si riferisce al business attorno alla festa religiosa. Il Natale non è in pericolo.
Diablo 1 anno fa su tio
@jakob giusto.
sedelin 1 anno fa su tio
buon natale in maschera!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 22:52:45 | 91.208.130.86