Tipress
Norman Gobbi
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
2 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
2 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
3 ore
Posteggi occupati per un uso più sostenibile
Il Park(ing) Day è stato organizzato dall'ATA e dai giovani dello sciopero per il clima
LUGANO
13 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
MAGADINO
16 ore
Cinque nuovi allievi piloti
A Magadino si sono svolte le selezioni finali. Tra 14 finalisti è stato scelto anche un ticinese
FOTO
LUGANO
18 ore
Incidente in via Brentani a Lugano
Scontro tra due auto. Una è finita contro un palo della luce
CANTONE
19 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
BELLINZONA
19 ore
Un altro passo verso il nuovo ospedale
In pubblicazione a Bellinzona la variante di PR “Infocentro-Saleggi”
Attualità
21 ore
Come ci ha cambiati la pandemia?
Una campagna fotografica racconta i ticinesi al tempo del Covid. La mostra al Centro di dialettologia
CANTONE
23 ore
Una giornata tutta dedicata al Pedibus
Si è svolta oggi, anche in Ticino. A Torricella-Taverne i bambini hanno avuto degli ospiti d'eccezione
LUGANO
1 gior
Voglia di pulire, raccolti 200 chili di rifiuti
Quarantacinque volontari in lotta contro il littering
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Duecentosei firme contro la canapa «che puzza»
La petizione è stata consegnata oggi al Municipio di Cugnasco-Gerra
LUGANO
1 gior
Lugano si prepara a celebrare l'autunno
Avrà luogo dal 1. al 3 ottobre prossimi la Festa d'autunno. Nei grottini solo col certificato Covid
CANTONE
1 gior
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
CANTONE
1 gior
Palazzo delle Orsoline e la foca si tingono di arancione
L'iniziativa avrà luogo questa sera per sottolineare la settimana d'azione “Sicurezza dei pazienti 2021”
CANTONE
07.10.2020 - 07:000
Aggiornamento : 09:01

Gobbi: «Sono preoccupato. Occorre fare piena chiarezza»

Il presidente del Governo fa il punto sulle polemiche che stanno investendo il Palazzo di Giustizia

E sui messaggini WhatsApp tra gli alti magistrati dice: «Posso solo esprimere preoccupazione per la credibilità nelle istituzioni che ne deriva a fronte di questi fatti».

BELLINZONA - «Sono preoccupato». Lo ripete più volte nel corso dell'intervista Norman Gobbi. Quanto sta accadendo a Palazzo di Giustizia non lascia indifferente il Consiglio di Stato e in particolare il presidente del Governo che è anche direttore delle Istituzioni.

«Il risultato finale non mi ha sorpreso» ha dichiarato il Procuratore generale Andrea Pagani. Il preavviso negativo del Consiglio della Magistratura (CdM) per cinque dei venti procuratori ha sorpreso invece il presidente del Governo?
«Più che sorpreso direi preoccupato - risponde Norman Gobbi -. E tale preoccupazione è condivisa dal Governo cantonale, a fronte di tutti gli accadimenti occorsi dopo la notizia dei preavvisi del CdM».

Sospettiamo che il cittadino Gobbi abbia un pensiero più sanguigno sull’accaduto…
«Il mio pensiero è unico: preoccupazione per la credibilità delle istituzioni e per la fiducia nella giustizia penale cantonale da parte della cittadinanza e di tutti gli attori del sistema giudiziario. Oltre che una necessità di fare piena chiarezza in maniera celere, pensando ai procuratori toccati e a tutte le collaboratrici e collaboratori del Ministero pubblico in particolare». 

In questo momento si evidenziano tensioni a più livelli: evidentemente tra i preavvisati “male” e il Consiglio della Magistratura, come pure tra quest’ultimo e la Commissione Giustizia e Diritti e poi ancora tra il PG e il presidente del Tribunale penale… Come se ne esce?
«Esercitando il proprio ruolo con coscienza e astenendosi da tutto ciò che potrebbe intaccare la credibilità dell’istituzione che si rappresenta».

Secondo il PG Andrea Pagani «l’attuale situazione, in parte, è dipesa dal considerevole carico di lavoro che non tutti sempre sono in grado di reggere». La politica dovrebbe aiutare la Giustizia potenziando la Procura?
«La politica sostiene e sosterrà sempre la magistratura, ma laddove giustificato, e non solo con risorse umane, ma anche misure organizzative, legislative, logistiche e informatiche.

Sempre Pagani ha lamentato anche la mancanza di “maggiori strumenti” per migliorare la vigilanza. Anche qui si allude ad un potenziamento necessario?
«Maggiori strumenti per migliorare la vigilanza devono essere qui intesi a mio avviso con delle misure legislative sulle quali stiamo riflettendo in questo momento per rapporto a tutte le Autorità giudiziarie e non solo al Ministero pubblico».

I procuratori annaspano in una marea di casi: non c’è anche una responsabilità politica? Spesso le è stata mossa l’accusa di promuovere uno Stato di polizia...
«Il Consiglio di Stato ha supportato il Procuratore generale nelle richieste formulate a suo tempo, potenziando con segretari giudiziari l’ufficio del PG, proponendo inoltre un anno fa - sempre d’intesa con il PG - un potenziamento del Ministero pubblico oltre che ad una misura volta a rendere più efficace l’operato dell’Autorità. L’autorità politica supporta come detto le Autorità giudiziarie ma laddove giustificato». 

Non si può non toccare il tema dei “WhatsApp” intercorsi tra il giudice Ermani e il PG Pagani. Secondo alcuni lo scandalo s’annida lì e i preavvisi sono solo la conseguenza di una contiguità inopportuna. Quei messaggini possono essere archiviati come semplici comunicazioni “istituzionali”?
«Posso solo esprimere preoccupazione per la credibilità delle istituzioni che ne deriva a fronte di questi fatti».

Lei che rapporto ha con “WhatsApp”?
«Ne faccio uso come tutti».

Potere inquirente, potere giudicante e potere vigilante sotto lo stesso tetto. Più che raccomandare un uso più istituzionale dei canali comunicativi, non sarebbe il caso finalmente di separare fisicamente questi poteri, ma forse anche alzare un muro tra le carriere?
«Dobbiamo tenere conto dell’estensione ridotta nel nostro Cantone e della conseguente concentrazione dei professionisti attivi in ambito giuridico che non permette, a mio avviso, una separazione delle carriere. L’indipendenza della Magistratura è un concetto che deve essere proprio ai magistrati».

Alla fine sarà il Parlamento, ma prima ancora i partiti, a dover rimettere assieme i cocci del vaso. Questo la preoccupa?
«Confido nelle istituzioni e in una celere, quanto riservata, trattazione della procedura di rinnovo e di nomina dei nuovi procuratori pubblici». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 11 mesi fa su tio
Con un reclamo su un decreto di un PP, impugnato alla CRP è stato segnalato in “un assit a una parte (uno con carica istituzionale”, peraltro subito da questi utilizzato sui media che quando “vogliono”, si prestano a dare spazio privilegiato ai politicanti. La segnalazione pervenuta a CRP sarebbe dovuto essere trasmessa d’ufficio alla Commissione di vigilanza sulla Magistratura. Sarà avvenuto? Il procedimento connesso è sempre in corso, sospeso da oltre un anno. Chi sospetta che la proposta di nomina della politica alla quale è uso versare annualmente l’ “obolo” lasci influenze sugli umani, che per nulla sono “superman”….
Diablo 11 mesi fa su tio
certo che sentire parlare di credibilitá nelle Istituzioni, detto da colui che nel 2015 doveva essere punito (diffida) con gli stessi strumenti che va auspicando e decantando verso gli altri tifosi...e che grazie alla sua carica e posizione politica se ne é fatto un baffo alias due pesi e due misure...non fa sorridere, ma fa spanciare dalle risate. quel che avete seminato ora raccogliete. Ridicoli
seo56 11 mesi fa su tio
Ci vuole un PP straordinario per far chiarezza sull’intero dossier
Cech 11 mesi fa su tio
Saranno in diversi, da Bellinzona a Lugano, a dover fare le valige e restare a casa come ci hanno imposto di fare quelli dello Stato maggiore di condotta durante la pandemia Covid. Quello che e’ emerso finora non e’ che la punta di un iceberg. Anche nella Sanità e chi da dove altro ci sono gravi lacune nonche’ problemi da risolvere. E’ proprio ora di finirla con il nepotismo ed il doppiogiochismo nello Stato!
vulpus 11 mesi fa su tio
Ma il consigliere di stato, che tanta meraviglia si fa, pensa veramente di essere estraneo a questa situazione? Se sono oberati di lavoro è più che plausibile che i risultati possano anche essere considerati " scarsi". Se avessero 100 pratiche all'anno da evadere è logico pensare che tutti sarebbero promossi. Si diano le risorse necessarie a disposizione, visto anche la possibilità di nominare procuratori temporanei. Rimane poi l'interrogativo sulle effettive capacità del PG di gestire la situazione.
Pongo 11 mesi fa su tio
pensate a quanta gente è stata condannata dai procuratori sospesi in questi anni, pensate agli avvocati... bo.. criminali che giudicano altri criminali
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 12:52:25 | 91.208.130.87