YURI PIX'YS SORY
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
2 ore
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
4 ore
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
CANTONE
4 ore
Nella Valle del Sole baciati dal sole
Dopo un anno di pausa, si è svolta ieri la Giornata cantonale dei Sentieri.
CADENAZZO
4 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
VERZASCA
4 ore
Chiusa per una notte parte della cantonale Gordola-Sonogno
La strada in zona Lavertezzo chiesa sarà chiusa da giovedì 30 settembre alle 20 al primo ottobre alle 5.30.
MENDRISIO
6 ore
Maltempo in arrivo: domenica il treno del Generoso si ferma
Per questioni di sicurezza, i convogli non circoleranno e il Fiore di pietra resterà chiuso
FOTO
LOCARNO
8 ore
Pompieri in via Bustelli, incendio in una lavanderia
La strada è stata chiusa. Sul posto sono accorsi i pompieri, un'ambulanza e alcuni agenti di polizia
CANTONE
8 ore
Entrata in Svizzera: ecco il modulo per notificare il secondo test
Dallo scorso 20 settembre all'ingresso nel nostro paese per i non vaccinati vale la regola del doppio test
FOTO
CANTONE
9 ore
In trecento per “Ti ho raccolto”
La scorsa domenica l'evento ha avuto successo nonostante la pioggia
CANTONE
9 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CASLANO
10 ore
Una giornata per (ri)pulire Caslano
L'evento "Verde Pulito" si terrà nella giornata di domani sul lungolago della località malcantonese.
CANTONE
10 ore
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
MALVAGLIA
03.09.2020 - 07:000
Aggiornamento : 08:57

La danza può cambiare la vita e trasformarti in un campione

Per Mattia Kaufmann, fisioterapista e campione di breakdance, il corpo è un santuario e bisogna prendersene cura.

di Redazione
GAIA NANNINI

MALVAGLIA - Mattia Kaufmann, in arte “Bboy Metya”, ha 26 anni e danza da quando di anni ne aveva appena 12. Nella sua carriera ha raggiunto ottimi risultati in diverse competizioni e ora ha ottenuto il titolo di campione svizzero di breakdance.

Quando ha iniziato a ballare?
«Nel 2006. Dopo avere guardato dei video su youtube, e anche grazie all’aiuto di mia mamma, ho seguito dei corsi, dopodiché ho cominciato ad allenarmi individualmente e con alcuni amici (nexus crew). La danza mi ha fatto conoscere persone eccezionali, una delle quali la mia ragazza, ottima ballerina di hip hop».

Ha partecipato a competizioni importanti?
«L’anno scorso sono andato a Phoenix, in Arizona, per i campionati mondiali di hip hop, partecipando alla battaglia “1 vs 1”. Quest’anno, invece, ho preso parte alle gare svizzere di hip hop con una mega crew (S.W.A) della scuola Fit&Gym di Roveredo, dove insegno, e siamo arrivati primi. Inoltre, l’anno scorso ho gareggiato ai campionati svizzeri IDO (International Dance Organization), classificandomi al primo posto e sono stato selezionato per i mondiali a Bremerhaven, in Germania».

Come ricorda la sua esperienza ai mondiali?
«Dopo 15 ore di viaggio la stanchezza non si era fatta sentire: ero un fascio di energia. Le selezioni sono state difficili, ma quando ho letto sull’albo il mio nome nella lista dei classificati è stato impagabile. Alla fine ho ottenuto il 5° posto. Pur sapendo che avrei potuto fare di meglio, ancora oggi sono fiero e sono già carico per il prossimo mondiale: purtroppo quest’anno è stato rinviato a causa della pandemia».

È comunque campione svizzero.
«Essere sul podio è per me un ottimo risultato! Oltre al certificato che mi permette di accedere ai mondiali, ho ricevuto una coppa e un premio di 100 franchi. L’orgoglio più grande è però ciò che ho potuto imparare tramite l’esperienza e i ricordi delle bellissime emozioni che ho provato e che porterò sempre con me».

È difficile conciliare sport e lavoro?
«Una parola: organizzazione. Due volte a settimana insegno breakdance a bambini e ragazzi. Spesso mi invitano a condurre dei workshop durante il weekend. Ciò che mi rende più felice è trasmettere la mia passione agli altri. Generalmente mi alleno fino a tre volte a settimana in gruppo e due volte singolarmente a casa. Cerco sempre di lasciare qualche giorno di riposo. Anche sul lavoro prendo ispirazione da esercizi di breakdance. Pur lavorando in due studi privati, entrambi i datori di lavoro mi sostengono e riesco a organizzare gli allenamenti».

Ha mai pensato di fare della sua passione la sua professione?
«Durante i primi anni ci ho pensato. Ora ritengo che il fisioterapista sia una delle professioni più belle al mondo e mai smetterei di svolgerla. La breakdance è diventata parte integrante del mio stile di vita. Di corpo ne abbiamo uno e ci accompagnerà per sempre: merita dunque di essere trattato nel migliore dei modi. Sappiamo che la mente influenza il corpo e viceversa e penso che avere una passione aumenti la possibilità di trovare attimi importanti da dedicare a se stessi e aiuti a distrarsi dalla routine quotidiana».


BBOY METYA

Una disciplina per mezzo milione di ballerini
L’International Dance Organization (IDO), è una federazione mondiale di danza con sede in Danimarca, composta da oltre 90 nazioni e rappresentata da oltre 500.000 ballerini di tutti i sei i continenti. «Ciò che la caratterizza è il metodo di selezione, dove i partecipanti vengono divisi in tre gruppi e ogni gruppo balla per 40 secondi. Quando tutti gli sfidanti si sono esibiti, si ricomincia nello stesso ordine, per tre volte consecutive», spiega Kaufmann. «Questi rounds servono ai giudici per confrontare i ballerini e scegliere, tramite dei criteri di valutazione, chi selezionare per la battle. A dipendenza del numero iniziale dei concorrenti, ne vengono selezionati 16 o 8, che si sfideranno poi nell’1 vs 1». Il breakdancer ticinese è in prima fila. «La competizione mi spinge a fare sempre meglio, a dare il massimo e a superare i miei limiti. Quando ottengo un buon risultato, è sempre un'enorme soddisfazione!».

SUSANA LUZIR
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 20:00:51 | 91.208.130.89