TiPress - foto d'archivio
CANTONE
04.06.2020 - 14:410

Salario minimo, niente effetto sospensivo per i ricorsi

Il Partito socialista esprime soddisfazione. «Probabilmente volevano continuare a sottopagare il personale»

BELLINZONA - I due ricorsi presentati a fine aprile al Tribunale federale contro la legge cantonale sul salario minimo non avranno effetto sospensivo. Mon Repos lo ha annunciato oggi, come riferisce il Partito socialista, che si dice «soddisfatto».

La legge sul salario minimo - tra i 19,75 e i 20,25 franchi all’ora - è stata votata dal Gran Consiglio l’11 dicembre dello scorso anno, dopo quattro anni dall’iniziativa “Salviamo il lavoro in Ticino”. L’entrata in vigore è prevista il 1. gennaio 2021.

I due ricorsi (presentati da ditte del Sottoceneri, concentrate soprattutto nel Mendrisiotto) non hanno incassato l’effetto sospensivo da parte del Tribunale federale. «Il PS giudica molto positivamente la decisione - si legge in un comunicato stampa -. Il ricorso è stato presentato probabilmente per il desiderio di continuare a sottopagare il proprio personale. Auspichiamo che il Tribunale federale decida in tempi rapidi in merito al contenuto stesso del ricorso, così da evitare situazioni prolungate di incertezza per i dipendenti e per le imprese».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-25 12:17:33 | 91.208.130.85