BREAKING NEWS
Coronavirus, altri 590 casi in Svizzera. In totale sono 22'242
Ti Press
Il direttore del DSS Raffaele De Rosa
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 min
Le banche hanno aperto i rubinetti
Erogati crediti per 774 milioni solo in Ticino. L'Abt: «Misure importanti»
CANTONE
2 ore
Parte la riabilitazione per i pazienti Covid
Alla Clinica di Novaggio sono già arrivati i primi pazienti.
NOVAGGIO
2 ore
Prestiti a tasso zero per l'economia di paese
Il Municipio ha previsto anche agevolazioni su imposte comunali, tasse base e affitti di stabili comunali
CANTONE / ZURIGO
2 ore
«Solo un divieto fermerà l'esodo pasquale verso il Ticino»
Per l'esperto tuttavia il proibizionismo può avere ripercussioni psicologiche: «Meglio una corretta informazione»
LUGANO
3 ore
Il PPD pensa ai collaboratori su chiamata
Interrogazione al Municipio su una categoria toccata dalla crisi coronavirus ma meno salvaguardata
AIROLO
4 ore
Tragedia ferroviaria di Airolo dovuta a un errore umano
Lo ha stabilito il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza. Le FFS rivedono la formazione del personale
CANTONE
4 ore
Promozioni nel corpo sottufficiali, tre i ticinesi
Avranno effetto dal primo aprile. Ecco chi sono il nuovo aiutante maggiore e i due aiutanti di stato maggiore
CANTONE
4 ore
Coronavirus, in Ticino 2'599 casi e 198 morti
Nelle ultime ventiquattro ore altre 53 persone sono risultate positive al Covid-19. Nove i nuovi decessi
CHIASSO
4 ore
Coronavirus, e salta anche Festate
Il Festival di Culture e Musiche del Mondo, che avrebbe festeggiato la sua 30esima edizione, slitta di un anno
BELLINZONA
4 ore
Tragedia sui binari, la vittima è un macchinista
Nuovi dettagli sull'incidente avvenuto questa notte a Bellinzona
CANTONE
26.03.2020 - 10:260

Assistenza e assegni familiari, semplificate le procedure

I contatti personali agli sportelli comunali saranno in questo modo ridotti

BELLINZONA - Vista la situazione straordinaria dovuta al coronavirus, il Dipartimento della sanità e della socialità ha disposto delle procedure semplificate per il rinnovo delle prestazioni assistenziali, il posticipo dei termini per il rinnovo e la revisione periodica del diritto AFI/API e una procedura di inoltro delle nuove domande più semplice.

Prestazioni assistenziali: semplificazione del processo di rinnovo periodico del diritto alla prestazione e di inoltro della nuova domanda  

Rinnovo del diritto alla prestazione assistenziale

Il rinnovo del diritto va effettuato tramite il normale formulario che potrà eccezionalmente essere firmato da un unico referente: l’utente, il Comune di domicilio oppure il curatore. Considerata la difficoltà nel raccogliere tutta la documentazione necessaria, la richiesta di rinnovo dovrà essere corredata unicamente dei documenti che attestano le entrate percepite o eventualmente l’estratto conto postale o bancario.

Il Comune si occuperà poi di trasmettere elettronicamente il formulario all’Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento (USSI). In caso di giustificati motivi verrà accettata anche la richiesta di rinnovo pervenuta direttamente dall’utente.  

Procedura per nuova domanda di prestazione assistenziale

La nuova procedura da seguire non prevede contatti personali con gli sportelli comunali (Comune o Sportello Laps) e con l'Amministrazione cantonale, ma sfrutta i mezzi di comunicazione a distanza (telefono, posta e e-mail). L’utente potrà dunque annunciarsi telefonicamente al suo Comune di domicilio che si preoccuperà di trasmettergli la documentazione necessaria per l’apertura della nuova domanda.  

Queste procedure semplificate resteranno in vigore fino alla revoca dello stato di necessità sul territorio cantonale.  

Per informazioni di dettaglio, si prega di prendere contatto telefonico con il proprio Comune di domicilio oppure con l’Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento, inviando un’e-mail a dss-ussi@ti.ch.      

Assegni familiari integrativi e di prima infanzia (AFI-API): posticipo dei termini per rinnovo o revisione periodica del diritto e nuova procedura semplificata per inoltrare una nuova domanda  

In caso di rinnovo o di revisione periodica del diritto agli AFI-API

I termini sono posticipati di due mesi. Quindi, se il termine per inoltrare il rinnovo oppure la revisione periodica del diritto agli AFI e API scade al 31 marzo 2020 o al 30 aprile 2020, esso è posticipato rispettivamente al 31 maggio 2020 e al 30 giugno 2020. Ai beneficiari interessati dalla proroga è versato l'importo degli assegni così come stabilito con l'ultima decisione cresciuta in giudicato.

L'Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) ha informato singolarmente per lettera ogni beneficiario in merito ai nuovi termini.  

Procedura per nuova domanda di AFI-API

La nuova procedura da seguire non prevede contatti personali con gli sportelli comunali (Comune o Sportello Laps) e con l'Amministrazione cantonale, ma sfrutta i mezzi di comunicazione a distanza (telefono, posta e e-mail). Per informazioni di dettaglio, si invita l'utenza a inviare un'e-mail al Servizio centrale delle prestazioni sociali: afi-api@ias.ti.ch. Si sottolinea che la nuova procedura è valida fino a nuovo avviso.  

Tutti i Comuni verranno informati sulle nuove procedure semplificate di cui sopra per il tramite della Sezione degli enti locali.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-07 14:50:54 | 91.208.130.85