FVR
BELLINZONA
15.10.2019 - 10:470
Aggiornamento : 13:06

Donna morta al Tertianum, nessuna responsabilità per la struttura

Per diminuire ulteriormente i rischi tutti i futuri appartamenti verranno muniti di rilevatori anti-fumo

BELLINZONA - A poco meno di quattro mesi dall'incendio che aveva causato il decesso di una residente del Centro abitativo e di cura Tertianum Turrita di Bellinzona, l'inchiesta ha potuto stabilire che le cause delle fiamme non sono imputabili allo stabile.

Il rogo - ricordiamo - era scoppiato al terzo piano di un appartamento situato nello stabile Gottardo. Il personale presente sul posto, allertato immediatamente, aveva prestato in modo repentino i soccorsi, ma la persona che abitava nell'appartamento era stata trasportata all'ospedale di Zurigo dove, a causa delle gravi ustioni subite, era deceduta.

La direzione generale del Gruppo Tertianum - viene precisato in una nota stampa - si è chinata immediatamente su quanto successo a Bellinzona e, affinché il rischio che una tale tragedia sia ulteriormente minimizzato, ha deciso di munire tutti i futuri appartamenti di rilevatori anti-fumo, sebbene la legge attuale non lo preveda.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-29 17:25:48 | 91.208.130.86