Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 ore
Processioni, Cassis: «A Pasqua ci ricordate che “la bellezza salverà il mondo”»
Il Consigliere federale è intervenuto in occasione dei festeggiamenti per l’inserimento delle processioni della Settimana Santa nel patrimonio Unesco
VIDEO
CANTONE/VENEZUELA
8 ore
Ecco cosa si inventa il "prete coraggio" per sfamare la gente
Don Angelo Treccani, missionario attivo da anni a El Socorro, ha realizzato una fabbrica accanto alla "sua" fattoria: produce mattonelle con canna da zucchero 
CANTONE
8 ore
Sostegno ai senza tetto, «più ticinesi di quello che si crede»
Giorgio Fonio esprime soddisfazione per lo stanziamento di 900'000 franchi a favore di chi sta vivendo un momento di disagio
CANTONE
12 ore
Case anziani: «Ridurre lo stress del personale»
Una mozione del gruppo socialista chiede al Governo di finanziare una migliore presa a carico degli ospiti
CANTONE / ITALIA
12 ore
«Mille euro in più nella busta paga» per i frontalieri
Il provvedimento votato dal Gran Consiglio osservato dall’Italia: «Alle ditte ticinesi costerà 5 milioni in più all’anno»
LUGANO
13 ore
Il Panathlon Club Lugano premia 5 talenti
I giovani sportivi hanno ricevuto un contributo di 1'500 franchi a testa
RIVERA
15 ore
Il primo cittadino fa visita a Nez Rouge
Il servizio ha registrato in questa prima parte del mese un leggero aumento delle attività
FOTO E VIDEO
PONTE TRESA
16 ore
Urta un’auto e si ribalta sul tetto a pochi metri dalla dogana
L’incidente è avvenuto in via Lungolago attorno alle 9.30. Forti disagi al traffico in entrambe le direzioni
CANTONE
19.06.2019 - 06:010
Aggiornamento : 08:35

I taxi sotto la lente del Cantone

A Lugano si attende ancora una decisione del Tram sulla nuova ordinanza comunale. Nel frattempo il Dipartimento delle istituzioni punta a una soluzione a livello ticinese

LUGANO - Taxi, si cambia! O perlomeno questa era l’intenzione nell’estate del 2015, quando la Città di Lugano aveva presentato una nuova ordinanza municipale volta a migliorare il settore. Ma dall’autunno dello stesso anno la modifica è bloccata da un ricorso, ancora in attesa di una decisione da parte del Tribunale cantonale amministrativo (TRAM).

Ora il caso potrebbe però diventare di interesse cantonale. A quasi quattro anni dalla proposta del Municipio luganese, il Dipartimento delle istituzioni mira infatti a una soluzione a livello ticinese. E i primi passi in questo senso saranno fatti il prossimo 1. luglio, in occasione di un incontro a Camorino al quale sono stati convocati i capidicastero dei principali centri del cantone.

Tale incontro, come si evince dalla lettera delle Istituzioni, permetterà di affrontare con i Comuni i vari temi sollevati sulla questione. Ed è un appuntamento che scaturisce a seguito di segnalazioni giunte dalle autorità chiassessi e locarnesi.

A Lugano c’è in particolare malcontento per la distinzione tra taxi di categoria A (attualmente se ne contano sedici) e quelli della B (questi ultimi, più numerosi, senza diritto di sosta su area pubblica). Una distinzione che l’ordinanza prevede quindi di abolire, aumentando il numero di quelle ex tipo A a 60/80 unità, così da garantire un servizio funzionante ventiquattro ore su ventiquattro.

Un congresso che dà lavoro
È cominciato ieri e terminerà il prossimo 22 giugno: si tratta dell’annuale Congresso internazionale sui linfomi maligni, che quest’anno porta a Lugano oltre 4’000 specialisti provenienti da tutto il mondo. Specialisti che soprattutto al loro arrivo hanno bisogno di un taxi per spostarsi dall’aeroporto o dalla stazione ferroviaria fino all’albergo. Sicuramente un’occasione d’oro per i tassisti attivi sul territorio, «ma con l’ordinanza bloccata, quelli di categoria A stanno man mano diminuendo» ci dice un tassista B.
Una categoria, la sua, che attende con impazienza l’entrata in vigore della nuova ordinanza cittadina. «Non si tratta di una guerra tra categorie, ma della volontà di unirsi per poter fornire un servizio taxi che sia degno della città» afferma ancora il nostro interlocutore. Già in altre occasioni i tassisti B avevano sottolineato il contesto difficile in cui si trovano a operare: confrontati con la concorrenza degli NCC (il servizio di noleggio con conducente) e con numerosi controlli.

Commenti
 
Michela Gaggini 5 mesi fa su fb
Fatte un taxi unico non A e B
miba 5 mesi fa su tio
Capisco perché Uber va alla grande.......
roma 5 mesi fa su tio
N.C.C.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-15 03:07:20 | 91.208.130.87