ULTIME NOTIZIE Ticino
POSCHIAVO (GR)
1 ora
Incidenti sul lavoro: un imprenditore poschiavino condannato in Italia
Le vittime del sinistro, un uomo decapitato dal cavo di una teleferica e un ferito grave, si trovavano a Grosio (Sondrio)
LUGANO
2 ore
Risultato record: 103'000 utenti al giorno per Tio
Per la prima volta i lettori online superano quelli dei media cartacei. Enrico Morresi: «I contenuti sono più importanti del supporto»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
4 ore
Si pattina a suon di Sgaffy. È partito Locarno On Ice
La manifestazione invernale più apprezzata del Ticino festeggia 15 anni con tante novità
CANTONE
5 ore
Fioristi agguerriti: «Così vi facciamo dimenticare i cattivi pensieri»
Vendere una semplice stella di Natale o un amarillis non basta più. Da ormai diversi anni l’Avvento si trasforma in una sfida basata sui colpi di genio. E sulla capacità di stupire
Attualità
5 ore
Dal fotovoltaico allo studio sui batteri: quando la Supsi progetta al fronte
Il mandato che il Cantone ha stipulato con la scuola comprende sedici ambiti. Tra i molti abbiamo selezionato tre progetti
AIROLO
5 ore
A Pesciüm si scia dal 30 novembre
Le condizioni meteo particolarmente favorevoli hanno permesso di preparare le piste
SAN BERNARDINO
6 ore
La neve è arrivata: parte la pre-season
L'apertura parziale delle infrastrutture invernali è prevista per il 23 e il 24 novembre
CANTONE
6 ore
Fumo o svapo: «Meglio buttarsi dal primo piano, piuttosto che dal quinto»
I medici americani chiedono lo stop alla sigaretta elettronica. Tanti i dubbi sullo svapo. Ma in Svizzera il mercato è in ascesa. Ecco cosa ne pensano gli esperti ticinesi. Guarda il video
LUGANO
6 ore
«Chi di conflitto di interessi parla, in conflitto di interesse è!»
Il PLR replica alle accuse leghiste rivolte nei confronti della loro capogruppo in consiglio comunale, Karin Valenzano Rossi
CANTONE
6 ore
I social media riscuotono interesse turistico
Oltre trenta le persone che hanno preso parte a una formazione proposta ai partner di Lugano Region e Mendrisiotto Turismo
LOCARNO
7 ore
Monte Brè, l'incontro in Municipio
L'Esecutivo cittadino ha incontrato i promotori del progetto privato che mira a edificare nuove costruzioni di stampo turistico e alberghiero nel quartiere
BELLINZONA
7 ore
Il premio Robert Wenner ad Andrea Alimonti
Il capogruppo dell'Istituto oncologico di ricerca di Bellinzona riceverà 100'000 franchi per le sue scoperte sulle cellule tumorali
MENDRISIO
8 ore
Un nuovo contratto collettivo per FoxTown
Ne beneficeranno, dal 1° gennaio, oltre 1200 collaboratori attivi nei 160 negozi del Centro
CANTONE
11.10.2018 - 15:150

Cantonali 2019: «Più donne, più democrazia»

Lo chiede la Federazione delle associazioni femminili Ticino. I dati d'altra parte sono desolanti: zero donne in Governo, solo una su quattro in Gran Consiglio

MASSAGNO - In vista delle elezioni cantonali di aprile 2019, FAFTPlus, la Federazione delle associazioni femminili Ticino, lancia una campagna per più donne in politica. «È ora che la politica riparta dalle donne, che hanno talento, competenze, idee e voglia di fare - sottolinea la federazione in un comunicato odierno -. La democrazia ha bisogno anche del loro contributo. Non è solo una questione di giustizia. Ci sono molti altri buoni motivi».

In Svizzera, quasi il 52% della popolazione è rappresentato da donne, ma la percentuale delle elette nei Parlamenti e Governi cantonali è tra il 24-26%, mentre in Consiglio nazionale è del 32% e solo del 15% nel Consiglio degli Stati (dati 2015).

Dati desolanti in Ticino - In Ticino, l’elettorato femminile si attesta attorno al 54%, ma oggi in Consiglio di Stato le donne rappresentano lo 0% e in Gran Consiglio solamente il 25.5%.

I motivi della campagna - «Non è solo una questione di pari opportunità e giustizia, ma anche di equa rappresentanza della realtà, dove le donne ci sono e contano, e dunque dovrebbero esserci e contare anche nello spazio pubblico», spiega FAFTPlus.

#iovotodonna vuole quindi accorciare le distanze tra le cittadine e la politica attiva, ma anche far riflettere i partiti e l’elettorato sui benefici per le istituzioni democratiche di promuovere talenti femminili, sia per rinnovare il personale politico, sia per arricchire il confronto sui temi di interesse collettivo.

La campagna - #iovotodonna ha l’obiettivo di sensibilizzare le donne, i partiti e l’opinione pubblica sui benefici di una maggiore presenza femminile in politica.

Elemento centrale della prima parte della campagna è l’esortazione «Proponiti per le prossime elezioni cantonali 2019» seguita dalla spiegazione «È ora che la politica riparta dalle donne, che hanno talento, competenze, idee e voglia di fare. Donne tanto normali da essere straordinarie e di cui il Ticino ha più che mai bisogno».

La seconda parte della campagna, che partirà a fine inverno, avrà invece come obiettivo quello di convincere l’elettorato a votare una candidata donna e sarà incentrata sul dare visibilità alle candidate di qualsiasi partito, schieramento e movimento.

A sostegno della campagna è stato creato un sito internet dedicato: www.iovotodonna.ch e una community su Facebook: www.facebook.com/iovotodonna e l'hashtag #iovotodonna

Commenti
 
Zico 1 anno fa su tio
poche balle. l'elettottorato femminile si attesta al 54%. quindi nemmeno le donne votano le donne, se no sarebbero in maggioranza sia in governo che in GC. ed in ogni lista di donne ce ne sono. piantiamola con queste quote rosa ed elezione forzata, chi è capace è sempre stata eletta. il resto sono cagate!
Tato50 1 anno fa su tio
@Zico Oggi sulla Regione c'era un annuncio a pagamento che più o meno diceva così "Sei donna e Avvocato? Allora canditati e fai politica ". Deduco che se non sei Avvocato, rinuncia (questo lo scrivo io);-(( Che rispetto verso le altre donne ;-))
MIM 1 anno fa su tio
Più donne non vuol dire più democrazia. Ho visto ancora recentemente (ieri per la precisione) due donne che si prendevano per i capelli.
Ulysse Golden 1 anno fa su fb
Piu donne ma competenti, non per avere una parita maschi et femmine
Simone Canepa 1 anno fa su fb
Non è maschilismo, ma quando penso alle donne in governo, che sia cantonale o federale, mi vengono in mente la sommaruga e alla widmer-schlumpf, e mi viene l'angoscia...
Danny50 1 anno fa su tio
Più donne più disastri. Basta guardare le consigliere federali sin da quando sono state eleggibili ed elette. Un immane danno per la Svizzera, con Dreyfuss e Schlumpf che detengono la medaglia d’oro !
skorpio 1 anno fa su tio
Occorre votare chi merita ed è capace....il problema è che non c è nessuno con questi requisiti, voterò in bianco, se voterò..
Laura Bernasconi 1 anno fa su fb
Ma anche no, chi dice donna dice danno !!!!
Massimo D'Onofrio 1 anno fa su fb
Competenze pf.
SSG 1 anno fa su tio
Ma mi sembra ovvio che bisogna votare solo le persone capaci. Perché altrimenti io voglio uno con la barba lunga per rappresentare gli uomini barbuti, una con il "davanzale" formoso che rappresenta la categoria delle superdotate, un ciccione per i golosi, una tappetta per i nani da giardino, ecc..
matteo2006 1 anno fa su tio
Non guardo il genere o il cognome o il taglio di capelli o che abito porta o che sia destra o di sinistra non mi importa; un candidato deve dimostrare di essere competente e offrire soluzioni.
LAMIA 1 anno fa su tio
Bravo Nikooo.. Io voto chi è capace e chi dimostra di meritarlo MA QUESTO deve valere ANCHE PER I CONSIGLIERI FEDERALI..
Nikooo777 1 anno fa su tio
Io voto chi se lo merita e ha le capacità giuste. Semplice
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 23:46:33 | 91.208.130.85