ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
BELLINZONA
39 min
I Früsa Takia perdono il carro sulla via San Gottardo
Dopo avere partecipato al corteo, l’incidente di ritorno a Biasca
LUGANO
1 ora
La paura dei treni affollati. «Io lavorerò da casa»
L’effetto Coronavirus si fa sentire anche in alcune aziende ticinesi.
LUGANO
2 ore
Emergenza coronavirus, interpellanza anche alla Città
Il PLR chiede al Municipio se ha previsto delle misure per informare la popolazione e gestire eventuali casi di contagio
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
4 ore
È iniziato il mitico corteo del 157esimo Rabadan
Fra Guggen, gruppi e carri un pomeriggio di festa (e baciato dal sole) in quel di Bellinzona
BELLINZONA
5 ore
Quanta adrenalina, prima del super corteo
È il momento clou del carnevale Rabadan. Il backstage delle ore che lo hanno preceduto
CANTONE
5 ore
Coronavirus: «Nessun caso sospetto in Ticino. Ma siamo pronti»
Lo riferisce il DSS. Domani il gruppo di coordinamento allargato deciderà se attivare nuove misure
LUGANO
6 ore
L'Arcobaleno splenderà anche sul bike sharing?
Il gruppo PPD e GG in Consiglio comunale propone di integrare il servizio nell'abbonamento per i mezzi pubblici
CHIASSO
7 ore
Volevano entrare in Svizzera con 225 chili di hashish. Arrestati
Le manette sono scattate per due cittadini stranieri. Entrambi residenti all'estero
CANTONE
7 ore
Coronavirus: «Servono informazioni chiare e puntuali»
Il gruppo parlamentare socialista ha interpellato il Governo ticinese sulla gestione di un eventuale focolaio in Ticino
CANTONE
8 ore
«Rassicurazioni poco credibili. Saremo pronti quando arriverà?»
Tiziano Galeazzi interpella nuovamente il Consiglio di Stato sul coronavirus. 19 domande a tutti i Dipartimenti
MENDRISIO
10 ore
Sono due gli infermieri dell'Obv sotto inchiesta
Oltre all'uomo accusato dell'omicidio di 17 pazienti malati terminali è indagata un'infermiera per tentate lesioni gravi
VIDEO
TORRICELLA-TAVERNE
19 ore
Treno diretto al Rabadan fermo in stazione
In (almeno) un vagone è partito l’allarme antincendio. Forse si tratta di «una bravata»
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
«Nessuna limitazione all'ingresso»
L'Ufficio federale della sanità pubblica non intende intervenire alle dogane. «L'Italia segue la strategia comune»
CANTONE
11.10.2018 - 15:150

Cantonali 2019: «Più donne, più democrazia»

Lo chiede la Federazione delle associazioni femminili Ticino. I dati d'altra parte sono desolanti: zero donne in Governo, solo una su quattro in Gran Consiglio

MASSAGNO - In vista delle elezioni cantonali di aprile 2019, FAFTPlus, la Federazione delle associazioni femminili Ticino, lancia una campagna per più donne in politica. «È ora che la politica riparta dalle donne, che hanno talento, competenze, idee e voglia di fare - sottolinea la federazione in un comunicato odierno -. La democrazia ha bisogno anche del loro contributo. Non è solo una questione di giustizia. Ci sono molti altri buoni motivi».

In Svizzera, quasi il 52% della popolazione è rappresentato da donne, ma la percentuale delle elette nei Parlamenti e Governi cantonali è tra il 24-26%, mentre in Consiglio nazionale è del 32% e solo del 15% nel Consiglio degli Stati (dati 2015).

Dati desolanti in Ticino - In Ticino, l’elettorato femminile si attesta attorno al 54%, ma oggi in Consiglio di Stato le donne rappresentano lo 0% e in Gran Consiglio solamente il 25.5%.

I motivi della campagna - «Non è solo una questione di pari opportunità e giustizia, ma anche di equa rappresentanza della realtà, dove le donne ci sono e contano, e dunque dovrebbero esserci e contare anche nello spazio pubblico», spiega FAFTPlus.

#iovotodonna vuole quindi accorciare le distanze tra le cittadine e la politica attiva, ma anche far riflettere i partiti e l’elettorato sui benefici per le istituzioni democratiche di promuovere talenti femminili, sia per rinnovare il personale politico, sia per arricchire il confronto sui temi di interesse collettivo.

La campagna - #iovotodonna ha l’obiettivo di sensibilizzare le donne, i partiti e l’opinione pubblica sui benefici di una maggiore presenza femminile in politica.

Elemento centrale della prima parte della campagna è l’esortazione «Proponiti per le prossime elezioni cantonali 2019» seguita dalla spiegazione «È ora che la politica riparta dalle donne, che hanno talento, competenze, idee e voglia di fare. Donne tanto normali da essere straordinarie e di cui il Ticino ha più che mai bisogno».

La seconda parte della campagna, che partirà a fine inverno, avrà invece come obiettivo quello di convincere l’elettorato a votare una candidata donna e sarà incentrata sul dare visibilità alle candidate di qualsiasi partito, schieramento e movimento.

A sostegno della campagna è stato creato un sito internet dedicato: www.iovotodonna.ch e una community su Facebook: www.facebook.com/iovotodonna e l'hashtag #iovotodonna

Commenti
 
Zico 1 anno fa su tio
poche balle. l'elettottorato femminile si attesta al 54%. quindi nemmeno le donne votano le donne, se no sarebbero in maggioranza sia in governo che in GC. ed in ogni lista di donne ce ne sono. piantiamola con queste quote rosa ed elezione forzata, chi è capace è sempre stata eletta. il resto sono cagate!
Tato50 1 anno fa su tio
@Zico Oggi sulla Regione c'era un annuncio a pagamento che più o meno diceva così "Sei donna e Avvocato? Allora canditati e fai politica ". Deduco che se non sei Avvocato, rinuncia (questo lo scrivo io);-(( Che rispetto verso le altre donne ;-))
MIM 1 anno fa su tio
Più donne non vuol dire più democrazia. Ho visto ancora recentemente (ieri per la precisione) due donne che si prendevano per i capelli.
Ulysse Golden 1 anno fa su fb
Piu donne ma competenti, non per avere una parita maschi et femmine
Simone Canepa 1 anno fa su fb
Non è maschilismo, ma quando penso alle donne in governo, che sia cantonale o federale, mi vengono in mente la sommaruga e alla widmer-schlumpf, e mi viene l'angoscia...
Danny50 1 anno fa su tio
Più donne più disastri. Basta guardare le consigliere federali sin da quando sono state eleggibili ed elette. Un immane danno per la Svizzera, con Dreyfuss e Schlumpf che detengono la medaglia d’oro !
skorpio 1 anno fa su tio
Occorre votare chi merita ed è capace....il problema è che non c è nessuno con questi requisiti, voterò in bianco, se voterò..
Laura Bernasconi 1 anno fa su fb
Ma anche no, chi dice donna dice danno !!!!
Massimo D'Onofrio 1 anno fa su fb
Competenze pf.
SSG 1 anno fa su tio
Ma mi sembra ovvio che bisogna votare solo le persone capaci. Perché altrimenti io voglio uno con la barba lunga per rappresentare gli uomini barbuti, una con il "davanzale" formoso che rappresenta la categoria delle superdotate, un ciccione per i golosi, una tappetta per i nani da giardino, ecc..
matteo2006 1 anno fa su tio
Non guardo il genere o il cognome o il taglio di capelli o che abito porta o che sia destra o di sinistra non mi importa; un candidato deve dimostrare di essere competente e offrire soluzioni.
LAMIA 1 anno fa su tio
Bravo Nikooo.. Io voto chi è capace e chi dimostra di meritarlo MA QUESTO deve valere ANCHE PER I CONSIGLIERI FEDERALI..
Nikooo777 1 anno fa su tio
Io voto chi se lo merita e ha le capacità giuste. Semplice
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-23 19:04:44 | 91.208.130.86