Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CADENAZZO
1 ora
Le Forze Speciali hanno sbagliato qualcosa
All'ex postribolo Monnalisa era in corso un'esercitazione "top secret" dei corpi scelti
FOTO
MENDRISIO
2 ore
Un albergo che va dalla Sighignola al Bisbino
Tutto è (quasi) pronto per l'albergo diffuso del Monte Generoso: «È un progetto unico nel sul genere in Ticino».
MORCOTE
2 ore
Il sole che fa maturare l'uva e funzionare la cantina
La Tenuta del Castello di Morcote inaugura il progetto alimentato interamente ad energia solare
LOCARNO
3 ore
La Santa Chiara non è così malmessa
I conti migliorano dopo un prestito da 1,5 milioni e una rivalutazione immobiliare
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
3 ore
Auto in fiamme davanti alla Sezione della Circolazione
L'incendio è divampato questo pomeriggio in via ala Monda a Camorino.
VIDEO
CANTONE
3 ore
Sul confine sale la febbre da derby
Stasera va in scena la partita di Euro 2020 certamente più sentita in Ticino, quella contro l'Italia.
FOTO
CANTONE
4 ore
Alla ricerca dei tesori della Valle di Blenio
Interessante novità, rivolta in particolare alle famiglie, lanciata stamattina: sono due cacce al tesoro digitali.
CANTONE
4 ore
Il Cantone sostiene le colonie estive
Il Consiglio di Stato ha attuato un pacchetto di misure per le attività di giovani e bambini.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
I danni del maltempo? Soprattutto in Ticino e a Lucerna
Il 2020 rientra fra i dieci anni con meno danni. I costi complessivi aumentano a quaranta milioni di franchi
CANTONE
5 ore
ACS sezione Ticino: comitato rieletto al gran completo
Anche per il prossimo triennio il presidente sarà Giacomo Garzoli, coadiuvato come vice da Simone Gianini.
CANTONE
6 ore
Le finanze cantonali vanno (un po') meglio del previsto
Con l'aggiornamento del preventivo 2021, si stima ora un disavanzo di 175,5 milioni di franchi
CANTONE
7 ore
Svelato il quarto nome di Castle On Air
Si tratta del cantante/trapper milanese Ernia a Castelgrande per il tour del suo album “Gemelli”
LOCARNO
31.01.2018 - 08:320
Aggiornamento : 10:26

«Lobby dei farmaci forte, e medicine troppo care»

Dottori e ambulatori denigrati? Stefan Meierhans, Mister Prezzi, assolve il nuovo Tarmed, e incita comunque il Consiglio federale a cambiare strategie

LOCARNO – Medici denigrati. Cure ambulatoriali impoverite. Sono le conseguenze dell’introduzione del nuovo Tariffario medico (Tarmed) secondo Daniela Soldati, membro del consiglio d’amministrazione della Clinica Santa Chiara di Locarno. In una recente intervista a Ticinonline/ 20 Minuti la dottoressa Soldati ha criticato le scelte del Consiglio federale, facendosi portavoce di un malessere che aleggerebbe nelle strutture sanitarie svizzere. In particolare in Ticino. E poi spunta l’accusa: i risparmi andavano fatti sul prezzo dei farmaci. Con l’aggancio a uno studio pubblicato di recente da Mister Prezzi, Stefan Meierhans. Lo stesso Mister Prezzi ha accettato di farsi intervistare su questa spinosa questione.

Signor Meierhans, anche lei pensa che il nuovo Tarmed sfiducerà medici e ospedali?
«Da anni i partner tariffali, vale a dire i fornitori di prestazioni e gli assicuratori, sanno che devono rivedere la struttura del Tarmed, in quanto vetusta. Purtroppo non sono riusciti ad intendersi su una nuova struttura».

Dunque?
«Il Consiglio federale ha dovuto intervenire adeguando il tariffario medico. Gli adeguamenti del Tarmed in vigore dal primo gennaio 2018 intendono correggere le tariffe eccessive di alcune prestazioni, ridurre gli incentivi sbagliati e aumentare la trasparenza. Una struttura tariffaria più corretta non dovrebbe scoraggiare nessuno, anzi».

Secondo la dottoressa Soldati, il Consiglio federale non avrebbe mai dovuto interferire su una questione che, per legge, doveva essere regolata tra le parti in causa. Lei cosa ne pensa?
«L’intervento del Consiglio federale è sussidiario. E gli adeguamenti decisi rimangono una soluzione transitoria. I partner tariffali hanno, comunque, il compito di sottoporre per approvazione al Consiglio federale una revisione totale del Tarmed».

Sinceramente, da consumatore, cosa pensa del nuovo Tarmed?
«La nuova struttura è più appropriata. E dovrebbe permettere l’auspicato risparmio di circa 470 milioni di franchi all’anno. Gli adeguamenti saranno monitorati, così da stabilire se gli obiettivi del nuovo Tarmed saranno raggiunti».

Il Governo avrebbe dovuto, e potuto, risparmiare puntando sull'abbassamento del prezzo dei farmaci?
«I costi sanitari aumentano notevolmente. Se vogliamo una sanità di qualità e a costi ragionevoli, occorre intervenire con misure di contenimento. Anche nel settore dei medicinali».

Lei in novembre ha pubblicato una statistica secondo cui in Svizzera si potrebbe risparmiare parecchio sul prezzo dei farmaci. 
«Abbiamo pubblicato un confronto con l’estero dei prezzi dei generici e dei farmaci originali con brevetto scaduto. Da questo studio è emerso che i prezzi svizzeri continuano a essere chiaramente eccessivi e che urgentemente devono essere attuate misure di contenimento». 

Perché questa sua presa di posizione è stata ignorata?
«Non è stata ignorata. Il rapporto sulle misure di contenimento dei costi del gruppo d’esperti pubblicato in agosto 2017 e di cui il Consiglio federale ha presto atto il 25 ottobre 2017 contempla anche diverse misure che avanziamo da tempo. Ora il Dipartimento federale dell’interno deve presentare una serie di proposte per attuare queste misure».   

Secondo lei, quali sono i problemi che impediscono al Governo di spingere verso l'abbassamento del prezzo dei farmaci in Svizzera?
«L’industria farmaceutica rappresenta una lobby molto forte. Nonostante questo, il Consiglio federale ha annunciato progetti per l’introduzione di un sistema di prezzi di riferimento e per ridurre i margini di distribuzione dei farmaci».

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 3 anni fa su tio
Per prima cosa i medici stessi, quando si inizia una nuova terapia, dovrebbero dare un medicamento da 30 pastiglie, se esiste, e non da 100. Se non funziona e gli effetti collaterali peggiorano la situazione il paziente avrà speso un terzo. Seconda cosa, in Farmacia, ti danno un generico e ho visto tantissima gente rifiutarlo. Sarà caro rispetto ad altre Nazioni ma sempre meno di quello originale. Forse dovrebbero cominciare i Medici a dare il buon esempio e obbligare il paziente a prendersi il "generico" tramite ricetta; probabilmente non lo fanno perché non sanno nemmeno che esiste ;-((
Salbra 3 anni fa su tio
E avanti con le Lobby in Svizzera...quelle dei farmaci...quelle della carne... ecc. ecc. l'importante è salassare il povero svizzero...tanto lui i soldi li ha !!!!
mimi63 3 anni fa su tio
si capisce perché tantissima gente compra i farmaci in italia!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-16 19:25:01 | 91.208.130.89