Cerca e trova immobili
Raccolte 140mila firme contro la riforma del secondo pilastro

SVIZZERARaccolte 140mila firme contro la riforma del secondo pilastro

27.06.23 - 15:02
La sinistra e i sindacati hanno avuto successo: il referendum è riuscito
KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE (ALESSANDRO DELLA VALLE)
Fonte ats
Raccolte 140mila firme contro la riforma del secondo pilastro
La sinistra e i sindacati hanno avuto successo: il referendum è riuscito

BERNA - Il popolo sarà chiamato a esprimersi circa la riforma del secondo pilastro. Il referendum lanciato a fine marzo dalla sinistra e dai sindacati è riuscito: i promotori hanno consegnato oggi alla Cancelleria federale circa 140 mila firme, ben più del necessario (50 mila).

Nelle ultime settimane, la mobilitazione non è calata contro un progetto «pessimo su tutta la linea», hanno affermato gli oppositori alla riforma. Oltre ai sindacati, al PS e ai Verdi, il referendum è stato pure sostenuto dai periodici per la tutela dei consumatori "Bon à savoir" e "K-Tipp".

Calo delle rendite e compensazione
Adottata dal Parlamento durante la sessione primaverile delle Camere federali, la riforma della previdenza professionale (LPP21) comporta riduzioni delle rendite che possono arrivare fino a 3'240 franchi all'anno, secondo i promotori del referendum.

La riforma prevede una diminuzione del tasso di conversione, dal 6,8% al 6%, che - secondo i sostenitori - è necessaria a causa dell'aumento dell'aspettativa di vita. Il capitale accumulato da un pensionato durante la sua attività professionale si tradurrà quindi in una pensione più esigua.

La metà delle persone assicurate beneficerà di una compensazione delle rendite durante un periodo transitorio di 15 anni. La soglia di accesso al secondo pilastro sarà abbassata, il che permetterà a 100'000 persone di essere assicurate di nuovo o meglio, secondo i sostenitori della riforma.

Donne nuovamente penalizzate
Dal canto loro, i promotori del referendum deplorano il fatto che, dopo l'aumento dell'età pensionabile, le donne saranno nuovamente penalizzate. La maggioranza di esse subirà un calo delle rendite. Sinistra e sindacati ricordano che durante la campagna di votazione sul progetto AVS21 i partiti borghesi avevano promesso di affrontare il problema delle rendite troppo basse, in particolare quelle delle donne.

I partner sociali e il Consiglio federale avevano sottoposto «un buon compromesso» al Parlamento, «ma le lobby dei fornitori di prestazioni, quali le assicurazioni e le banche, hanno imposto i loro interessi al Parlamento», denuncia il comitato referendario.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Tirasass 1 anno fa su tio
Bene. Difendiamoci, visto che soldi x quelli che lavorano non ce n è mai, tocca a noi non mollare l'osso. La ricchezza (che c'è) va redistribuita un po' meglio
NOTIZIE PIÙ LETTE