SVIZZERA«Puntiamo sugli sviluppi tecnologici»

18.01.23 - 18:57
Il nuovo "ministro" dell'energia svizzero Albert Rösti è intervenuto al Congresso svizzero dell'elettricità in programma a Berna.
Keystone
Fonte ATS
«Puntiamo sugli sviluppi tecnologici»
Il nuovo "ministro" dell'energia svizzero Albert Rösti è intervenuto al Congresso svizzero dell'elettricità in programma a Berna.

BERNA - Il consigliere federale Albert Rösti conta sull'apertura alla tecnologia per quanto riguarda la produzione di elettricità in Svizzera. Non si sa quali tecnologie saranno sviluppate nei prossimi 20 o 30 anni, ha dichiarato oggi il nuovo "ministro" dell'energia al Congresso svizzero dell'elettricità, che si tiene oggi e domani a Berna.

Per quanto riguarda le centrali nucleari, ha dichiarato che «oggi parliamo di una durata di vita di 60 anni». Ciò significa che la centrale nucleare di Leibstadt (AG) dovrebbe poter rimanere collegata alla rete per altri 20 anni. Spera che si possano garantire i necessari investimenti per l'ammodernamento degli impianti atomici esistenti.

Dove non fosse il caso, l'Ufficio federale dell'energia (UFE) valuterà in che misura sia possibile fornire un sostegno, ha dichiarato Rösti ai rappresentanti del settore dell'elettricità. Tuttavia, non ha voluto fare alcuna promessa. Per Rösti, è importante che le centrali nucleari esistenti «siano in grado di funzionare e non vengano spente inutilmente in anticipo».

Nel 2017 il popolo ha votato a favore dell'abbandono del nucleare: all'epoca, la revisione della Legge federale sull'energia fu adottata con il 58% dei suffragi. La norma prevede che l'attività delle centrali non sia limitata finché saranno sicure. La costruzione di nuovi reattori atomici è invece vietata.

«Siamo troppo dipendenti dalle importazioni»

La quinta centrale nucleare svizzera, a Mühleberg (BE), è già stata disattivata definitivamente alla fine del 2019 dopo 47 anni di attività. Nel 2013, la direzione dell'azienda elettrica bernese BKW ha constatato che il reattore non generava abbastanza profitti per giustificare gli ammodernamenti richiesti all'epoca, dopo la catastrofe di Fukushima, in Giappone.

Quando il moderatore al congresso gli ha chiesto se avesse in mente un cambiamento di paradigma per il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), Rösti ha risposto in modo pacato: «Aspetti un po'». Fa parte della politica che un nuovo ministro stabilisca una o due priorità in modo diverso. Sarà lieto di dire di più su questo argomento «tra qualche mese».

Prima di tutto, il nuovo capo del DATEC intende concentrarsi sugli aspetti su cui c'è accordo: in particolare la necessità di un rapido aumento della produzione nazionale di elettricità. L'analisi per la Svizzera è chiara: «Siamo troppo dipendenti dalle importazioni, soprattutto da quelle di energia elettrica», ha detto il consigliere federale.

Potenziamento dell'energia solare e idroelettrica

In questo contesto, Rösti ha fatto riferimento, tra l'altro, al previsto e urgente potenziamento dell'energia solare e idroelettrica, sottolineando anche la grande importanza delle capacità di stoccaggio e la necessaria espansione della rete elettrica. «Dobbiamo affrontare questo problema», ha sottolineato. Ora si tratta di eliminare i molti ostacoli.

Rösti (UDC) è diventato ufficialmente il nuovo capo del DATEC all'inizio dell'anno, succedendo a Simonetta Sommaruga (PS).

All'incontro annuale del settore, organizzato dall'Associazione delle aziende elettriche svizzere (VSE) e dall'Associazione professionale per l'elettrotecnica, la tecnica energetica e l'informatica (Electrosuisse), hanno partecipato circa 400 rappresentanti del mondo politico, economico e della ricerca.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE